Come funziona la riproduzione dei pesci?

La riproduzione dei pesci è un evento che non segue sempre lo stesso schema. Pensare che esistano solo specie ovipare è un errore comune, dal momento che non è l'unica forma di moltiplicazione esistente.
Come funziona la riproduzione dei pesci?
Georgelin Espinoza Medina

Scritto e verificato la biologa Georgelin Espinoza Medina.

Ultimo aggiornamento: 25 giugno, 2023

I pesci presentano una grande diversità, che si riflette nell’aspetto, nelle dimensioni e nella loro ecologia, oltre alla varietà nei loro metodi di riproduzione. In essi si riassume l’intera gamma dei tipi di moltiplicazione presenti nei vertebrati. Sapete come funziona la riproduzione dei pesci?

In generale, questi animali presentano un’alta mortalità nelle prime fasi di sviluppo. Su centinaia, migliaia o addirittura milioni di individui, solo pochi raggiungono l’età adulta. Pertanto, stabilire delle strategie adeguate è essenziale per la sopravvivenza. In questo articolo vi presentiamo gli aspetti, i tipi e i comportamenti riproduttivi di questi esseri. Non perdetevi le prossime righe, perché alcuni sono davvero interessanti.

Caratteristiche della riproduzione dei pesci

La varietà di forme riproduttive nei pesci è sbalorditiva. Questi animali acquatici si sono adattati per sfruttare al meglio ogni situazione. Vediamo in sintesi alcuni aspetti legati alla loro moltiplicazione:

  • La riproduzione è sessuata, con diversità di strategie e comportamenti.
  • La maggior parte delle specie sono ovipare, cioè depongono le uova. Queste possono essere di diverse dimensioni e colori. Inoltre, la deposizione delle uova avviene su una varietà di substrati (sul fondale, tra le piante, le rocce o sospese nell’acqua). Alcune sono dotate di sostanze adesive che le aiutano a rimanere ferme.
  • La fecondazione è anch’essa variabile. Può verificarsi all’interno o all’esterno del corpo della madre.
  • Le condizioni ambientali, come la luce e la temperatura, sono importanti per la riproduzione. Per questo motivo, alcune specie hanno stagioni ben definite per la riproduzione. Al contrario, altre hanno la capacità di riprodursi durante tutto l’anno.
  • Lo sviluppo può essere diretto o indiretto (se attraversano stadi larvali).
  • Esistono esemplari che per contrastare la scarsa sopravvivenza negli stadi giovanili producono un gran numero di gameti. Altri, da parte loro, migliorano la strategia riproduttiva deponendo poche uova, ma incorporando più cure parentali. Pertanto, sono tutte strategie improntate al raggiungimento del successo.

Organo riproduttivo maschile

L’organo riproduttivo maschile è costituito da un paio di gonadi, con dotti che terminano nella cloaca, o apertura genitale. I pesci producono una sostanza biancastra, lo sperma o lattume. Alcune specie hanno modificato le pinne pelviche come strutture di copulazione, come nel caso di alcuni squali.

Organo riproduttivo femminile

L’organo riproduttivo delle femmine è variabile, a seconda dell’anatomia e della gestazione o della dipendenza dell’embrione dalla madre. In generale, è costituito dalle gonadi o ovaie femminili (1 o 2), dai dotti e dall’orifizio urogenitale.

Un gruppo di pesci pagliaccio sopra un anemone.

Tipi e forme di riproduzione nei pesci

Come già detto, la moltiplicazione in questi simpatici animali acquatici è sessuale, poiché avviene attraverso i gameti (del maschio e della femmina). I 3 tipi di riproduzione dei pesci sono i seguenti:

Gonocorismo o separazione dei sessi

Il gonocorismo, chiamato anche separazione dei sessi, è il tipo più diffuso di riproduzione sessuale, non solo nei pesci, ma anche in altri vertebrati. Avviene quando ci sono due sessi separati (dioici), cioè individui che producono spermatozoi (maschi) e altri che generano ovuli (femmine). Esempi di questo tipo di riproduzione si trovano nella spigola (Dicentrarchus labrax) e nel salmone dell’Atlantico (Salmo salar).

Ermafroditismo

Le specie ermafrodite sono caratterizzate dalla presenza di entrambi i sessi nello stesso individuo. Può accadere che i due sessi si sviluppino contemporaneamente nell’organismo, noto come ermafroditismo simultaneo o istantaneo. In essi l’autofecondazione è rara. Un esempio di questo fenomeno è la pezzogna (Pagellus bogaraveo).

Altri esemplari cambiano sesso durante la loro vita, in un processo chiamato ermafroditismo sequenziale o consecutivo. Pertanto, possono prima maturare come maschi (proterandria) o come femmine (proteroginia). Come esempio possiamo citare l’orata (Sparus aurata), che è maschio durante i primi due anni di vita e dopo i tre anni diventa femmina.

Partenogenesi

La riproduzione per partenogenesi nei pesci è costituita dalle femmine che depongono uova da ovuli non fecondati. Tuttavia, alcune specie devono accoppiarsi con un maschio di una specie affine prima che possa iniziare lo sviluppo embrionale. Per questo motivo, la prole è identica alla madre. Un esempio di questo caso è la Poecilia formosa.

