Cane da montagna dei Pirenei: il gigante bianco

9 Dicembre 2019
Oggi parliamo di una razza canina magnifica e maestosa. Scoprite tutto quello che c'è da sapere sul cane da montagna dei Pirenei.

Oggi parliamo di una razza canina che stupisce appena la si guarda. Il cane da montagna dei Pirenei sorprende per la sua grande taglia, ma anche per il suo profondo istinto di protezione. Se educato correttamente, può diventare un ottimo animale da compagnia. Scoprite questa fantastica razza nelle seguenti righe.

Breve storia del cane da montagna dei Pirenei

Le sue origini sono piuttosto remote, infatti sono stati rinvenuti resti fossili che risalgono a un periodo precedente all’Età del bronzo. I pastori della zona dei Pirenei hanno impiegato questa razza come cane da pastore per diversi secoli. Sarà a partire dall’epoca medievale, tuttavia, che il cane da montagna dei Pirenei inizia a guadagnarsi una certa fama.

I castelli e i terreni destinati al pascolo francesi sono stati vigilati per centinaia di anni da questa razza canina. Sarà il re francese Luigi XIV a innalzare al massimo questa razza, nominandola cane reale della corte di Francia. In seguito a ciò, la sua richiesta si diffonde a macchia d’olio nel resto del paese, e il suo impiego, non solo come cane da pastore, inizia a estendersi.

Al giorno d’oggi, è molto più apprezzato come cane da compagnia ed è particolarmente gradito in paesi come l’Australia e gli Stati Uniti d’America.

Cane da montagna dei pirenei che protegge il gregge

Caratteristiche generali

Ci troviamo in presenza di un cane che appartiene al gruppo dei molossoidi. Questo vuol dire chela sua taglia e la sua muscolatura predominano sul resto. Il patou, altro nome con cui è conosciuta questa razza, sfoggia tuttavia una linea leggermente più stilizzata rispetto agli altri molossoidi. In genere, gli esemplari maschi raggiungo i 70 centimetri di altezza, mentre le femmine i 60 centimetri.

Per quanto riguarda il peso, questo varia tra i 50 e i 60 chilogrammi nei maschi e tra i 40 o 50 chilogrammi per le femmine. Questo, unito alla sua altezza, la rende una delle razze canine più grandi che possiamo trovare al giorno d’oggi. Le sue possenti e compatte zampe gli permettono di muoversi su terreni montani o scoscesi.

Salta all’occhio anche il suo folto pelo, che può essere lungo e arricciarsi in certe zone del corpo come la coda o il collo. Il suo fitto strato di pelo è di colore bianchiccio, sebbene siano rari gli esemplari di cane da montagna dei Pirenei totalmente bianchi. Nella maggior parte dei casi, infatti, alcune zone del pelo presentano tonalità leggermente giallognole, marroni o grigiastre.

Temperamento del cane da montagna dei Pirenei

Il carattere da cane da pastore e da guardia rende il patou un cane leale e protettivo. Non esiterà, infatti, a proteggere i membri della sua famiglia, motivo per cui è comune che abbai in presenza di estranei. Un’altra caratteristica tipica di questa razza è la sua indipendenza, che ha acquisito durante il corso dei secoli per via della sua vita solitaria come guardiano delle greggi.

Cane che fa la guardia

Questa indipendenza, insieme alla sua nota cocciutaggine e alla sua tendenza a dominare, può essere un problema quando si prova a educarlo. L’ideale è addestrarli sin da cucciolie, inoltre, farlo in modo fermo e costante. In caso contrario, possono presentarsi spiacevoli situazioni a mano a mano che il cane cresce. Se tutto va bene, godremo della compagnia di un cane affettuoso, tranquillo e molto dolce con i più piccoli di casa.

Cure di base

Per quanto riguarda la sua salute, il cane da montagna dei Pirenei non è un animale che richiede cure particolari. Forse la più importante riguarda il pelo che deve essere spazzolato di continuo per via della sua abbondanza e della frequenza nella muta.

Non si tratta di un cane particolarmente attivo, ma ogni tanto bisogna fargli fare una lunga passeggiata e lasciarlo in libertà. È bene tenere a mente che si tratta di un cane di grande taglia e che quindi, in genere, non ama gli spazi chiusi. Questa razza è l’ideale se si vive in una zona rurale o molto aperta.

  • Villar, L., Bidinost, F., Galarraga, B., Macarena, M., Cancino, A. K., Castillo, D. G., … & Hernández, L. (2014). Perros protectores de ganado. Una herramienta para el manejo de la depredación.

 

  • Meléndez, P. P. (Ed.). (2012). Utilización de perros protectores de rebaños ovinos de la raza Montaña de los Pirineos como una estrategia biológica para controlar la depredación. Favet.