Colera aviare: sintomi e trattamento

Il colera aviare può diventare un grosso problema nei luoghi in cui gli uccelli vivono in gruppo e anche per gli umani che vivono con loro.
Colera aviare: sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 06 settembre, 2021

Nei luoghi in cui gli uccelli (polli, anatre, oche e altri) vivono in gruppo, così come nelle aree selvagge, il colera aviare può diventare un vero problema e causare la morte di molti esemplari. Inoltre, è causato da un batterio che tende a resistere agli antibiotici, il che complica ulteriormente il quadro clinico e il suo approccio.

Per questa ragione, in questo articolo vi forniamo le informazioni di base necessarie per riconoscere i sintomi di questa malattia, poiché l’azione in tempo può prevenire un grande focolaio. Inoltre, troverete suggerimenti per prevenirne la comparsa.

Cos’è il colera aviare?

Questa malattia batterica è causata dal batterio Pasteurella multocida ed ha 3 manifestazioni: acuta, cronica e iperacuta. La sua virulenza è complessa e variabile, in quanto dipende dal ceppo, dall’ospite e dalle condizioni di infezione.

Questo batterio può far parte del normale microbiota (microrganismi commensali) del tratto respiratorio superiore degli uccelli, quindi è considerato un patogeno secondario in altre malattie. Tuttavia, è anche in grado di essere l’innesco principale in alcuni quadri molto specifici.

Pasteurella multocida può rimanere vitale nel terreno fino a 2 mesi tra 5 e 10°C. È molto resistente.

Le specie domestiche più sensibili sono i tacchini, le anatre e le oche giovani, anche se spesso si osservano quadri tra i polli negli allevamenti di massa. In queste industrie la malattia è un pericolo reale a causa della facilità di contagio tra uccelli affollati.

La forma più comune di infezione è fecale-orale o per contaminazione di acqua e cibo. I batteri possono essere trasmessi anche per via aerea e cutanea attraverso ferite aperte. Questa malattia è zoonotica, il che significa che anche gli esseri umani sono suscettibili al colera aviare se entrano in contatto con un animale infetto.

Gli uccelli sono a rischio di contagio quando toccano con il becco un’area che è stata defecata da un esemplare malato.

Perché un cane attacca i polli?

I sintomi della malattia

Sebbene le presentazioni di colera aviaria siano solitamente le solite croniche e acute, in questa condizione c’è un terzo cosiddetto iperacuto. Gli uccelli con una manifestazione iperacuta muoiono prima di mostrare qualsiasi sintomo, quindi la malattia può essere confermata solo con test diagnostici post mortem.

I sintomi del colera aviare cronico

Quando il colera aviare diventa cronico, può raggiungere una fase acuta o rimanere in uno stato di bassa virulenza. I sintomi possono essere i seguenti:

  • Infezioni localizzate che trasudano, di solito nel tratto respiratorio.
  • Ispessimento del mento.
  • Zoppia e cachessia (malnutrizione estrema).
  • Artrite.
  • Iperemia, petecchie (macchie rosse superficiali) ed emorragie.
  • Epatomegalia e cardiomegalia (ispessimento del cuore e del fegato) che possono presentarsi con aree necrotiche.
  • Ovaie colpite nei polli.

Sintomi del colera aviare acuto

Gli episodi acuti possono precedere la cronicizzazione della malattia o la morte dell’uccello. I segni clinici in questa fase sono i seguenti:

  • Anoressia.
  • Febbre.
  • Polidipsia e sete.
  • Sonnolenza.
  • Prostrazione.
  • Diarrea pesante che può contenere sangue.
  • Problemi respiratori.
  • Muco.
  • Cianosi: le creste e il mento acquisiscono una colorazione violacea a causa dell’ipossia, poiché l’uccello non si ossigena bene a causa di problemi respiratori.
  • Sanguinamento generalizzato.

Trattamento

Il trattamento del colera aviare consiste nella somministrazione di antibiotici, non solo nei campioni colpiti, ma nell’intera popolazione che convive con essi. L’ideale è eseguire un antibiogramma per trovare l’antibiotico più appropriato, poiché è un batterio che genera facilmente resistenza.

In attesa dei risultati delle colture, viene solitamente somministrata una rapida dose di antibiotici per cercare di fermare la malattia fino a quando non si trova il trattamento appropriato. I principi attivi più utilizzati sono florfenicolo, trimetotina con sulfametossadolo e tetraciclina.

Devono essere prese misure aggiuntive, come isolare gli individui malati, rimuovere immediatamente le carcasse e disinfettare accuratamente le strutture. Migliori sono le condizioni di vita per gli uccelli, maggiori sono le probabilità che sopravvivano.

In ogni caso, va notato che il tasso di mortalità generale è compreso tra il 5 e il 20% nelle fasi iniziali, arrivando fino al 45%. Quando si verifica la cronologia, la mortalità scende al 2-5%. Senza un trattamento adeguato, questa condizione riporta una prognosi generale molto sfavorevole.

Come prevenire il colera aviare

Esistono diversi modi per prevenire l’insorgenza di questa malattia. Alcuni dei più basilari sono elencati di seguito:

  • Vaccinazioni: esistono diversi tipi di vaccini che possono essere somministrati fin dai primi mesi di vita dell’uccello. Potrebbero essere necessarie diverse dosi, a seconda del ceppo a cui è destinato.
  • Buone condizioni di vita degli uccelli: questo include spazio sufficiente per vivere, una buona alimentazione, igiene quotidiana e acqua pulita, poiché sono le garanzie fondamentali del loro benessere e salute.
  • Controlli veterinari periodici: sebbene sia una malattia in rapido sviluppo, mantenere una buona salute aiuterà a prevenire che il colera aviare appaia come un’infezione secondaria.
  • Disinfezione del materiale di lavoro e degli indumenti: questo batterio viene facilmente distrutto con disinfettanti di uso comune, che è un metodo molto più economico e conveniente per eliminarlo rispetto al trattamento veterinario.
Un veterinario valuta una gallina.

Questa malattia può diventare un grave problema negli allevamenti di grandi dimensioni, dove gli uccelli sono sovraffollati e le condizioni igieniche sono molto difficili da mantenere a livelli ottimali. In altri contesti, come case e rifugi, la prevenzione è l’arma migliore, poiché le condizioni di vita sono spesso migliori.

D’altra parte, e come sempre, la raccomandazione più importante è quella di avere sempre il servizio di un veterinario specializzato in uccelli, poiché il trattamento deve essere prescritto e la diagnosi è differenziale, poiché il colera dei polli condivide i sintomi con altre malattie, come la salmonellosi. Un animale non dovrebbe mai essere medicato senza una supervisione professionale.

Potrebbe interessarti ...
Acaro rosso nei polli: tutto quello che c’è da sapere
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Acaro rosso nei polli: tutto quello che c’è da sapere

L'acaro rosso nei polli è una condizione che può causare la morte dell'animale, soprattutto se non si interviene in modo tempestivo.



  • Malas, M. (2002). Tratamiento y control del cólera aviar-Pasteurelosis-en el siglo XXI. Selecciones avícolas44(12), 867-870.
  • Huberman, Y. D., & Terzolo, H. R. (2015). Pasteurella multocida y cólera aviar. Revista de Medicina Veterinaria (Buenos Aires)96(1), 4-15.
  • Chacana, P. A., & Terzolo, H. R. Sensibilidad de Pasteurella multocida de origen aviar y Avibacterium gallinarum a diferentes antimicrobianos.