Babbuino Gelada: caratteristiche, comportamento e habitat

Esistono centinaia di specie di primati, però pochi sono schivi come il babbuino Gelada ((Theropithecus gelada). Questo animale vive nelle praterie più alte dell’Etiopia, ed è conosciuto come la scimmia dal cuore sanguinante per la singolare colorazione del suo petto.

Il Gelada è l’ultimo membro del genere Theropithecus, al quale appartengono i babbuini giganti. Uno di loro, il Theropithecus oswaldi, viveva in Spagna e in altri paesi europei, e raggiungeva il peso degli enormi primati come il gorilla attuale.

Caratteristiche del babbuino Gelada

Il Gelada è un babbuino di medie dimensioni con il manto castano, e arriva a pesare 30 kg, sebbene di norma vada dai 12 ai 20 kg. Sia i maschi che le femmine presentano un petto rossiccio che sembra formare un cuore. 

Dispongono di una coda non prensile presente solo nei primati americani, come la scimmia cappuccina. Questa specie ha una speranza di vita di 14 anni, un ciclo riproduttivo di poco più di un mese e una gestazione di sei mesi. 

Sono state riconosciute due sottospecie di questo animale: T. gelada gelada e T. gelada obscurus, entrambe con il manto più scuro. Questo primate africano presenta un grande dimorfismo sessuale: i maschi hanno il pelo più voluminoso, specialmente sulle spalle, sulla testa e sulle guance. Le sue palpebre pallide e le sue enormi zanne rendono i suoi gesti minacciosi terrificanti.

Comportamento

A differenza di buona parte dei primati, il Gelada è esclusivamente terrestre. E’ un animale diurno che vive in gruppi composti da un maschio leader, alcune femmine e altri maschi conosciuti come seguaci. Questi branchi, in genere, sono formati da  300 esemplari.

babbuino Gelada in mezzo al prato

Il babbuino Gelada passa la maggior parte del tempo a mangiare le foglie e i fiori, e dedica gran parte della giornata a maneggiare gli alimenti, e questo fatto gli ha permesso di sviluppare il pollice opponibile. Si pulisce anche da solo come gli altri primati, ed emette dei suoni simili a dei mormorii.

Questi vocalizzi lo trasformano nell’unico primate non umano in grado di modulare il tono di voce rapidamente e di adattarlo in modo molto simile all’essere umano. Lo fa schioccando le labbra.

Questo animale ha un rapporto molto particolare con il lupo etiope. Questa specie è a rischio d’estinzione, e questo babbuino gli permette di cacciare insieme a lui, e ciò aumenta la sua probabilità di avere successo. Ciò si deve al fatto che le prede dei lupi sono i roditori. Il Gelada non sembra ottenere alcun vantaggio da questa relazione, e ciò indica che si tratti o di altruismo o di semplice indifferenza.

Habitat

Il Gelada vive unicamente nelle praterie in alta montagna, tra i 1400 e i 4400 metri di altezza. Le due sottospecie, T.gelada gelada e T. gelada obscurus, si trovano nei dintorni del lago Tana e del lago Takezé, in Etiopia. 

Nessuna delle due sottospecie è in pericolo, poiché ne esistono più di 500 esemplari. Nonostante questo, la loro popolazione è minacciata dalla caccia di frodo, che ha come obiettivi l’elaborazione di parrucche e il suo uso nelle ricerche. Anche la frammentazione dell’habitat è un altro pericolo.

Tuttavia, il più grande problema è il cambiamento climatico. Nei luoghi elevati in cui vive questo animale, le temperature sono adatte sia alla specie che alla sua alimentazione, e l’aumento delle temperature fa in modo che il babbuino Gelada debba salire in habitat sempre più alti anno dopo anno. La cosa negativa è che questi luoghi si stanno riducendo sempre di più. Ciò rende il Gelada un autentico rifugiato climatico.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche