Cosa esprimono i diversi movimenti della coda del cane?

 

Avete mai provato a contare in quanti modi muove la coda il vostro cane? Probabilmente vi sarete resi conto che sono svariati. Sebbene alcune persone non notino la differenza, è certo che ogni movimento della coda significa qualcosa; capirlo può essere importante per rafforzare il legame con il vostro amico a quattro zampe.

Alcuni movimenti sono più significativi, altri meno; conoscerli tutti, a prescindere dalla loro importanza, ci può aiutare a capire meglio il nostro cane e intuire in modo più sicuro le sue necessità.

L’importanza della coda

cane-arrabbiato-movimento-della-coda

Il cane, quando vuole chiedere qualcosa o farci capire il suo stato d’animo, comunica attraverso il linguaggio corporeo. La coda ha un ruolo decisivo: è infatti una delle parti più espressive del corpo.

Viene utilizzata dall’animale per interagire con gli esseri umani e con i cani. In quest’ultimo caso, i movimenti di questa parte del corpo favoriscono la propagazione dei feromoni, presenti nelle ghiandole anali, altro importante mezzo di comunicazione tra i cani.

Vediamo adesso quali sono i principali movimenti e come interpretarli.

I movimenti della coda più comuni

I seguenti sono, a nostro avviso, i movimenti della coda più utilizzati dai cani. È possibile che a voi ne vengano in mente altri. Ecco la nostra lista:

 
  • Movimenti circolari. Quando il cane alza la coda e la fa girare con movimenti circolari è un segno inequivocabile di allegria. Il cane vuole giocare ed è felice. È un gesto che non andrebbe ignorato; giocate con l’animale: rinforzerete il vincolo d’affetto.
  • Da una parte all’altra. Se la coda si muove velocemente da un lato all’altro può significare due cose. Innanzitutto felicità o eccitazione. Ad esempio, noterete questo gesto quando rientrate a casa. Potrebbe, in alternativa, denotare ansia o nervosismo. Per distinguere le due emozioni, usate l’empatia. Sarà facile intuire cosa passi nella testa del vostro cane in quella particolare circostanza.
  • Movimenti corti. Se il movimento della coda va da una parte all’altra, ma è breve e ricorda il ritmo intermittente di un tergicristallo, il cane si prepara ad attaccare. Se, oltre a questo, ha le orecchie rivolte verso l’alto e mostra i denti, allontanatevi o allontanatelo dalla persona o dal cane con cui è arrabbiato.

  • Rivolta verso il basso. È un segnale di autorità: il cane sta affermando il suo ruolo di capo branco. Prestate attenzione: se lo fa quando lo sgridate o mentre gli state impartendo un ordine è possibile che non gli abbiate insegnato in modo corretto che il capo branco siete voi, non lui.
  • Movimento orizzontale. Se la coda non è tesa dimostra semplicemente che il cane è interessato a qualcosa. Se, invece, alla postura caratteristica si aggiunge una tensione della coda, non si sta necessariamente preparando ad attaccare; è probabile che stia marcando il territorio e indicando che nessuno deve avvicinarsi.
  • Bassa. La coda bassa, tenuta separata dalle zampe posteriori e mossa dolcemente da un lato all’altro è segno di insicurezza. Qualcosa nell’ambiente lo fa sentire a disagio; può essere una persona o un animale, e il cane non si sente tranquillo.
  • Rilassata. Se la coda è rilassata, bassa e distante dalle zampe significa che il cane si sente tranquillo, rilassato e a proprio agio. Diciamo che è in pace con il mondo..
  • Tra le gambe. È un segnale che quasi tutti conosciamo. Quando il cane nasconde la coda tra le zampe ha paura, si sente minacciato ed è probabile che cerchi la nostra protezione.