Insegnate al cane a giocare a palla senza ansia

Cosa rende magica una palla, un ramo o un frisbee a tal punto da spingere il vostro cane a correre disperatamente per andarlo a recuperare, afferrarlo e riportarlo indietro, ogni volta che lo lanciate? A onor del vero, va detto che alcuni animali domestici possono assumere un comportamento un po’ “ossessivo” nei confronti di questi giocattoli. Per questo motivo, nel seguente articolo vi diremo come insegnare al vostro cane a giocare a palla senza ansia.

Il cane e la palla, una relazione molto forte

Quando vi recate al parco con il cane, oltre a guinzaglio e collare, non potete mai dimenticare il suo giocattolo preferito: la palla. Il vostro amico a quattro zampe adora passare il tempo a cercarla e riportarla, ancora e ancora, mentre siete seduti sul prato o su una panchina, lanciandola il più lontano possibile.

E’ naturale, per il cane, giocare con la palla? O siete voi proprietari ad avergli trasmesso questa passione per un gioco che gratifica e ribadisce la qualità di questi animali di compiacere il proprio padrone?

In realtà, questo atteggiamento deve essere inteso come una specie di “ritorno alle origini” e che fa emergere il lato selvaggio del vostro cane che, va ricordato, è un lontano parente dei lupi. Nel loro habitat naturale, questi predatori coprivano spesso lunghe distanze in cerca di cibo e, una volta avvistata la preda, la rincorrevano fino alla fine.

Ciò che pochi sanno è che, i lupi, una volta ottenuto il bottino di carne, lo portavano indietro per permettere la nutrizione del proprio gruppo familiare. Cioè, dopo la cattura, donavano il frutto della caccia, un gesto di altruismo e generosità verso altri animali cari. Lo stesso avviene nella mente del vostro amico a quattro zampe: una volta “catturata” la pallina, ve la riporta indietro per completare questa azione tanto antica come selvaggia.

un cucciolo di beagle gioca in casa con una palla rossa

Personalità e mancanza di esercizio

I cani mantengono ancora certi comportamenti del loro ‘fase selvaggia’ e, anche se alcuni sono più svegli rispetto ad altri, la verità è che nessuno di loro può resistere alla tentazione di correre dietro ad una palla, un ramo, un frisbee o qualsiasi altra cosa, quando viene gettato oltre i suoi occhi.

Anche se per alcuni animali domestici giocare con la palla è un momento divertente, per altri diventa un’ossessione. Iniziano ad abbaiare, si innervosiscono, non si fermano mai, non possono aspettare che il proprietario lo lanci, ecc. Questa disperazione ha a che fare con la personalità dell’animale e con la mancanza di controllo da parte della persona che l’ha educato.

Naturalmente, è anche legato alla quantità di esercizio che l’animale fa durante il giorno: se dorme 10 ore di fila perché non c’è nessuno a casa e, appena tornate lo portate al parco, è comprensibile che le energie accumulate siano così tante da trasformarsi in eccitazione e nervosismo.

Come insegnare al cane a giocare a palla senza ansia?

Il tipo di razza è un fattore chiave per poter insegnare al vostro cane a giocare a palla in modo corretto. Infatti, come forse sapete, esistono alcuni esemplari predisposti naturalmente al riporto (Golden retriever, Pointer, Spaniel, Labrador) per via della loro abitudine a cercare prede. Altri tipi di cani possono persino trovare “noioso” inseguire un oggetto inanimato, come il Pastore tedesco, il Boxer, il Rotweiller, ecc.

un labrador riposa sull'erba con una palla accanto

Per insegnare a giocare a palla “correttamente”, evitando gli eccessi di ansietà, è essenziale che vi prendiate il tempo necessario e siate pazienti. È molto importante essere calmi per poter trasmettere serenità all’animale, aiutandolo quindi ad imparare meglio.

1. Siate voi a comandare il gioco

Per cominciare, siete voi che avete il compito di iniziare il gioco e anche di finirlo. Lanciategli la palla solamente quando avrete la piena attenzione dell’animale. Dopo che ha fatto i suoi bisogni o una volta che siete arrivati bene al parco. Se il cane vi chiede di lanciare il giocattolo, magari abbaiando, piangendo o con altri movimenti esagerati, tenete il punto e aspettate che si calmi.

2. Giocate solo se l’animale è calmo

Questo è molto importante perché spesso si confonde l’ansia con la felicità. Dovete insegnare al vostro cane ad obbedire agli ordini: ditegli che si metta seduto, aspettate un po’ e… Forza! Lanciate ora la palla!

Ricordate il principio del “nulla viene fatto per niente”. Se il cane vuole giocare, deve prima fare qualcosa in cambio (non abbaiare, aspettare seduto, ecc.). Stabilite un contatto visivo con il vostro animale domestico e fino a quando ciò non accade, non iniziate il gioco.

3. Il cane deve sempre restituire il giocattolo

Questo è forse il passo più difficile di tutti, soprattutto nei cani che di solito sono portati a nascondere le loro “prede”. Dovete insegnargli a restituire la palla, sempre, in modo che il gioco possa continuare. Alcuni proprietari scelgono di dargli un premio quando tornano con il giocattolo. Non serve che sia sempre cibo, può essere anche una carezza o una parola d’amore.

Categorie: Addestramento Tags:
Guarda anche