Cosa mangiano le rane?

Le rane sono anfibi anuri molto amichevoli e innocui. In ogni caso, sono predatori che basano la loro dieta sugli esseri viventi.
Cosa mangiano le rane?

Ultimo aggiornamento: 25 agosto, 2021

Le rane sono anfibi che risvegliano la tenerezza grazie alle loro piccole dimensioni, ai loro occhi sporgenti e alla loro apparente fragilità. Hanno una pelle molto sottile e una bocca grande rispetto al resto del corpo, il che conferisce loro una forma comica degna di un cartone animato. Tuttavia, non c’è niente di adorabile nelle loro abitudini alimentari. Perché? Vi rispondiamo spiegandovi cosa mangiano le rane.

Questi animali sono eminentemente predatori, sebbene le loro abitudini alimentari cambino nel corso della loro vita, con notevoli differenze osservate tra prima e dopo la metamorfosi. Successivamente, vi diciamo tutto ciò che dovete sapere sulla dieta di questi animali amichevoli.

Cosa sono le rane?

Prima di addentrarci nell’alimentazione delle rane, troviamo interessante collocarle a livello tassonomico, poiché di solito c’è molta ignoranza su di esse. Le rane appartengono alla classe degli Anfibi, che comprende anche salamandre, tritoni e cecilie. Sono anfibi specificamente anuri, poiché mancano di coda e il loro corpo è appiattito, a differenza degli urodeli.

Si stima che l’88% degli anfibi sia classificato come anuri, un gruppo che comprende più di 7.100 specie suddivise in 55 famiglie. A questo punto, va notato che una rana è tutte le specie all’interno dell’ordine Anura, indipendentemente dalle sue caratteristiche vitali o dalla ruvidità della sua pelle. In effetti, la distinzione tra “rospo” e “rana” per le loro caratteristiche corporee è sbagliata da un punto di vista scientifico.

Si dice spesso che le rane siano più magre, con arti posteriori più evidenti, pelle più liscia e abitudini eminentemente acquatiche. D’altra parte, i rospi hanno la pelle più ruvida, sono più piatti e si muovono attraverso ecosistemi più secchi. Ciò non è del tutto vero, dal momento che alcuni “rospi” (come il genere Atelopus ) hanno una conformazione liscia e slanciata, quasi uguale a quella di una tipica “rana”.

Quindi, possiamo dire che gli unici “veri rospi” sono quelli appartenenti alla famiglia dei Bufonidae, mentre tutti gli altri anuri potrebbero essere considerati delle “rane”, anche se questo non è vero neanche a livello tassonomico. I gruppi che costituiscono la maggior parte delle “rane” tipiche sono i seguenti: Craugastoridae (850 specie), Hylidae (724 specie) e Microhylidae (688 specie).

Le curiosità degli anfibi sono infinite.

Cosa mangiano le rane?

Ora che sapete come sono inquadrati questi tipi di anfibi a livello tassonomico, siamo pronti a rispondere alla domanda su cosa mangiano le rane. Distingueremo le loro scelte alimentari in base alla loro fase di vita, poiché la dieta di un girino non ha nulla a che vedere con quella di un individuo adulto.

Cosa mangiano i girini?

Il termine girino designa lo stadio larvale degli anfibi anuri. Queste larve sono completamente acquatiche, hanno lamelle ricoperte da pelle (che formano una camera opercolare) e hanno una coda molto evidente, con la quale si aiutano a nuotare con movimenti ondulatori laterali. La dimensione dei girini varia notevolmente tra le specie.

La maggior parte dei girini sono erbivori e si nutrono di alghe che si accumulano su rocce e sedimenti di fiumi, laghi o fonti d’acqua deperibili. Possono anche nutrirsi di materia organica animale in decomposizione, come pezzi di vertebrati o insetti annegati. Hanno un intestino a spirale molto allungato, che permette loro un maggior grado di assorbimento nutrizionale.

