Corvo imperiale: habitat e caratteristiche

Il corvo imperiale è uno degli uccelli più conosciuti al mondo per la sua popolarità nella letteratura e nella mitologia. Tuttavia, il suo comportamento è l'aspetto più sorprendente di questa specie.
Corvo imperiale: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 21 ottobre, 2021

Uno degli uccelli più popolari al mondo è il corvo imperiale (Corvus corax). Questo uccello è presente dalla letteratura mondiale alla mitologia di vari paesi e la sua presenza è per lo più legata a molti miti e presagi. Tuttavia, questo uccello è definito oltre la leggenda per la sua intelligenza in natura.

Il comportamento e la comunicazione fanno del corvo imperiale un uccello molto particolare. I corvi appartengono all’ordine Passeriformes e sono noti per la loro capacità di cantare e imitare la voce umana. Di seguito troverete le informazioni più rilevanti su questo curioso uccello.

Habitat del corvo imperiale

Il corvo imperiale è uno degli uccelli più diffusi al mondo. Copre gran parte dell’emisfero settentrionale ed è presente nell’Europa settentrionale, nelle isole britanniche, in Islanda e nella Scandinavia settentrionale. È anche visto dall’Asia centrale orientale all’Oceano Pacifico e dall’Himalaya meridionale all’India nordoccidentale.

Nel continente americano questi uccelli coprono l’intera regione del Canada, degli Stati Uniti e del Messico. Preferiscono habitat aperti come tundre senza alberi, scogliere rocciose, deserti invasi e pianure. Tuttavia, possono ambientarsi in qualsiasi ecosistema (ad eccezione delle foreste tropicali) ed è molto comune incontrarli nelle aree urbane.

Un corvo comune su un ramo.

Caratteristiche fisiche

I corvi imperiali sono caratterizzati dal bel colore nero del piumaggio, che può offrire anche iridescenti riflessi bluastri e viola. Le penne della gola sono allungate e di solito sono di un marrone grigio chiaro, che prendono il nome di hackles e si usano nei momenti di comunicazione.

I corvi sono uno dei passeriformi più grandi, con maschi adulti che misurano tra 52 e 69 centimetri di lunghezza. Inoltre, Corvus corax presenta un dimorfismo sessuale in termini di dimensioni, poiché i maschi misurano tra 144 e 160 centimetri e le femmine tra 124 e 138 centimetri. Il loro peso varia da 0,7 a 1,7 chilogrammi.

Sono note 8 sottospecie con poche differenze fisiche, anche se le più frequenti sono le variazioni nella forma a cuneo della coda, lo spessore del becco e le strategie di comunicazione. Il becco di questi uccelli è forte, nero e leggermente ricurvo, e presentano un paio di occhi con un’iride marrone scuro.

Il piumaggio dei giovani corvi è simile a quello degli adulti, ma è più opaco. La loro iride oculare è solitamente grigio-blu.

Comportamento comune

Il corvo ha una grande intelligenza e complesse dinamiche sociali. È in grado di adattarsi a nuovi problemi nel suo ambiente naturale e si nutre in grandi gruppi in spazi in cui si concentrano le risorse. Gli individui che non riescono a riprodursi occupano invece ricoveri comunali, anche se generalmente si presentano da soli o in coppia.

Le coppie riproduttive stabiliscono territori di nidificazione, che variano a seconda della densità delle risorse presenti nell’area. Finora non è stata registrata alcuna migrazione nei corvi comuni, sebbene possano compiere movimenti stagionali più brevi per evitare condizioni meteorologiche invernali estreme.

Comunicazione e percezione

Il corvo presenta una serie diversificata di chiamate e suoni non vocali per scopi diversi. Questa specie ha evidenziato da 15 a 33 categorie di vocalizzazioni tra richiami di allarme, suoni di conforto, avvisi di inseguimento e toni territoriali.

Come altri uccelli, i corvi possono imitare i suoni di altri animali e sono in grado di emettere una varietà di suoni che assomigliano molto ai richiami di altri uccelli. Le femmine spesso emettono suoni scricchiolanti e i giovani uccelli si impegnano in giochi vocali in cui mostrano il loro intero repertorio di suoni per minuti (o ore) alla volta.

