Cura del parrocchetto monaco: 10 regole

Intelligente, bello, ma un po' rumoroso, questo è il parrocchetto monaco. Al di là delle sue caratteristiche, è un pappagallo con molte esigenze che bisogna conoscere se si sceglie di adottarne uno.
Cura del parrocchetto monaco: 10 regole

Ultimo aggiornamento: 24 luglio, 2021

Il parrocchetto monaco (Myiopsitta monachus), noto anche come pappagallo argentino, è un uccello il cui habitat naturale si trova in Bolivia, Argentina e Brasile meridionale, anche se la sua presenza si è diffusa ben oltre questi confini. La cura del parrocchetto monaco include vari fattori, tutti di vitale importanza.

Questo uccello appartiene alla famiglia dei pappagalli e si distingue per il suo colore caratteristico e prevalentemente verde, per la sua intelligenza e per essere conosciuto come uno degli uccelli più scandalosi. Questa è una particolarità che non piace a tutti, ma non smette di essere un animale bellissimo e che vale la pena conoscere.

Caratteristiche generali del parrocchetto monaco

Il parrocchetto monaco misura circa 30 centimetri e pesa circa 150 grammi. È un uccello che si adatta facilmente all’ambiente, potendo sopravvivere nelle aree urbane insieme ad altre specie. In natura vive circa 10 anni, ma in cattività può raggiungere i 25-30 anni.

Le sue piume sono verdi, con qualche tocco di giallo e la parte anteriore della testa, della gola e metà del petto sono grigie, nel caso di esemplari giovani. Il colorito diventa un po’ più chiaro con il passare degli anni, ma la parte esterna delle penne delle ali rimane sempre di una tonalità blu brillante.

Oltre a questo, vale la pena evidenziare la sua lunga coda, a punta e di colore verde chiaro con piccoli tocchi blu all’interno. Infine, le sue zampe sono grigie, il forte becco è di colore marrone o brunastro, e ha gli occhi marroni.

Una volta chiarite le principali caratteristiche fisiche, va detto che la distinzione tra parrocchetto monaco femmina e maschio è piuttosto complicata e richiede una buona osservazione. L’unica differenza notevole è che la testa del maschio è più grande di quella della femmina, così come anche la mascella superiore, è più larga.

Conosci la cura del pappagallo monaco?

Cura del parrocchetto monaco: 10 regole

Tra le cure principali del parrocchetto monaco, spicca la gestione della sua dieta, anche se non è l’unico fattore di cui tenere conto. Vediamo più nel dettaglio alcune delle attenzioni che devono essere considerate se decidete di adottare uno di questi esemplari.

1. Dieta

Il parrocchetto monaco è un uccello granivoro, ciò significa che la base della sua dieta è il grano. Va bene qualsiasi tipo di cereale integrale non raffinato, ma nei negozi di animali specializzati troverete facilmente preparazioni che sono composte da diversi tipi di grani miscelati in modo equilibrato.

Potete scegliere diverse di queste preparazioni e alternarle nella dieta, poiché questi animali sono bravi a cambiare la loro alimentazione per favorire l’appetito. Oltre a questo, dovrebbero eventualmente essere offerte loro piccole porzioni di verdura e frutta fresca e alcuni insetti, poiché anche in natura fanno parte della loro dieta.

2. Osso di seppia e minerali

Per il parrocchetto monaco —così come per il resto degli uccelli—, avere un osso di seppia è essenziale per molte ragioni. Beccarlo non solo permetterà al suo becco di rimanere in salute usurandolo e affilandolo, ma il calcio che ottiene manterrà le sue ossa forti, e in caso di deposizione delle uova i gusci saranno più consistenti.

Oltre agli ossi di seppia, al pappagallo devono essere offerti anche altri tipi di minerali. Questi possono essere acquistati nei negozi di animali stessi sotto forma di blocchi, e sono speciali per gli uccelli. Le sue proprietà renderanno l’uccello più sano sia internamente che esternamente, il che si rifletterà, ad esempio, in un piumaggio più luminoso.