Inoltre, i pesci hanno sviluppato tre modi per raggiungere il successo riproduttivo:

  • Oviparità: si riferisce alla deposizione delle uova, una pratica svolta dalla maggior parte dei pesci. Per questo motivo, la fecondazione è esterna, cioè esterna al corpo della madre, una volta completata la deposizione delle uova. Anche se, analogamente, esistono pochi ovipari con fecondazione interna. Tuttavia, il primo caso è il più comune e presente nella trota (Salmoninae) e nella tilapia (Oreochromis), come esempi di pesci di interesse commerciale.
  • Ovoviviparità: in questo caso le uova vengono trattenute all’interno della femmina fino al momento della schiusa. La nutrizione dell’embrione dipende dalle sostanze del tuorlo delle uova. La fecondazione è interna. Tipici esempi sono i guppy.
  • Viviparità: in questa condizione sviluppo e fecondazione avvengono all’interno della madre. Tuttavia, l’embrione riceve i nutrienti direttamente dalla madre. Tra i vivipari possiamo citare alcune specie di squali.

Comportamenti riproduttivi nei pesci

La diversità riproduttiva dei pesci include anche comportamenti sorprendenti, come il corteggiamento, la formazione del nido, l’incubazione delle uova e le migrazioni. Diamo un’occhiata a questi fenomeni.

Corteggiamento

Alcuni pesci hanno sviluppato interessanti strategie di corteggiamento per garantire la riproduzione. Queste possono essere eseguite da uno dei sessi o anche da entrambi. Ad esempio, la femmina del salmone argentato (Oncorhynchus kisutch) esegue una danza con il suo partner prima di deporre le uova. Successivamente, si reca nel luogo opportuno, scava con la coda, depone le uova e il maschio le feconda in modo che lei le possa ricoprire di ghiaia.

Nidi e incubazione delle uova

Alcuni pesci preparano nidi molto particolari, sul fondo, scavando nella sabbia, con piante e alghe o sostanze appiccicose (che espellono), tra gli altri comportamenti. Alcuni organismi manifestano anche cure parentali verso le uova o i piccoli. La tilapia del Mozambico (Oreochromis mossambicus) effettua l’incubazione in bocca, un metodo sorprendente per evitare di abbandonare la sua prole.

Migrazioni

I pesci possono anche percorrere grandi distanze per riprodursi. Esistono due tipi di specie:

  • Anadrome: migrano dall’oceano e dai grandi fiumi verso gli spazi ghiaiosi dove sono nati, per riprodursi. Tra questi possiamo citare il salmone.
  • Catadrome: si spostano dagli ambienti di acqua dolce (in cui vivono) al mare per deporre le uova. Le anguille d’acqua dolce eseguono questo tipo di migrazione.

Il cavalluccio marino, esempio unico di riproduzione dei pesci

Ippocampo o cavalluccio marino: riproduzione

Se siete di quelli che pensano che la gravidanza sia una cosa esclusiva delle femmine, sappiate che nei pesci la diversità dei meccanismi è tanto vasta che non sempre è questo il caso. Un esempio è il cavalluccio marino (Hippocampus hippocampus).

Questa specie inizia la riproduzione tramite un corteggiamento, la coppia intreccia la coda e danza per diversi minuti. La femmina è incaricata di far passare le uova dalla sua cloaca al ventre del maschio, grazie a una papilla lunga 3 millimetri. Da parte sua, il maschio è incaricato di prendersi cura delle uova per un periodo di quasi due mesi.

Trascorso questo tempo, nascono ed emergono i piccoli cavallucci, che continuano ad essere sotto la protezione protettiva del padre. Il numero di figli è elevato (fino a più di 400), quindi il maschio deve svolgere un lavoro duro ed estenuante.

Il cavalluccio marino è un tipico esempio di come la riproduzione degli esseri viventi, e in particolare dei pesci, possa passare per vie insolite. Gli animali sono in grado di ideare qualsiasi strategia per garantire il proprio successo e la propria sopravvivenza.

Come potete vedere, la riproduzione dei pesci va oltre la deposizione delle uova. Tra questi animali si presenta uno dei comportamenti più sorprendenti di tutti. Conoscere questi aspetti è di grande interesse, non solo per curiosità, ma anche in acquacoltura.

Potrebbe interessarti ...
La riproduzione delle razze
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
La riproduzione delle razze

La riproduzione delle razze è molto curiosa. In quanto pesci cartilaginei, assomiglia in qualche modo a quella degli squali.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Aly, S., Sharaf, S., Griesh, A. (2019). Seasonal Reproductive Biology of Gilthead Seabream (Sparus aurata). Suez Canal Veterinary Medical Journal. SCVMJ, 24(1), 67-76.
  • Carrillo, M. (2009). La reproducción de los peces: aspectos básicos y sus aplicaciones en acuicultura. Fundación Observatorio español de Acuicultura. https://www.observatorio-acuicultura.es/recursos/publicaciones/la-reproduccion-de-los-peces-aspectos-basicos-y-sus-aplicaciones-en
  • Curtis, J., Santos, S., Nadeau, J., Gunn, B., Bigney, K., Balasubramanian, H.; Overington, S., Lesage, C., D´entremont, J., Wieckowski, K. (2017). Life history and ecology of the elusive European short-snouted seahorse Hippocampus hippocampus. Journal of Fish Biology, 91(6):1603-1622.

I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.