Come sono fatti i gechi?

11 Giugno 2018

I gechi sono una delle specie di lucertole più incredibili del regno animale. Questi simpatici rettili possiedono caratteristiche particolari che li rendono perfetti per essere adottati come animali domestici, oltre ad essere studiati dagli scienziati. Come mai questi esseri viventi sono così curiosi? Cerchiamo di scoprirlo assieme, in questo articolo.

Caratteristiche generali dei gechi

Ci sono più di 1.500 sottospecie di questi piccoli rettili, che rientrano nella stessa famiglia dei camaleonti e delle lucertole. Il loro aspetto varia a seconda della specie, ma di solito sono di colore verde brillante, sono dotati di un coda lunga e ostentano occhi grandissimi.

Alcuni gechi possono anche avere altre tonalità sul corpo, come blu, arancione e giallo. Altre specie possono persino cambiare il loro colore in base alla temperatura esterna o all’umore e per imitare l’ambiente. In termini di dimensioni, variano da 16 millimetri fino a 37 centimetri di lunghezza.

Per sopravvivere, i gechi hanno bisogno di temperature calde e umide. Per questo motivo, abbondano in zone tropicali come nelle giungle. Sono animali notturni, cacciano quando è buio e sfruttano la loro vista per localizzare le loro prede.

Alcune specie si sono adattate per vivere nei deserti e nelle aree urbane. In realtà, non gli dispiace condividere il loro habitat con gli umani ed è meglio averli vicini perché si nutrono di insetti e parassiti che possono darci fastidio.

un geco foglia si mimetizza

Cosa mangiano i gechi?

Questi animali si nutrono di insetti come scarafaggi, vermi, grilli e zanzare, alcuni assai fastidiosi per l’uomo. Alcune specie sono onnivore e consumano, oltre a questi invertebrati, anche fiori, frutti e miele.

Il momento della riproduzione

Per quanto riguarda la riproduzione di queste curiose lucertole, come in altri rettili essa dipende dall’abbondanza di cibo. Quando il cibo è scarso, il tasso di fertilità diminuisce. Ciò si deve a un meccanismo ancestrale di sopravvivenza. Infatti, i gechi preferiscono spendere energia prima per il loro sostentamento che nell’accoppiamento.

La femmina produce un forte odore che attrae il maschio. Una volta fecondata, cerca un posto sicuro dove depositare le uova che si schiudono in un paio di mesi. Quando nascono, i piccoli gechi sono già in grado di muoversi e nutrirsi in maniera completamente autonoma.

Alcune specie di gechi sono asessuati, il che significa che la femmina ha la capacità di riprodursi senza bisogno della partecipazione di un esemplare maschio.

Caratteristiche speciali dei gechi

Questi piccoli rettili hanno qualità eccezionali che li differenziano dal resto. Parliamo, ad esempio, della capacità di aderire a qualsiasi superficie, anche se è liscia come il vetro.

Le loro zampe possiedono delle ventose che permettono di aggrapparsi e muoversi facilmente in tutte le direzioni, anche in posizione capovolta. Nelle aree in cui abbondano, è normale vedere i gechi correre veloci sui muri, senza alcun problema di equilibrio.

I gechi sono gli unici rettili in grado di emettere suoni, dal momento che sono provvisti di corde vocali. Per comunicare tra loro, difendere il proprio territorio o avvisare di possibili pericoli, lanciano diversi tipi di vocalizzazioni simili a gorgheggi.

un geco leopardo

Come meccanismo di difesa, questi piccoli animali possono staccarsi dalla coda. Essa continua a muoversi a lungo, il che distrae i predatori mentre il piccolo rettile riesce a fuggire via rapidamente. La coda ricresce nel giro di pochi giorni.

I gechi come animali domestici

Gli amanti degli animali da compagnia esotici possono tenere senza problemi un geco in casa, e i più apprezzati sono i gechi leopardo, per il loro sorprendente aspetto macchiato (come vedete in alto).

Certo, questo implica una certa dose di responsabilità, dal momento che questi animali hanno bisogno di cure particolari in termini di cibo e habitat. Dovrebbero essere tenuti in un terrario abbastanza grande e che riproduca, il più possibile, il loro ambiente naturale. E’ fondamentale anche la temperatura, diversa per ogni specie, e che consente loro di vivere e svilupparsi con normalità.

Prima di acquistare uno di questi piccoli rettili, è meglio informarsi bene su tutti gli aspetti relativi alla loro dieta e alle abitudini, in modo da garantirgli un’esistenza dignitosa e sana.

I gechi e la scienza

Molti ricercatori studiano questi animali per cercare di riprodurre la loro capacità adesiva e creare potenti colle. Viene anche investigato il potere della rigenerazione cellulare di questo rettile. Quest’ultimo sarebbe di grande aiuto in campo medico, per accelerare la guarigione delle ferite e la ricostruzione dei tessuti.

Il geco nano delle Isole Vergini è il più piccolo di tutti, misura solo 18 millimetri: copre a malapena lo spazio di un’unghia umana. Al contrario, il più grande esemplare di questa specie viveva in Nuova Zelanda, era lungo 60 centimetri, ma si estinse decenni fa.

Senza dubbio, i gechi, la cui famiglia scientifica viene denominata Gekkonidae sono tra gli esseri viventi più originali e curiosi della Terra. Sono rettili affascinanti con qualità tanto straordinarie quanto uniche.