Perché i corvi gracchiano?

I corvi gracchiano per molte (e complesse) ragioni. In questo articolo vi mostriamo quelle più sorprendenti.
Perché i corvi gracchiano?

Ultimo aggiornamento: 18 ottobre, 2021

L’intelligenza di questi uccelli non è solo molto elevata, ma è anche evidente se si ha l’occasione di avere a che fare con loro. Per questo, quando i corvi gracchiano, è scontato che non lo fanno senza motivo. Tutto ha una spiegazione nel mondo animale.

Cosa vogliono dire questi corvidi con il loro gracchiare? Di tutte le loro vocalizzazioni, queste “urla” sono le più sorprendenti. Se volete saperne di più sulla comunicazione dei corvi, siete arrivati all’articolo giusto.

Perché i corvi gracchiano?

La prima cosa che dovreste sapere è che le vocalizzazioni dei corvi sono volontarie. A differenza di altre specie di uccelli (che cantano o cinguettano come risposta automatica a determinati stimoli), i corvidi possono modulare i suoni che emettono in base alle loro intenzioni.

Il grande repertorio vocale di questi uccelli consente loro di esprimere efficacemente tutto ciò di cui hanno bisogno ai loro conspecifici, dall’avvertimento di pericolo alla segnalazione di luoghi con abbondante cibo. Inoltre, essendo animali gregari, le loro complesse interazioni sociali favoriscono lo sviluppo del loro modo di esprimersi.

I corvi sono famosi anche per la loro capacità di imitare i suoni. Sono in grado di emulare il linguaggio umano quasi perfettamente, particolarità a cui si deve la loro fama di profeti di sventura nel folklore occidentale.

Gli adulti insegnano ai giovani corvi i propri versi di gruppo: sono capaci di trasmettere conoscenza.

I corvi e i loro parenti.

Distinzione tra amico o minaccia

Un’altra delle caratteristiche più sviluppate dei corvi è la memoria e la loro capacità di riconoscere gli individui. Quando si riuniscono con altri corvi, il loro gracchiare varierà a seconda del rapporto che hanno con loro. In altre parole, differenziano tra familiari, rivali e giovani.

Questi uccelli hanno un tipo specifico di verso per avvertire della presenza di individui amichevoli, come gli umani che portano loro il cibo. Inoltre, i corvi usano questa vocalizzazione per guidare altri spazzini verso grossi cadaveri e convincerli ad aprirli per loro.

Questi uccelli sono anche in grado di riconoscere esemplari ostili, tra le altre cose. Il grido che emettono varia in questi casi:

  1. Di fronte a esseri ostili (conspecifici o meno), i corvi gracchiano con un tono più basso e più breve.
  2. Quando vogliono allarmare i loro conspecifici, questi uccelli emettono una serie di versi potenti, quasi assordanti.

Il saluto amichevole dei corvi consiste in versi ripetitivi, ma non stridenti.

I corvi gracchiano alla morte di un membro del loro gruppo

Per molto tempo si è pensato che i corvi eseguissero riti funebri, poiché quando uno di loro muore si verifica un fenomeno caratteristico. Dopo la morte di un compagno, l’intero stormo crea un concerto assordante di versi continui e specifici.

Tuttavia, questo concerto non è un rituale come lo intendiamo noi umani. Oltre a esprimere le proprie emozioni per la morte di un conspecifico, i corvi gracchiano per avvertire gli altri che un luogo è pericoloso.

Inoltre, con questo atto i corvi si assicurano di memorizzare tutti gli elementi potenzialmente mortali dell’ambiente. In uno studio del 2015 questo fenomeno è stato studiato e sono stati scoperti i seguenti dettagli:

  • I corvi impiegavano più tempo ad avvicinarsi al cibo nei luoghi in cui era morto un congenere.
  • Questi uccelli rimproverano gli umani e i predatori che avevano precedentemente visto vicino alla carcassa di un corvo.
  • Le carcasse di altre specie di uccelli, come i piccioni, non suscitano una risposta intensa come quando si tratta del corpo di un conspecifico.

La simbologia dei corvi

Il corvo non è simbolo di morte e sfortuna in tutte le mitologie. Se è vero che nella Bibbia questo uccello è legato a un concetto di malvagità e di impurità, in altre culture è un’icona di saggezza e conoscenza.

Secondo una leggenda, l’Inghilterra non avrebbe ceduto a un’invasione straniera finché ci fossero stati i corvi nella Torre di Londra.

Nella mitologia norrena, Hugin e Munin erano i corvi che Odino portava su entrambe le spalle. Ogni giorno, la divinità li mandava ad esplorare il mondo e quando tornavano gli comunicavano tutto quello che era successo. Grazie a loro, negli scritti Odino sapeva ogni cosa, e gli venne anche dato il nome di Rafnagud (dio dei corvi).

Gli eschimesi dell’Alaska, del Canada e della Groenlandia hanno il corvo come figura centrale nella creazione del mondo umano. Questo uccello ha creato la terra, le piante, gli animali e le persone. Insegnò agli uomini ad accendere fuochi, a costruire canoe e reti e a indossare pelli per proteggersi dal freddo.

Un esempio di cultura orientale che associa i corvi alla morte sono i giapponesi. In molte tombe preistoriche situate nell’Asia meridionale ci sono barche disegnate a forma di uccelli e talvolta vengono persino disegnati rematori travestiti da corvidi. Tuttavia, qui la morte è concettualizzata più come un viaggio che come la fine della vita.

Le disparate rappresentazioni del corvo nella cultura umana sono un esempio dell’incredibile complessità del suo comportamento e del legame che questi uccelli sono in grado di stabilire con noi. Le meraviglie dei corvidi non fanno che aumentare con ogni scoperta fatta su di loro.

Potrebbe interessarti ...
Secondo recenti scoperte, l’intelligenza dei corvi è straordinaria
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Secondo recenti scoperte, l’intelligenza dei corvi è straordinaria

L'intelligenza dei corvi è enorme, e lo dimostra una nuova ricerca neozelandese sulla loro capacità di creare e migliorare attrezzi.



  • Brecht, K. F., Hage, S. R., Gavrilov, N., & Nieder, A. (2019). Volitional control of vocalizations in corvid songbirds. PLoS Biology17(8), e3000375.
  • LUCAS A. BLUFF, ALEX KACELNIK, CHRISTIAN RUTZ, Vocal culture in New Caledonian crows Corvus moneduloidesBiological Journal of the Linnean Society, Volume 101, Issue 4, December 2010, Pages 767–776, https://doi.org/10.1111/j.1095-8312.2010.01527.x
  • Marzluff, J. M., Walls, J., Cornell, H. N., Withey, J. C., & Craig, D. P. (2010). Lasting recognition of threatening people by wild American crows. Animal Behaviour79(3), 699-707.
  • Swift, K. N. (2015). Wild American crows use funerals to learn about danger (Doctoral dissertation).