Predazione e abitudini alimentari del corvo imperiale

I corvi sono raramente predati, anche quando si tratta di uova o giovani. Tuttavia, gli adulti difendono ferocemente la loro prole scacciando i predatori. Questi possibili attaccanti possono essere grandi falchi e aquile, altri corvi, gufi e faine.

I corvi comuni sono principalmente onnivori spazzini. Il loro cibo è di ampia origine animale e comprende artropodi, anfibi, piccoli mammiferi, uccelli, rettili e carogne. Si nutrono anche della placenta delle pecore e gli alimenti vegetali includono cereali, frutta e ghiande.

Gli adulti sono diffidenti nell’avvicinarsi a nuovi tipi di carogne, quindi aspettano che arrivino altri animali per avvicinarsi al cibo senza paura.

L’analisi dello stomaco del corvo comune ha dimostrato che la sua dieta consiste principalmente di carne di mammifero, seguita da insetti e piccoli uccelli. Questi uccelli prendono cibo da terra e immagazzinano tutti i tipi di cibo come ossa, noci e carne. Gli esemplari più giovani iniziano a sperimentare lo stoccaggio poco dopo aver lasciato il nido.

Riproduzione del corvo imperiale

Il corvo comune può accoppiarsi in qualsiasi periodo dell’anno, ma ciò si verifica più spesso durante l’autunno e l’inverno. Questi uccelli si muovono in gruppi e stabiliscono compagni per tutta la vita, sebbene non ci siano prove che si accoppino sempre con il loro compagno. Queste coppie sono generalmente molto territoriali e nidificano quasi sempre nello stesso luogo.

I giovani corvi iniziano i rituali di accoppiamento in tenera età, ma si accoppiano solo dopo i primi 2 o 3 anni di vita. Questo rituale consiste in acrobazie aeree e dimostrazioni di capacità di procurarsi il cibo. Le femmine invitano all’accoppiamento abbassandosi leggermente e aprendo, allargando o abbassando le ali.

Il corvo comune ha una lunga aspettativa di vita di 10-15 anni in natura e fino a 40 anni in cattività. Tuttavia, la maggior parte degli esemplari selvatici muore durante i primi anni di vita.

Anche i corvi spesso scuotono o agitano la coda e la sollevano leggermente. Dopo la sua riproduzione, il corvo pone il nido su grandi alberi, pali elettrici o su vecchi edifici. La deposizione delle uova avviene tra febbraio e maggio, anche se le covate iniziano a marzo o aprile (in cui la femmina depone da 3 a 7 uova).

Le uova sono di colore blu-verde pallido con macchie marroni e si schiudono per 20-25 giorni. I genitori realizzano i nidi con materiali morbidi come peli di cervo e bastoncini e hanno un aspetto asimmetrico da 40 a 150 centimetri di diametro. I giovani lasciano il nido tra le 5 e le 7 settimane di età, anche se possono rimanere con la famiglia per qualche settimana in più.

Stato di conservazione

Il corvo è stato stigmatizzato nel corso della storia e il suo rapporto con l’uomo è alquanto conflittuale. Dagli spaventapasseri al suo ruolo in diverse mitologie, gli abitanti di molte regioni lo hanno classificato come un uccello nocivo. Di conseguenza, il corvo comune è stato cacciato e avvelenato per impedirgli di attaccare i raccolti o il bestiame.

Alcune popolazioni di corvi comuni sono state rimosse per proteggere altri programmi di specie in via di estinzione, poiché questi uccelli erano implicati nella loro predazione. Attualmente, e secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN per il suo acronimo in inglese), il suo stato di conservazione è “Least Concern (LC)”.

Ci sono molte curiosità sui corvi.

Come potete vedere, il corvo imperiale è un uccello dal comportamento molto particolare. La sua comunicazione e fedeltà alla compagna sono solo alcuni dei suoi tratti distintivi, tuttavia è ancora una specie stigmatizzata nel mondo e sia la letteratura che il cinema rafforzano questo rifiuto con terrore e misticismo.

Potrebbe interessarti ...
Si può tenere un corvo come animale domestico?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Si può tenere un corvo come animale domestico?

Vorreste un corvo come animale domestico? Sappiate che questo volatile è sempre più presente nelle case, grazie alla sua spiccata intelligenza.