Cavallo arabo, intelligenza ed eleganza

· 15 febbraio 2018

Il mondo dei cavalli è estremamente affascinante e riguarda razze molto variopinte. Conoscere meglio una di esse ci aiuterà a scoprire ancora più a fondo questa specie meravigliosa. Vi piacerebbe sapere di più sul cavallo arabo?

Si tratta di uno dei cavalli più comuni in Spagna. La sua attitudine e bellezza sono molto ammirate dagli amanti dei cavalli e dagli appassionati di equitazione.

Il cavallo arabo, storia e caratteristiche

Storia e origine

Il cavallo arabo sembrerebbe una delle razze più antiche. Alcuni scavi archeologici sembrano provarne l’esistenza già 4500 anni fa. Anche se le caratteristiche odierne non sono propriamente le stesse, è comunque plausibile supporre che il cavallo arabo abbia origini antichissime.

cavallo-arabo
Fonte: Ealdgyth

Questo tipo di cavallo ha origine nei deserti orientali. Grazie al commercio e alle guerre, si è poi espanso. Le sue attitudini come la velocità, l’eleganza, la resistenza e la robustezza ossea, vennero presto apprezzate da molti. Al punto che durante la sua espansione, il cavallo arabo venne usato per migliorare altre razze. È questo il motivo per cui le razze di cavallo moderne hanno tutte caratteristiche proprie del cavallo arabo.

All’inizio questo animale veniva accudito dai nomadi della zona, che gli riservavano addirittura un posto in tenda per proteggerlo dalle intemperie. Questo ha permesso fin dall’inizio all’animale di instaurare con gli esseri umani un rapporto particolare che ne favorisce l’obbedienza, l’apprendimento e il compiacimento.

Nonostante l’indole tranquilla, il cavallo arabo veniva usato spesso durante le guerre, a causa della sua grande forza e di altre attitudini come il senso di allerta, caratteristiche che lo rendevano perfetto per questo utilizzo. Questo fa sì che, con il passare degli anni, i padroni di un cavallo arabo devono imparare a trattarlo con rispetto e abilità specifiche.

Caratteristiche del cavallo arabo

Testa

La testa è allungata, ma dalla linea fine ed elegante. Fronte grande, così come gli occhi. Ha come caratteristica due grandi e ampie fosse nasali, ed un muso al contrario di dimensioni ridotte.

Corpo

I fianchi robusti ne allargano il fondoschiena, sulla cui punta si trova una coda lunga e folta che cade come una cascata sul retro dell’animale.

Le ossa del cavallo arabo sono forti e robuste, consentendogli di avere zampe strutturate e poderose.

Dimensione

Secondo la Federazione Equestre Statunitense, l’altezza standard di questa razza oscilla tra i 143,3 e i 153,4 centimetri. Oltre a questi, vennero accettati come purosangue anche esemplari leggermente più bassi o leggermente più alti.

In Europa e America, invece, queste dimensioni non sembravano essere sufficienti. Per questo ci fu un’epoca in cui il cavallo arabo fu incrociato con altre razze per raggiungere un’altezza media compresa tra i 152,4 e i 162,6.

cavallo arabo baio
Fonte: José Reynaldo da Fonseca

Carattere del cavallo arabo

La vicinanza con le persone permise a questo animale di assumere, fin dal principio, un atteggiamento docile e facile da addestrare. In virtù di questo, negli Stati Uniti questa razza è perfino utilizzata per competizioni sportive riservate ai minori di 18 anni.

L’intelligenza di questo cavallo, unita alla sua grande sensibilità e alla sua facilità di rapporto con gli umani, lo ha resto un animale dall’apprendimento rapido e dalla grande capacità comunicativa.

Nonostante ciò, queste stesse qualità ci spingono ad interagire con lui in maniera rispettosa, senza durezza, già che sono in grado di imparare le cattive abitudini con la stessa velocità con la quale imparano le buone. Per questo motivo, se il cavallo viene trattato con durezza e inesperienza, finirà spesso col ribellarsi.

Dopo aver conosciuto meglio il mondo del cavallo arabo, è evidente come ogni razza debba essere considerata come un mondo a parte, ciascuna con la loro bellezza e le loro caratteristiche. E voi? Cosa ne pensate di questo maestoso animale?

Fonte delle immagini: Jimmy Baikovicius, Ealdgyth e José Reynaldo da Fonseca