Caratteristiche e morfologia dell'inghiottitore nero

Nonostante le sue piccole dimensioni, l'inghiottitore nero è un pesce in grado di nutrirsi di pesci molto più grandi di lui, grazie all'enorme elasticità del suo piccolo stomaco.
 

L’inghiottitore nero è una specie di pesce appartenente all’ordine Perciformes e alla famiglia Chiasmodontidae. Vive nelle profondità oscure del mare e il suo nome scientifico è Chiasmodon niger.

Questo pesce si nutre di quasi tutti gli altri animali che trova, a prescindere dalle loro dimensioni. Per questo motivo, la maggior parte degli esemplari catturati di questa specie sono emersi in superficie a causa dell’ingestione di prede eccessivamente grandi.

Questo li fa morire quando perché il loro stomaco estensibile viene lacerato. Scopriamo insieme le caratteristiche e la morfologia dell’inghiottitore nero.

Caratteristiche, morfologia e habitat

L’inghiottitore nero è un pesce marino che vive nelle zone mesopelagiche e nel piano batiale, in altre parole, tra i 700 e i 2.750 metri di profondità. La sua distribuzione si estende in gran parte del mondo, per cui si può trovare negli oceani Pacifico, Atlantico e Indiano. Le aree tropicali sono comunque quelle in cui può essere trovato più facilmente.

Il suo corpo è lungo e di colore nero scuro. Può misurare fino a 25 centimetri ed è privo di squame. La mascella è grande ed estremamente pieghevole, con molti denti con grandi canini. Le pinne sul petto sono lunghe. Ha anche due pinne dorsali, di cui la seconda è più lunga della prima.

 

La caratteristica più sorprendente di questo pesce è il suo stomaco, che può estendersi più del doppio delle sue dimensioni normali. Grazie a questo espediente, è relativamente facile per lui ingoiare pesci interi che sono anche molto più grandi di lui.

Infatti, la sua preda può misurare anche più del doppio della sua lunghezza e 10 volte il suo peso. Riesce a ingoiare questi grandi pesci a causa dell’estensione della sua mascella e dell’estensione del suo stomaco, che dopo la digestione ritorna alle dimensioni normali. A volte l’inghiottitore nero ingoia dei pesci talmente grandi da fargli scoppiare lo stomaco.

Nella grande varietà biologica del pianeta Terra, ci sono molte altre specie di pesci con la capacità di ingoiare prede più grandi rispetto alle loro dimensioni. Tuttavia, l’inghiottitore nero li batte tutti.

Chiasmodon niger disegno

Dieta e riproduzione dell’inghiottitore nero

Di solito si nutre di altri pesci, abbiamo visto, alcuni molto più grandi di lui. Divora la preda allungando la bocca e spingendole verso il suo stomaco, che può allargarsi a seconda delle dimensioni della preda.

L’inghiottitore nero può mangiare pesci fino a 10 volte più grandi di lui, il che è abbastanza sorprendente per un pesce così piccolo. Ci vogliono settimane perché possa digerire la preda. Per questo motivo, rimane vulnerabile a lungo, poiché il suo stomaco rimane molto allungato e può essere squarciato da un animale più mortale di lui.

 

Le femmine dell’inghiottitore nero sono molto più grandi dei maschi. Per procreare, la femmina viene trattenuta dal maschio grazie alla sua grande mascella. La sua riproduzione è ovipara, cioè avviene attraverso la produzione di uova, che vengono spazzate via dalle correnti marine. I giovani dell’inghiottitore nero acquisiscono il loro colore caratteristico man mano che crescono.

Mooi, R.D. y J.R. Paxton, (2001). “Chiasmodontidae. Swallowers”. En K.E. Carpenter y V. Niem (eds.) FAO species identification guide for fishery purposes. The living marine resources of the Western Central Pacific. Roma: FAO.