Cockapoo: origine, caratteristiche e cura

Il cockapoo deriva dall'incrocio tra un barboncino e un cocker spaniel americano, poiché se si usa un cocker spaniel inglese si produce un'altra razza ibrida (chiamata spoodle).
Cockapoo: origine, caratteristiche e cura

Ultimo aggiornamento: 19 dicembre, 2021

Le razze canine di oggi sono il prodotto di un processo di allevamento selettivo. Ciò significa che gli esseri umani intervengono nella loro riproduzione per incoraggiare il mantenimento di alcune caratteristiche sorprendenti. Attualmente questa tecnica è ancora utilizzata per generare nuovi tipi come gli ibridi, che sono il risultato dell’incrocio di due razze pure, come l’esemplare di cui parleremo oggi: il cockapoo.

Il cockapoo è riconosciuto come una delle prime razze ibride. È il prodotto dell’incrocio tra le razze cocker spaniel e barboncino, quindi il risultato è un cane bello, intelligente e molto affettuoso. Continuate a leggere questo spazio per saperne di più su questa razza.

L’ibrido tra un cocker spaniel e un barboncino

I cani ibridi sono il risultato di vari “esperimenti” che cercano di unire le caratteristiche di due razze. Questo di solito viene fatto per migliorare alcuni aspetti come il loro comportamento, la loro salute o la loro estetica. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo è necessario utilizzare razze consolidate (pure) i cui tratti non cambiano molto, altrimenti sarebbe impossibile prevedere i risultati.

Il cockapoo è nato con lo scopo di mantenere l’aspetto ordinato e adorabile del barboncino, ma senza perdere il temperamento dolce ed energico del cocker spaniel. Questa combinazione non solo affascina per le sue caratteristiche, ma supera la fama dei suoi genitori essendo la versione migliore di entrambi. Tuttavia, l’unico problema è che i tratti degli esemplari possono cambiare anche tra la stessa cucciolata (fratelli).

Un cockapoo sull'erba.

Origine del cockapoo

Questa razza è popolare sin dagli anni ’60, quando i primi ibridi furono creati quasi per caso. Il risultato di questa negligenza ha portato gli allevatori a realizzare il loro potenziale, motivo per cui è stata continuata la produzione di questo nuovo tipo di cane.

Il cockapoo non è riconosciuto come razza ufficiale da istituzioni che stabiliscono standard canini come il Kennel Club. Questo perché deriva dall’ibridazione di due diverse tipologie di cani, che di fronte a queste associazioni verrebbero definiti “impuri”. L’unica cosa che influisce su questo è che i tutori non otterranno certificati di origine o pedigree quando acquisiscono una copia, che ne certifichi la “purezza”.

Caratteristiche della razza

Questa razza ibrida può essere disponibile in almeno 3 diverse dimensioni: toy, miniatura e standard. La taglia dipende molto dai genitori che vengono scelti per produrlo, ma nello specifico dal tipo di barboncino che viene selezionato. Per questo motivo, il cockapoo può essere alto tra gli 8 ei 15 pollici.

Il mantello di questo cane mantiene alcune somiglianze con i suoi genitori, poiché di solito è ondulato e un po’ soffice. Il suo colore è variabile e può essere visto con uno qualsiasi dei modelli conosciuti per il cocker spaniel o il barboncino. Inoltre, è considerato ipoallergenico perché non si libera facilmente.

Personalità del cockapoo

Qualcosa che spicca in questo animale domestico è la sua incredibile personalità, poiché è affettuoso, intelligente, giocoso, attento e obbediente. In alcuni casi può diventare molto attivo, anche se di solito viene tenuto calmo con alcune passeggiate o giochi extra con i suoi tutor. Il cockapoo è forse uno degli animali domestici più carini e incredibili, purché conduca una buona qualità di vita.

Tra i problemi più importanti che questa razza ibrida ha è la sua tendenza a soffrire di ansia da separazione. Il suo enorme affetto per i suoi tutori lo induce a non sopportare la solitudine. Per questo motivo è meglio evitare di rimanere separati da lui per molto tempo, altrimenti comincerà a presentare problemi comportamentali.

