Coyote, alla scoperta del lupo della prateria

· 17 giugno 2018

Il coyote è un mammifero carnivoro della famiglia dei canidi, che può essere scambiato per un lupo o un cane selvatico. Per distinguerlo è necessario prestare attenzione al suo corpo snello e ai suoi occhi dal colore giallo intenso. Il suo colore e le dimensioni possono variare molto, dal momento che ci sono circa 16 sottospecie di questo bellissimo animale.

Questo animale è presente nelle storie e nelle leggende degli indiani nordamericani e viene sempre descritto come un animale molto astuto e dinamico. In questo articolo vi mostreremo tutto ciò che bisogna sapere sul cosiddetto “lupo della prateria”.

Habitat

Il coyote si trova principalmente nell’America settentrionale e centrale, ma anche in alcune regioni del Sud America. Alcuni esemplari vivono nelle regioni montuose mentre altri preferiscono le pianure, generalmente che coincidono con zone desertiche e molto calde.

È un animale dotato di una spiccata adattabilità: ciò gli ha permesso di ampliare il suo habitat in modo davvero sorprendente. Può vivere in zone fredde o torride, in prossimità di foreste, tra le rocce dei deserti o in montagna. I più coraggiosi si sono spinti fino ai margini delle aree urbane e hanno persino colonizzato città come Los Angeles, in California.

Caratteristiche fisiche

La maggior parte degli esemplari possiede una pelliccia grigia o marrone, a volte con macchie gialle o bianche lungo il corpo. I coyote che vivono nelle zone più fredde hanno un pelo più lungo e ruvido; quelli che si trovano nelle zone più calde lo presentano più corto e meno denso.

Rispetto alle dimensioni, questi canidi possono misurare circa 60 centimetri di altezza e pesare in media 15-20 chili. Sebbene sia un animale sano e forte, il suo aspetto sempre abbastanza trasandato.

Coyote adulto in un bosco innevato

Le zampe di questa specie sono lunghe e forti e gli permettono di raggiungere una velocità massima di 65 km/h. Si appoggia solo sulle dita per muoversi (come tutti gli animali digitigradi). Il muso è molto lungo e il coyote ha un senso dell’olfatto molto sviluppato, oltre a una vista acuta.

Queste caratteristiche lo rendono un eccellente cacciatore. Tenete presente che il loro incredibile fiuto gli permette di trovare animali persino nascosti sotto la neve. Gli adulti hanno poi l’abitudine di cacciare dei roditori, tramortirli e lasciarli in vita per insegnare ai cuccioli come cacciare.

Alimentazione

Il sistema digestivo del coyote è quello tipico di un animale carnivoro, ma spesso adatta abitudini opportunistiche. Specialmente in momenti di scarsità di cibo. La sua dieta si adatta facilmente a ciò che trova sulla sua strada. A volte, se necessario, può anche decidere di nutrirsi con rifiuti umani.

Se ne ha la possibilità, il coyote caccia e consuma piccoli e grandi mammiferi come conigli, roditori, pecore, bovini, cervi, ecc. Si nutre anche di uccelli e rettili, come polli e serpenti o pesci. In caso di necessità e in assenza di qualsiasi altra cosa, si limita a nutrirsi di insetti, frutta e verdura.

Comportamento

Il coyote marca il suo territorio usando l’urina, che ha un odore molto forte. In generale, questi lupi delle praterie vivono e cacciano da soli o in coppie monogame. A volte maschi e femmine restano assieme per tutta la vita.

Possono vivere in piccoli branchi, con un massimo di sei membri. In questi casi, le dispute sulla leadership sono spesso molto aggressive ed è normale che i membri “ribelli” vengano espulsi o lascino spontaneamente il gruppo. Comunicano tramite ululati caratteristici e molto acuti.

Coyote ulula accanto a una foresta

L’aspettativa di vita di questo animale è di 14 anni. La popolazione di coyote è cresciuta molto negli ultimi tempi, nonostante gli sforzi degli esseri umani per limitarne il numero. Il problema principale sta nel fatto che rappresentano una vera piaga per le attività agricole. Attaccano spesso fattorie e cortili, ferendo il bestiame o rovinando le colture.

Riproduzione

Il processo di corteggiamento della femmina di coyote può durare 2-3 mesi. Solamente se lei accetta il partner, avverrà la copulazione, generalmente durante il mese di febbraio. È sempre la femmina che decide con quale esemplare maschio procreare.

Il periodo di gestazione dura circa 60 giorni. Quando arriva la primavera, la futura mamma coyote si ritira in una tana e dà alla luce una media di 6 cuccioli (possono arrivare ad essere 12).

I cuccioli vengono allattati dalla madre e nutriti dal padre. Anche i fratelli più grandi contribuiscono alla cura dei più piccoli, rimanendo per lungo tempo nel branco. Dopo dieci settimane, i giovani coyote lasciano la tana materna e iniziano a esplorare l’ambiente circostante.

Gli adulti sono responsabili dell’addestramento per la caccia e, circa nove mesi dopo, sono finalmente pronti per vivere da soli. Raggiungono la maturità sessuale una volta superato l’anno di età. Alcuni individui formano la propria famiglia vicino al territorio dei genitori, mentre altri scelgono di rimanere per tutta la vita con il gruppo sociale originario.