Febbre Q: una possibile arma biologica

La febbre Q è entrata a far parte dell'elenco di malattie che devono essere monitorate nel bestiame in tutto il pianeta. E secondo gli esperti potrebbe anche essere usata come arma biologica.
Febbre Q: una possibile arma biologica

Ultimo aggiornamento: 20 aprile, 2021

La febbre Q è una malattia causata dalla Coxiella burnetti, un batterio parassitario intracellulare. Questa patologia colpisce tutti i tipi di mammiferi domestici e selvatici, ma i suoi principali serbatoi sono le specie bovine, ovine e caprine. Per questo motivo il batterio è diffuso in tutto il mondo, con una maggiore prevalenza nelle aree ricche di allevamenti.

Il problema con questa patologia è che si tratta di una grave zoonosi che può colpire gli esseri umani. Infatti, in alcune regioni, è considerata una malattia professionale per chi lavora con animali che possono essere portatori.

Panoramica della malattia nota come febbre Q.

Sebbene l’infezione da parte degli animali di allevamento sia la principale preoccupazione, non sono gli unici animali che possono essere portatori. Tutti i tipi di uccelli, rettili e persino artropodi possono ospitare i batteri e trasmetterli.

Ovviamente, il problema diventa grave quando avviene un salto di specie e sono gli esseri umani che si ammalano. La verità è che gli animali raramente soffrono di sintomi e, anche quando si presentano, la maggior parte dei segni clinici non sono gravi.

I ruminanti domestici soffrono al massimo di una malattia lieve. Durante questo periodo si verificano però aborti e morti prenatali dei piccoli ancora nel grembo materno.

Una pecora felice con un agnellino. Febbre Q.

Come si diffonde la febbre Q?

La Coxiella burnetii si trova regolarmente nel latte, nelle urine e nelle feci, ma le concentrazioni più elevate si trovano nei resti abortivi di femmine infette. È qui che la trasmissione è più probabile, quando un individuo suscettibile entra in contatto con la placenta o il liquido amniotico .

Inoltre, questo batterio risulta essere molto resistente alle condizioni ambientali. Una volta che il mezzo è contaminato, assume la forma di una spora. Queste si caratterizzano per essere molto resistenti alle avversità dell’ambiente. In questa forma, si mescolano alla polvere e vengono trasportate dal vento.

La Coxiella burnetti nella sua forma di spora è così contagiosa che l’inalazione di un singolo esemplare può far ammalare un essere umano.

Altri modi per trasmettere la malattia

Esiste un’altra modalità di diffusione, forse più comune nel ciclo selvaggio della malattia, cioè con l’intervento di roditori selvatici e lagomorfi come serbatoi, piuttosto che bestiame domestico. È una trasmissione vettoriale , tramite zecche.

Infine, poiché i batteri vengono eliminati anche nel latte, gli esseri umani possono essere infettati consumando latticini scarsamente pastorizzati. Pertanto, non è solo l’inalazione che può farci contaminare. Devono essere prese precauzioni estreme in tutti i modi possibili.

Un problema emergente per la salute pubblica globale

Le autorità sanitarie dell’Organizzazione mondiale per la salute animale ci avvertono da tempo dell’importanza di questa zoonosi. In effetti, l’Organizzazione stessa include la febbre Q nel suo elenco unico di malattie notificabili.

Questo perché è una patologia a così alta infettività da minacciare tutto il personale che lavora con gli animali. Veterinari, lavoratori di laboratorio e macelli, allevatori e persino cacciatori possono essere esposti a infezioni durante le loro ore di lavoro.

Anche l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) avverte del rischio di trasmissione attraverso il consumo di alimenti contaminati. Ad oggi, ha pubblicato diverse raccomandazioni sulle particolarità della febbre Q che mostrano il suo impatto sulla salute degli animali e sulla salute pubblica.

Entrambe le istituzioni raccomandano una combinazione di misure per controllare questa malattia. Da un lato, lo studio dei fattori di rischio per tenere sotto controllo la diffusione. Dall’altro, la vaccinazione preventiva degli animali portatori. Quest’ultima è stata la misura che si è dimostrata più efficace.

Febbre Q come potenziale arma biologica

Gli esperti ritengono che la Coxiella burnetti potrebbe essere utilizzata come arma biologica a causa di diversi fattori:

  • Il suo alto potenziale infettivo.
  • La sua grande resistenza in un ambiente sfavorevole.
  • La possibilità di propagazione aerea, in quanto può essere trasportata dal vento in regioni lontane dal focolaio primario.

In Germania, ad esempio, l’apparizione di una pecora infetta a una mostra di bestiame ha scatenato un’epidemia che ha colpito 300 persone nel 2003.

Fortunatamente, la forma grave della malattia – che spesso è fatale – viene diagnosticata in una bassa percentuale di casi umani. Le persone più vulnerabili sembrano essere quelle con disturbi del sistema immunitario o gravi problemi cardiaci.

Il vaccino contro la febbre Q.

Come puoi evitare che questa malattia diventi un grave problema di salute globale?

Come ogni altra zoonosi, la chiave per evitare che la febbre Q diventi un’emergenza per la salute umana è chiara: bisogna agire nel regno animale. Il metodo di controllo più efficace ha già dimostrato di essere la vaccinazione di animali che possono essere trasmettitori .

Per questo motivo vengono organizzate campagne di vaccinazione su mucche, pecore e capre nelle regioni in cui l’infezione è molto comune. Se l’infezione non può essere evitata ed è già presente nel bestiame, esistono altri metodi che possono ridurre il rischio.

Ad esempio, le misure igieniche applicate durante il parto e il puerperio delle femmine del bestiame ridurranno la capacità infettiva dei batteri. L’eliminazione delle perdite vaginali, così come la disinfezione del luogo del parto, renderanno difficile la diffusione della malattia.