La lampreda di mare: habitat e morfologia

29 Gennaio 2019
La lampreda di mare è un tipo di pesce simile all'anguilla ed è una specie anadroma, che vive in acque fresche e salate. La forma allungata del corpo e la bocca circolare a forma di ventosa le conferiscono un aspetto strano che mette un po' paura.

La lampreda di mare è uno di quegli esempi del mondo animale che rappresenta appieno la vasta biodiversità che ci circonda.

Questa specie di pesce privo di mascella è molto facile da riconoscere. Il suo aspetto spaventoso e la dieta ematofaga gli hanno fatto guadagnare l’epiteto di “vampiro marino”.

La sua bocca è circondata da una sorta di disco circolare che funziona come una ventosa. Con esso, si attacca alla sua preda per graffiare la pelle e mangiare la carne che rimane sotto.

Le file di denti e la lingua sono la caratteristica più notevole della lampreda di mare.

È un pesce anadromo, il che significa che all’inizio della sua vita possiamo trovarlo nei fiumi.

Dopo migra verso il mare per vivere la sua vita da adulto e, infine, torna al fiume per riprodursi.

Habitat della lampreda di mare

Questo particolare esemplare preferisce l’ambiente del Nord Atlantico, anche se in alcune occasioni si può trovare anche nel Mar Baltico. La sua esistenza si svolge nei mari e nei fiumi a seconda della fase della vita in cui si trova.

Fino a qualche anno fa si poteva trovare la lampreda di mare in Andalusia, Catalogna, Aragona ed Estremadura. Tuttavia, lo sfruttamento commerciale ha ridotto il suo habitat e al giorno d’oggi è più comune trovare questo pesce nelle acque della Galizia.

Esistono 40 specie che sono distribuite nei mari e nei fiumi in modo diverso. All’inizio della loro vita le larve sopravvivono sepolte nel fondo del fiume.

Lì ottengono i nutrienti di cui hanno bisogno e si nutrono della sostanza organica che penetra nel loro nido.

Rimangono larve per 3-5 anni finché non subiscono una metamorfosi che permetterà loro di adattarsi all’ambiente marino.

Habitat della lampreda marina

Una volta che si siano manifestati tutti i cambiamenti fisiologici, la lampreda si sposta nelle profondità del mare.

Vive tra i 300 ei 600 metri di profondità e vi rimane per circa quattro anni, durante i quali avviene la seconda metamorfosi, che la costringerà ad abbandonare i mari e tornare al fiume per iniziare un nuovo ciclo di vita.

In generale, la lampreda preferisce i fiumi a flusso rapido ma con poca corrente e di solito sceglie le sezioni centrali.

La sua vita nel Nord Atlantico è stata minacciata dall’inquinamento e dall’aumento delle barriere artificiali.

Morfologia della lampreda di mare

Si tratta di un tipo di pesce primitivo privo di mascella e molto simile all’anguilla.

Nella fase larvale può misurare fino a 20 centimetri e, quando migra verso l’oceano nell’età adulta, può raggiungere il metro di lunghezza e pesare due o tre chilogrammi.

Le larve si differenziano drasticamente dalle lamprede adulte per la loro morfologia. Non hanno i denti, sono cieche e hanno un meccanismo di alimentazione che funziona in modo diverso.

Hanno una fascia di piccoli tentacoli simili a una barba che usano per catturare le minuscole forme di vita di cui si nutrono.

Al termine dello stadio larvale, migrano in acque profonde.

I cambiamenti morfologici di questa fase sono piuttosto evidenti: grandi occhi con sfumature di rosso, una coppia di alette dorsali, sette aperture branchiali e una nasale, corpo cilindrico grigio verdastro e la caratteristica bocca a forma di ventosa con denti piccoli e affilati.

Lampreda marina caratteristiche

 

Altre caratteristiche fisiche

La lampreda marina non presenta squame, il suo corpo è liscio e gelatinoso, con una coda con l’estremità a punta.

Il suo scheletro è cartilagineo e privo di parti ossee. Con un ciclo di vita molto completo, la lampreda di mare torna ai canali fluviali per riprodursi, ed è lì che viene pescata.

La lampreda di mare è una delle specie meno evolute del mondo animale.

Con un’età di circa 500 milioni di anni, la sua vita parassitaria ha causato il caos nella popolazione marina per specie come il merluzzo e il nasello.

La migrazione verso i fiumi implica altri cambiamenti morfologici che includono atrofia dell’apparato digerente, comparsa di segni sessuali secondari e degenerazione degli organi visivi.

Anche così, riescono a superare il flusso fluviale e usano la ventosa per trascinare pietre che useranno per il nido dei loro piccoli.

Una volta creato il nido, procedono alla deposizione delle uova, che avvierà un nuovo ciclo di vita.

Le lamprede di mare vengono pescate quando risalgono i fiumi per la deposizione delle uova, attraverso il posizionamento di reti allineate ai corsi d’acqua.

C’è anche una tecnica che consiste nell’inchiodare un tridente legato a una lunga asta nel corpo della lampreda, mentre il pescatore si trova sulla barca o sulle sponde del fiume.

Questa specie viene utilizzata per preparare un tipico piatto della Galizia, la lampreda alla bordelesa, in cui il pesce viene cotto nel suo sangue.

https://es.wikipedia.org/wiki/Petromyzon_marinus