Come sono i gatti carey?

· 7 Aprile 2019
Il nome del gatto carey è dovuto alla distribuzione delle tonalità sulla sua pelliccia, che ricorda il guscio della tartaruga embricata.

Gli umani di solito considerano i loro animali domestici unici a causa dei diversi dettagli che li caratterizzano. Ma i padroni dei gatti carey possono essere sicuri che non ci sia un gatto come il loro, dato che la particolare miscela tricolore della loro pelliccia è certamente irripetibile ed unica in ciascun esemplare.

Considerati portatori di buona fortuna, questi animali sono, per lo più, femmine. In questo articolo, parleremo dei gatti carey.

I gatti carey, dei felini davvero unici

Non abbiamo a che fare con una razza specifica di Felis catus, ma piuttosto con un modello di colore che si manifesta sia nei meticci che in alcune razze. I gatti carey, quindi, sono quelli che hanno la pelliccia di tre colori mescolati, i più comuni dei quali sono:

  • Arancione e sue varianti (crema, cannella o rossiccio)
  • Nero e suoi derivati ​​(grigio, blu o marrone scuro)
  • Bianco

Il nome è dovuto alla distribuzione dei colori di questi felini che ricorda il guscio delle tartarughe marine embricate.

D’altra parte, al di là delle caratteristiche generali di tutti i gatti, le altre caratteristiche fisiche e di personalità di questa variante dipenderanno dalla razza a cui appartengono (o dall’assenza di questa, poiché potrebbero essere meticci).

Femmina gatto carey

Scopriamo insieme tutti i dettagli sui gatti carey, bellissimi felini con la pelliccia di tre colori distribuiti in modo particolare.

Le femmine sono la maggioranza

La spiegazione del perché quasi tutti gli esemplari di gatti carey appartengono al sesso femminile si trova nel fatto che in questo gatto, il colore è legato al genere. Quindi, l’informazione genetica per i colori nero o arancione si trova nel cromosoma sessuale X.

Pertanto, per poter avere entrambi i colori contemporaneamente, devono essere posseduti due cromosomi X (femmine). Al contrario, poiché i maschi sono XY, possono presentare solo uno di questi due colori.

Perché un maschio sia tricolore, deve presentarsi un’alterazione genetica (XXY, per esempio). In questi casi, la maggior parte dei campioni è sterile. D’altra parte, il colore bianco dei gatti carey, che di solito è poco comune, è dato dal gene S.

La leggenda del gatto carey

A proposito dell’origine di questi splendidi animali, la leggenda racconta che il sole voleva trascorrere del tempo sulla Terra. Per questo motivo, chiese alla luna di aiutarlo in modo che gli umani non si accorgessero della sua assenza dal cielo.

Leggenda gatto carey

Così, mentre il satellite nascondeva con un’eclissi il sole, questi si reincarnò in un grazioso gatto nero che passava inosservato tra noi. Ma la luna si stancò di questo compito e si ritirò dal cielo, costringendo il sole a tornare rapidamente a prendere il suo posto.

Fu allora che, lasciando in fretta il corpo della gatta, il sole lasciò sul mantello alcuni dei suoi raggi, che generarono un gran numero di sfumature dorate. Questo particolare nel mantello è stato poi ereditato da tutti i discendenti del gatto.

Non ho fortuna di trovare casa

Nonostante il fatto che fin dai primi tempi i gatti carey siano stati associati alla buona fortuna, ci troviamo di fronte a felini che, al giorno d’oggi, sono solitamente abbandonati o sono gli ultimi ad essere adottati nei rifugi.

La spiegazione di questo rifiuto sembra essere che, sebbene siano unici e belli, alcuni umani vedono nella distribuzione dei loro colori un certo disordine e discontinuità.

Tuttavia, al di là del loro manto particolare, nessuno dovrebbe dubitare che, in realtà, siamo di fronte a degli animali meravigliosi e unici.