Artrosi nel gatto: sintomi e trattamento

16 novembre, 2020
L'artrosi nel gatto si presenta in seguito all'usura delle articolazioni. Possono soffrire di questo disturbo i gatti anziani e giovani. 

Sebbene più comune negli esemplari anziani, l’artrosi nel gatto può comparire anche in giovane età. Questo problema si presenta a causa dell’usura delle articolazioni, proprio come succede agli umani. Ne parliamo in questo articolo.

Cos’è l’artrosi nel gatto

L’artrosi nel gatto si verifica quando le cartilagini presenti nelle articolazioni si usurano, per diversi motivi, e non compiono più la loro funzione di ammortizzare i movimenti. Come conseguenza di ciò, la frizione tra le ossa aumenta, dunque l’animale accusa dolori e una ridotta mobilità dell’area interessata.

L’artrosi è un’infiammazione cronica delle articolazioni, ma in molti casi è reversibile. Difficile a credersi, ma il 90% dei felini domestici con più di 12 anni di età soffre di artrosi, eppure i loro padroni non ne sono consapevoli.

Esistono quattro cause principali alla base di questo disturbo così comune nei gatti domestici che descriviamo nelle righe che seguono.

1. Genetica

Alcune razze, come il Maine Coon, il burmese, lo Scottish Fold e l’abissino, sono più propense a soffrire di artrosi all’anca o alla rotula.

Gatto che si pulisce.

2. Traumi

Se il gatto ha avuto un incidente, è stato investito da un’automobile, è caduto male da una certa altezza (come un albero o il tetto di una casa) o ha litigato con un altro animale, può aver subito un trauma fisico che con il tempo lo porterà a soffrire di artrosi.

3. Sovrappeso

Sebbene l’obesità non sia causa diretta di artrosi nel gatto, i chili di troppo peggiorano i sintomi e cronicizzano il quadro clinico.

4. Acromegalia

L’acromegalia è una malattia è molto rara nei felini, ma è relazionata all’artrosi. Si tratta di una lesione dell’ipofisi che provoca deformità a carico delle articolazioni.

Quali sono i sintomi dell’artrosi nel gatto?

Per capire se il gatto ha l’artrosi, bisognerà fare attenzione a possibili cambiamenti nelle sue abitudini o segnali di dolore quando realizza precisi movimenti:

1. Estremità rigide

Notiamo questo sintomo quando, dopo aver trascorso diverse ore sdraiato o acciambellato, l’animale fa molta fatica a mettersi sulle zampe. La rigidità viene meno nel giro di qualche minuto, dopo che l’animale ha fatto qualche piccolo passo.

2. Ridotta attività

È vero che i gatti anziani sono meno attivi dei cuccioli, ma sono pur sempre elastici e flessibili. Riescono quindi a salire sul letto, arrampicarsi sugli alberi ed eseguire notevoli acrobazie.

Sintomi della artrosi nel gatto.

Quando il gatto ha l’artrosi, riduce poco per volta queste attività a causa dei forti dolori accusati. Alcuni preferiscono persino rimanere sdraiati per evitare di dover fare i conti con la rigidità al momento di alzarsi.

3. Perdita di massa muscolare

Alcuni gatti con l’artrosi mangiano meno del solito e se a ciò sommiamo la mancanza di attività fisica e giochi, è normale che vadano incontro a perdita di massa muscolare nelle estremità. Se notate i vostri gatti più magri, consultate il veterinario.

4. L’artrosi nel gatto causa cambiamenti del comportamento

Il gatto non può controllare il dolore e la rigidità, dunque diventa più aggressivo e schivo. È probabile che non voglia avere contatti con i padroni e che attacchi al minimo tentativo di avvicinamento da parte nostra.

5. Bisogni fuori dalla lettiera

L’animale non riesce a sollevare le zampe per entrare nella lettiera, motivo per cui farà i bisogni sul pavimento. È consigliabile acquistarne una nuova, soprattutto se i bordi sono molto alti.

Esistono trattamenti per l’artrosi nel gatto?

Per diagnosticare l’artrosi nel gatto, il veterinario esegue un esame esaustivo delle estremità e, in un secondo momento, sottopone l’animale a una radiografia. Una volta individuato il problema, definire il trattamento rappresenta il passo successivo. La terapia può essere piuttosto lunga.

Alcuni professionisti consigliano l’agopuntura e i massaggi, purché eseguiti da un esperto. Il veterinario potrebbe indicare anche il consumo di farmaci che favoriscono la formazione della cartilagine, come il solfato di condroitina e la glucosamina.

Bisognerà anche tenere conto della dieta, poiché un gatto obeso è più propenso a soffrire di artrosi, inoltre acuisce i sintomi. Cibo adatto ai suoi bisogni e porzioni adeguate possono migliorare notevolmente le sue condizioni.

  • Molina, V., Sc, M., Álzate, D., Ruíz, J., Urrea, M., & Tobón, J. (2014). Analgesic effect and side effects of celecoxib and meloxicam in canine hip osteoarthritis Efectos analgésicos y secundarios de celecoxib y meloxicam en osteoartritis de cadera canina. Rev Mvz Córdoba.