Alcune larve della famiglia Microhylidae si nutrono per filtrazione, nuotando attraverso la colonna d’acqua e ottenendo il microscopico plancton in sospensione. D’altra parte, alcune delle poche rane che hanno girini predatori sono quelle della famiglia Ceratophryidae. Grazie alle loro enormi bocche, sono in grado di mangiare insetti, piccoli pesci e artropodi.

Cosa mangiano le rane adulte?

La risposta questa volta è molto più semplice: tutte le rane sono predatori. Ciò significa che si nutrono di animali vivi, cacciandoli generalmente usando una strategia di tipo sit and wait. Essendo esseri molto goffi, gli anfibi tendono a rimanere fermi e ad aspettare che una preda passi davanti a loro, intrappolandola con le loro lingue appiccicose o altri meccanismi.

Comunque sia, la dieta di una rana varierà drasticamente a seconda dell’ambiente in cui vive. Successivamente, analizziamo le scelte dietetiche di questi anuri a seconda dell’habitat in cui si trovano, utilizzando alcune specie segnalate come esempi.

Alimentazione delle rane acquatiche

La rana d’acqua per antonomasia è Xenopus laevis. Questo anuro non esce mai dall’acqua, anche se può resistere a periodi di disseccamento piuttosto lunghi seppellendosi nel fango. Questa specie in particolare è predatrice e spazzina, poiché porta alla bocca tutti i tipi di carne che trova, viva o morta che sia.

Xenopus laevis è guidata dalla sua linea laterale sensoriale, dalle dita estremamente sensibili e dall’olfatto per rilevare la sua preda. Grazie alla pompa iobranchiale che presenta in bocca, risucchia le sue vittime “ingoiando” l’acqua senza troppe difficoltà. Si nutre principalmente di pesci, larve di insetti, artropodi caduti e pezzi di carne morta.

Un'altra delle curiosità delle rane è che molte sono acquatiche.

Cosa mangiano le rane di terra?

Allo stesso tempo, cosa mangiano le rane che occupano ambienti acquatici e terrestri? Se prendiamo come esempio la specie Rana temporaria, vedremo che questo amichevole anuro si nutre di larve di insetti, isopodi, ragni, lumache e vermi. Oltre agli invertebrati acquatici ricorre anche agli invertebrati terrestri che si nascondono sotto le rocce e nel substrato.

La dieta di questa specie dipende in gran parte dal periodo dell’anno.

Dieta della raganella americana

A differenza degli esempi citati, alcuni anuri trascorrono gran parte del loro tempo sui rami di alberi e arbusti vicino a fonti d’acqua, Hyla cinerea è uno degli esempi più citati. Queste rane, per la loro nicchia biologica, si nutrono principalmente di mosche, zanzare e altri insetti alati.

Cosa mangiano le raganelle?

Come potete vedere, rispondere a ciò che mangiano le rane è un po’ più complesso di quanto potreste pensare inizialmente. In sintesi, i girini sono solitamente erbivori, mentre tutti gli anuri sono artropodi e piccoli predatori vertebrati, sebbene le loro abitudini alimentari varino in base alla loro posizione geografica e al lavoro dell’ecosistema.

Potrebbe interessarti ...
Perché le rane cantano?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Perché le rane cantano?

Rane e rospi cantano attraverso un apparato vocale straordinariamente sviluppato. Lo scopo di queste vocalizzazioni è la riproduzione.



  • Hirai, T. (2002). Ontogenetic change in the diet of the pond frog, Rana nigromaculata. Ecological Research, 17(6), 639-644.
  • Beard, K. H. (2007). Diet of the invasive frog, Eleutherodactylus coqui, in Hawaii. Copeia, 2007(2), 281-291.
  • Olson, C. A., & Beard, K. H. (2012). Diet of the introduced greenhouse frog in Hawaii. Copeia, 2012(1), 121-129.
  • Parker, M. L., & Goldstein, M. I. (2004). Diet of the Rio Grande leopard frog (Rana berlandieri) in Texas. Journal of Herpetology, 38(1), 127-130.