Come lavare il cane senza fargli il bagno

Tutti gli animali domestici devono soddisfare le normali norme di igiene e seguire una corretta routine di pulizia per vivere in modo sano e felice. Così come le abitudini alimentari, anche la pulizia è uno degli aspetti fondamentali per poter convivere con un cane.

Per mantenere i cani sani e puliti, conviene sempre ricorrere al tradizionale bagno, con acqua e sapone. Tanto semplice come efficace al cento per cento.

Ad ogni modo, non sempre si dispone dello spazio o del tempo necessario per fare il bagno al proprio animale. Vediamo allora una serie di idee e consigli utili su come lavare il cane senza usare acqua e sapone, nel modo migliore possibile.

Spazzolare il cane: importante quanto usare l’acqua

La spazzolatura è una pratica fondamentale per la salute del vostro cane, ma non solo. Infatti, è un momento di unione che rafforza il legame tra animale e padrone.

Come lavare il cane senza fargli il bagno

A seconda delle caratteristiche di ciascun esemplare, la frequenza della spazzolatura può variare. Le razze a pelo corto possono essere spazzolate anche solo due volte alla settimana, utilizzando un pettine sottile e una spazzola morbida.

I cani con un manto di media lunghezza devono essere spazzolati almeno quattro volte alla settimana, utilizzando una spazzola più dura e un pettine con punte più marcate.

Se avete un cane a pelo lungo, è consigliabile spazzolarlo una volta al giorno, utilizzando una spazzola morbida e un pettine che permetta di eliminare possibili nodi. Ricordate di eseguire sempre movimenti seguendo la direzione del pelo e in modo sempre lento e dolce.

Un cane pulito è un cane sano

Spazzolare il vostro cane è una pratica molto importante. Non solo consente di rimuove i peli caduti, ma facilita la nascita di quelli nuovi. Si evita l’insorgere della forfora e si mantiene l’epidermide in un perfetto stato di igiene.

Il fatto di rimuovere eventuali nodi e tastare tutto il corpo dell’animale, vi permetterà inoltre di notare eventuali problemi, come l’insorgere di qualsiasi cosa di anomalo sulla pelle del cane.

Insomma, un’ottima pratica di pulizia che può diventare un momento di divertimento e affetto con il vostro animale. Più lo spazzolate, meglio è, non esiste metodo migliore per coccolarlo in modo utile e sano.

Per rendere il processo più comodo per l’animale domestico e per voi proprietari, vi consigliamo di usare un piccolo tavolino. Da un lato, potrete lavorare meglio godendo di una visuale più completa. Dall’altro, abituerete il vostro cane a una posizione che diventerà familiare, anche nel caso in cui lo portiate dal veterinario o fare la toeletta.

Tenete presente un aspetto assai importante: spazzolare il cane migliora la circolazione sanguigna dell’animale.

Lavare il cane senz’acqua

L’opzione di utilizzare prodotti per lavare il cane a secco è perfettamente valida.

Esiste una gran quantità di prodotti molto efficaci per l’igiene del cane senza dover usare l’acqua. La loro applicazione è relativamente semplice:

  1. Per prima cosa dovrete pettinare il cane ed eliminare eventuali nodi.
  2. Poi, su un asciugamano di cotone bagnato, versate o spruzzate il prodotto scelto.
  3. Infine, strofinate con dolcezza il panno, cominciando dalla schiena, poi passando alle gambe, sulla coda e, per concludere, pulite il muso.
  4. Per completare il lavaggio a secco, rimuovete il prodotto con un asciugamano bagnato.

Questa azione può essere ripetuta tutte le volte che lo riteniate necessario. Può essere utile ripetere un’ulteriore spazzolatura.

Ricordate di usare solo prodotti realizzati appositamente per cani. Mai e poi mai dovrete applicare shampoo o saponi pensati per gli esseri umani.

Alimentazione e igiene del cane

La buona salute degli animali domestici dipende in larga misura da una corretta alimentazione. Una dieta equilibrata, che permette loro di assimilare vitamine e minerali necessari per una vita completa, porta vantaggi a breve, medio e lungo termine.

Come lavare il cane senza fargli il bagno

La pulizia dei cani, lo stato della pelle e del pelo, nonché gli odori che emettono, sono influenzati in buona parte da ciò che mangiano.

Alcuni proprietari spesso si lamentano per il cattivo odore dei loro cani. La percezione che molte persone hanno della pulizia e dell’alimentazione di questi animali, spesso, è assai superficiale.

Per esempio, fornire al cane cibo di bassa qualità e poco nutriente, con la scusa che costa meno. Fornire a un animale prodotti non adeguati può produrre problemi di salute a livello digestivo. Sono proprio queste circostanze che portano ad un aumento degli odori, sia a livello dei bisognini che della stessa pelle dell’animale.

Categorie: Consigli Tags:
Guarda anche