Cosa mangiano i tori?

I tori sono grandi bovini che richiedono enormi quantità di mangime per mantenere la loro massa corporea eccessiva. Scoprite qui quali compongono la loro dieta!
Cosa mangiano i tori?

Ultimo aggiornamento: 14 marzo, 2022

Conosciuti in tutto il mondo per la corrida, le esposizioni bovine e le pratiche agricole, i tori sono uno degli animali essenziali per la vita del bestiame e della fattoria. Come tutti gli animali, il cibo è un pilastro del loro benessere, quindi chiedersi cosa mangiano i tori è il primo passo nel caso in cui si vogliano tenere in cattività.

Tuttavia, la risposta a questa domanda include aspetti più complessi di quanto possa sembrare, come i nutrienti e le quantità specifiche di mangime che i tori dovrebbero consumare. Di seguito imparerete a conoscere i principali elementi che compongono la dieta di questi grandi bovini.

Alimentazione del toro

I tori sono animali che mangiano una varietà limitata di cibi. La base della loro dieta nell’ambiente naturale e in cattività è l’erba, che li rende animali erbivori. Allo stesso modo, questi grandi bovini includono nel loro menu foraggi e concentrati a base di fibre e legumi costituiti da frumento, sorgo, orzo, riso e altri ingredienti.

Con questi alimenti si cerca che lo sviluppo nutrizionale del toro sia il più appropriato. Pertanto, questi devono essere a basso contenuto di grassi e realizzati con materie prime naturali che ne facilitino la digestione. Inoltre, in periodi di siccità, una buona alimentazione deve essere assicurata attraverso fieno o erba secca (che è stata accuratamente conservata per evitare la proliferazione di batteri).

D’altra parte, ci sono alcune sostanze che i tori mangiano, ma non possono digerire (come lignine e tannini). Al contrario, le piante che consumano di più appartengono alla famiglia delle graminacee presenti nelle graminacee, come il trifoglio bianco, il trifoglio rosso e l’erba medica, che hanno una buona fonte di azoto.

A volte, gli allevatori forniscono integratori alimentari ai tori per ingrassarli e aumentare il tasso di crescita. Possono anche essere offerti integratori proteici o energetici concentrati che includono vitamine e minerali.

Un toro che fissa la telecamera.

Requisiti nutrizionali

Durante l’inverno e l’autunno, i tori dovrebbero ricevere la quantità necessaria di mangime in modo che le loro condizioni fisiche non diminuiscano durante tali periodi di carenza di pascolo. Inoltre, se gli viene dato troppo cibo, i tori potrebbero diventare sovrappeso, il che riduce la qualità del loro seme e la loro capacità di montare.

I tori, come alcuni altri bovini, non necessitano di integratori di vitamine idrosolubili come B1, B3, B12 e C perché i batteri nel loro apparato digerente sono in grado di sintetizzarli.

Pertanto, è consigliabile offrire le quantità ottimali di mangime in modo da non pregiudicare la salute dei bovini. I fabbisogni nutrizionali di questo mammifero variano in base al peso corporeo, ma in genere è fondamentale una buona percentuale di calcio, potassio, fosforo e proteine digeribili.

Nel caso delle proteine, la principale fonte di queste si trova nei residui solidi ottenuti dall’estrazione dell’olio da semi o frutti oleaginosi. Questi sono per lo più conosciuti come turtós e i più famosi sono quelli di girasole, soia o lino. Questa alternativa nutrizionale si è evoluta dalle farine di origine animale utilizzate come concentrato proteico nel XX secolo.

I tori attaccano gli umani?

Sebbene sia vero che i tori hanno attaccato gli umani in più occasioni, non lo hanno fatto con l’intenzione di nutrirsene. Poiché questi bovini sono erbivori, gli attacchi si sono verificati principalmente da attività come la corrida e altre tradizioni in cui si incoraggia l’animale a inseguire l’uomo e i tentativi di fuga dal bestiame.

Apparato digerente dei tori

Come accennato in precedenza, i tori trascorrono molto tempo a nutrirsi: ad esempio, un adulto trascorre dalle 8 alle 9 ore al giorno (proprio come le mucche). Il processo inizia con l’afferrare il cibo con la lingua e gli incisivi inferiori. Durante la masticazione viene prodotta della saliva che aiuta il cibo a scendere nello stomaco.

Tuttavia, i tori (come altri ruminanti) rigurgitano ciò che mangiano per masticarlo di nuovo e abbatterlo. Una delle grandi particolarità dello stomaco dei tori è che è diviso in 4 parti: 3 sono dedicate alla ruminazione e 1 alla vasca principale. Queste divisioni consentono al toro di sfruttare i carboidrati vegetali (come la cellulosa).

L’intestino tenue dei tori è responsabile della digestione e dell’assorbimento dei nutrienti. Da parte sua, l’intestino crasso fermenta il cibo non assorbito e il colon è responsabile dell’assorbimento dell’acqua e dei minerali rimanenti. Infine, il retto riceve i rifiuti finali per costruire le feci da espellere.

Il comportamento riproduttivo dei tori dipende da molti fattori.

Come potete vedere, i tori mangiano alcuni cibi limitati, ma pieni di nutrienti e vitamine. Questi garantiscono il loro benessere, la loro crescita e la loro energia per attività di allevamento o partecipazione a mostre di esemplari grandi, belli e sani.

Potrebbe interessarti ...
Conoscete la storia del toro de lidia
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Conoscete la storia del toro de lidia

Oggi vogliamo parlarvi del toro de lidia, un maestoso e imponente animale diventato simbolo della Spagna. Scoprite la sua storia!



  • Bartolomé Rodríguez, D. J., Alonso De La Varga, M. E., García García, J. J., Posado Ferreras, R., Gómez, L., & Gaudioso Lacasa, V. R. Efecto del sistema de alimentación aplicado en el toro de lidia sobre diversos parámetros indicadores de alteración ruminal.