Come prevenire i parassiti nei porcellini d’India

20 Novembre 2019
I parassiti nei porcellini d'India sono un fenomeno comune, quindi è necessario essere informati per sapere come agire.

Questi adorabili animali sono ottimi animali domestici per i bambini perché sono docili, puliti ed è facile prendersi cura di loro. Tuttavia, è necessario stare attenti ai segnali che mostrano quando soffrono di parassiti. In questo articolo, vedremo come prevenire i parassiti nei porcellini d’India.

Ci sono alcune malattie che sono considerate dei disturbi piuttosto comuni nei porcellini d’India e nei criceti. Come in ogni cosa, essere adeguatamente informati è la chiave per combattere piccole e grandi difficoltà.

In questo articolo scopriremo quali sono i parassiti più frequenti nei porcellini d’India, così sarete preparati al meglio a controllare segni e sintomi. Ecco come prevenire i parassiti nei porcellini d’India.

Come si comporta un porcellino d’India sano?

Un porcellino d’India sano dovrebbe avere il manto lucido e gli occhi chiari e luminosi. I denti del vostro animale domestico devono presentarsi gialli e la sua bocca e il suo naso non devono avere secrezioni.

In buona salute, un porcellino d’India ha un buon appetito e l’area perianale sarà pulita e asciutta.

Inoltre, sarà attivo e giocoso. Al contrario, apatia, zoppia o pelliccia piena di nodi potrebbero essere segni che dovreste portarlo dal veterinario.

Come prevenire i parassiti nei porcellini d’India

Osservazione costante

È meglio che vi abituate a controllare il vostro porcellino d’India almeno una volta al giorno, in quanto vi consentirà di rilevare qualsiasi problema e applicare il trattamento appropriato. Qualsiasi perdita di peso o di appetito può essere un segno che il vostro animale è annoiato, infelice e, nel peggiore dei casi, malato.

Infine, dovreste sapere che la secrezione di una sostanza appiccicosa nell’area perianale può indicare diarrea o infezione. La sua presenza è un segno sicuro che il porcellino d’India ha bisogno di essere visitato dal veterinario.

Quarantena

Se avete due porcellini d’India ed uno di loro è ammalato, è meglio metterlo in quarantena in una gabbia separata per alcune settimane. Tenerlo in quarantena prima di rimetterlo con gli altri vi darà il tempo di osservarlo e rilevare i segni di parassiti esterni e impedire che si diffondano.

Coppia di porcellini d'India
Gabbia, lettiera e cibo

I porcellini d’India possono diffondere i parassiti tra loro e possono anche ottenerli dal cibo e dalla lettiera. Prima di mettere cibo nella gabbia, prendete l’abitudine di congelarlo per un giorno. Le temperature estremamente fredde uccideranno qualsiasi potenziale parassita che potrebbe essere stato in agguato.

Parassiti comuni nei porcellini d’India

È molto probabile che, in un dato momento della sua vita, il vostro porcellino d’India contragga dei parassiti esterni. Questi possono essere pulci, pidocchi o scabbia, soprattutto se ci sono altri animali in casa, come cani e gatti.

I sintomi più comuni sono il grattarsi costantemente, la forfora e la perdita di pelo. Il disagio che l’animale soffre può farlo nascondere e rintanare negli angoli della gabbia.

Se non vengono debellati in tempo, i parassiti esterni possono causare automutilazione, indebolimento e infezione da graffi sulla pelle. Gli animali possono morire se non ricevono un trattamento adeguato e la condizione può progredire ed influenzare ogni parte del corpo.

Acari

Le infestazioni da acari sono generalmente i parassiti esterni più gravi per un porcellino d’India. Gli acari causano la scabbia, una malattia infettiva che provoca forte prurito e alopecia. Questi parassiti creano tane nella pelle e formano croste, specialmente vicino alle orecchie.

Se la caduta del pelo è accompagnata da aree di pelle arrossata o dolorante, potrebbe essere un segno che il vostro porcellino d’India ha preso gli acari.

Quasi tutti i casi di scabbia nei porcellini d’India sono causati da Trixacarus caviae. Sono così piccoli che possono essere visti solo con un esame al microscopio dei graffi cutanei.

Parassiti nei porcellini d'India

Gli acari possono essere importanti a livello epidemiologico perché fungono da trasmettitori di microrganismi patogeni, specialmente quando si trovano in grandi quantità.

Pidocchi

I pidocchi sono piccoli insetti bianchi che vivono nella pelliccia degli animali. I pidocchi e le loro uova possono essere visti ad occhio nudo nelle aree calve dietro le orecchie dei porcellini d’India. La specie più comunemente segnalata nei porcellini d’India è la Gliricola porcelli.

La loro presenza può passare inosservata, poiché di solito sono in numero limitato. I pidocchi adulti e le loro uova aderiscono alla base dei peli.

Le infestazioni gravi sono rare, ma questi parassiti possono causare prurito grave, alopecia e lesioni gravi, soprattutto dietro le orecchie.

Micosi o infezione da funghi

La micosi è una condizione della pelle e delle unghie che viene trasmessa dal contatto tra animali malati o dall’infestazione attraverso strutture contaminate.

Iniezione dal veterinario

L’agente causante riscontrato principalmente nei porcellini d’India è il Trichophyton mentagrophytes. L’infezione causa la rottura del pelo dalla radice, lasciando sulla pelle zone grigie e croste.

Trattamento dei parassiti nei porcellini d’India

Se sospettate un’infezione, come prima cosa disinfettate subito la gabbia e l’attrezzatura e parlate con il veterinario per un consiglio sul trattamento. La cura dovrebbe durare alcune settimane.

Il veterinario saprà se il vostro porcellino d’India ha gli acari o i pidocchi. Una volta diagnosticata l’infezione, è molto importante disinfettare la gabbia. In che modo? Innanzitutto, è necessario rimuovere ed eliminare la lettiera. Dopo, spruzzare accuratamente nella gabbia una soluzione al 10% di cloro in acqua. Infine, continuare a pulire la gabbia allo stesso modo ogni settimana.

  • Gorman G. Texia; Zúñiga C. Rosario; Romero M. Sergio. (1986). Hallazgos de ectoparásitos en cobayos (Cavia Porcellus). Avances en Medicina Veterinaria, 1:1
  • Huamán Alcantará, M., Killerby Campos, M., & Chauca Francia, L. (2019). Manual de Bioseguridad y Sanidad en Cuyes.
  • Fuentealba, C., & Hanna, P. (1996). Mange induced by Trixacarus caviae in a guinea pig. The Canadian Veterinary Journal, 37(12), 749.
  • Viguié, C. Paugam, A (2009). Dermatofitos transmitidos por animales. Acta Bioquim Clin Latinoam, 43:263-270.