Cura principale

La maggior parte degli esemplari di questa razza non sono molto energici, quindi è sufficiente dedicare 15 minuti al giorno per portarli a spasso o per fare esercizio. In effetti, potete approfittare di questo tempo per iniziare il suo addestramento. Ricordate che uno dei migliori metodi di allenamento è il rinforzo positivo, anche se non esitate a chiedere aiuto a un professionista se non sapete come farlo.

Le dimensioni del cockapoo fanno sì che questo cane possa vivere bene in piccoli spazi come gli appartamenti. Per questo motivo è un’ottima scelta per le persone che non hanno una casa poi così grande. Naturalmente, in nessun caso dovrebbe vivere su balconi, tetti o qualsiasi area all’aperto, poiché questo è pericoloso e lo farà sentire isolato dalla sua famiglia.

Questo cane non ha un pelo molto riccio o difficile da trattare come il barboncino, il che ne facilita la cura e la manutenzione. Tuttavia, è una buona idea spazzolarlo ogni giorno per ottenere una maggiore interazione con il vostro animale domestico. Tenete presente che sono una razza amorevole che godrà di qualsiasi coccola o affetto extra che riceve.

Malattie comuni

Sebbene le razze ibride godano di una salute migliore rispetto ai loro genitori “puri”, sono ancora suscettibili a determinate condizioni. Non tutti gli esemplari le presenteranno, ma è sempre bene essere vigili per i segnali di pericolo. Il seguente elenco contiene alcune delle malattie più importanti del cockapoo:

  • Lussazione della rotula: è lo scorrimento di un piccolo osso che stabilizza l’articolazione del ginocchio (rotula). Questo può variare da un lieve dolore all’incapacità di muoversi.
  • Displasia dell’anca: è una malattia congenita che provoca problemi nell’unione tra il femore e l’anca, che possono aggravarsi e causare la paralisi degli arti posteriori.
  • Cataratta: si riferisce alla perdita di trasparenza del cristallino, che interferisce con la vista. Si manifesta come nuvole bianche negli occhi che si allargano e finiscono per ostruire completamente la vista.
  • Allergie: rappresentano una reazione eccessiva del sistema immunitario a varie sostanze ambientali (allergeni). I sintomi principali sono infiammazione, irritazione e prurito, anche se questo dipende da caso a caso.
  • Malattie del fegato: il fegato è un organo fondamentale per l’organismo, poiché è responsabile della “pulizia” del sangue da tutte le scorie metaboliche. Qualsiasi malattia che ne comprometta la funzione può causare sintomi gravi e persino fatali. Il cocker spaniel ha una leggera tendenza a soffrire di questi problemi, quindi anche il cockapoo è suscettibile.
  • Otite: l’otite è un’infezione della pelle dell’orecchio del cane, che può essere causata da diversi fattori. I cocker tendono ad avere questi problemi a causa delle loro orecchie cadenti.
La faccia di un cockapoo.

Come avrete potuto vedere, il cockapoo è una razza magnifica che può diventare un eccellente animale domestico. Tuttavia, ha bisogno delle cure adeguate in modo che sia voi che lui godiate della sua convivenza. Non dimenticate che adottare un cane è una grande responsabilità, poiché dipenderà da voi per tutta la sua vita. Prendetevene cura e state certi che sarete ricompensati con tanto amore.

Potrebbe interessarti ...
Goldendoodle: tutto su questa razza
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Goldendoodle: tutto su questa razza

Il goldendoodle, un mix di barboncino e golden retriever, è un bastardo bonario e intelligente che va d'accordo con chiunque.



  • Foley, M. D. (2012). Cockapoo. Fox Chapel Publishing.
  • Merizalde Londoño, J. S. (2017). Prevalencia de la displasia de cadera, en individuos registrados en la Asociación Club Canino Colombiano, entre 1990 y 2014. (Tesis de grado, Universidad La Salle)
  • Zambrano Ronderos, M. A. (2019). Relación entre diversas variables anamnésicas clínicas y evolutivas en 25 casos de otitis externa en animales de compañía de Bogotá. (Tesis de grado, Universidad de Ciencias Aplicadas y Ambientales de Bogotá)
  • Nicholas, F. W., Arnott, E. R., & McGreevy, P. D. (2016). Hybrid vigour in dogs?. The Veterinary Journal, 214, 77-83.