3. Gabbia

Una delle cure più importanti da considerare per il pappagallo monaco è dove vivrà. Questo uccello richiede una gabbia grande, con una dimensione minima di 100x50x50 centimetri di altezza, lunghezza e larghezza. All’interno deve esserci spazio sufficiente per volare, oltre a trespoli posti ad altezze diverse in modo da potersi appollaiare.

La base della gabbia deve contenere una rete in modo che il pappagallo non possa accedere alle proprie feci e così ammalarsi. Oltre a ciò, va curato il suo arricchimento ambientale, mettendo a disposizione, ad esempio, diversi giocattoli per la sua stimolazione mentale. Inoltre, deve essere facile per lui raggiungere le ciotole del cibo e dell’acqua e il suddetto osso di seppia.

Anche con queste condizioni, è essenziale che il pappagallo voli fuori dalla gabbia per diverse ore al giorno. Pertanto, è opportuno posizionarlo in una stanza dove possa volare liberamente senza pericolo. Inoltre, la temperatura della stanza deve essere calda e la gabbia non può mai essere posizionata vicino a correnti d’aria o dove i raggi del sole influiscono direttamente.

4. Socialità

I pappagalli argentini sono uccelli gregari, cioè di solito vivono in gruppo. Pertanto, un’altra cura da tenere in considerazione per i parrocchetti monaci è considerare la possibilità di avere un partner. Certo, allo stesso tempo sono uccelli in qualche modo territoriali e gelosi, quindi l’ideale è che la coppia viva insieme dal primo momento in modo che si adattino più facilmente.

5. Veterinario qualificato

Se scegliete un uccello esotico come animale domestico, è essenziale trovare un veterinario specializzato in questi tipi di animali. Il parrocchetto monaco avrà bisogno di almeno un check-up annuale, ma può darsi che abbia bisogno ancora di più, ed è meglio farsi curare da un professionista qualificato.

Cura del parrocchetto monaco: altre curiosità

Sebbene quelle sopra menzionate siano le cure principali, ci sono altre importanti informazioni da conoscere su questo pappagallo.

6. Riproduzione

Se decidete di avere un paio di parrocchetti monaci maschi e femmine e vanno d’accordo, è probabile che legheranno per tutta la vita. I mesi in cui si manifesta il caldo sono tra agosto e novembre e la femmina può deporre dalle 4 alle 8 uova. L’incubazione dura circa 26 giorni. 

Dopo la schiusa, i pulcini vengono accuditi da entrambi i genitori, fino a quando non sono abbastanza forti e indipendenti da lasciare il nido, entro 6 settimane. Questo nido, in natura, viene costruito dalla femmina prima della deposizione, normalmente nei rami più alti degli alberi.

7. Longevità

Sono animali molto longevi, che possono vivere fino a 30 anni. Pertanto, decidendo di avere uno di questi uccelli, state prendendo un lungo impegno. Sfortunatamente, non tutti vogliono o possono raggiungerlo e la longevità è un motivo molto comune di abbandono in questo tipo di uccello.

8. Pulizia della gabbia nella cura del parrocchetto monaco

Un altro aspetto della cura del parrocchetto monaco è la frequente pulizia della sua gabbia. Oltre alle feci, è molto comune trovare avanzi di cibo, giocattoli rotti e pezzi di tutto ciò che può essere passato attraverso il suo becco, quindi dovrete dedicare molto tempo al compito di organizzare la gabbia e mantenerla in uno stato sano.

9. Distruttività

I parrocchetti monaci hanno un becco molto forte, quindi sono molto bravi a rompere tutto ciò che è alla loro portata. Ecco perché i materiali degli elementi che gli vengono offerti devono essere molto resistenti in modo che non li distruggano al primo cambio. Per quanto riguarda gli oggetti con cui giocare e fare merenda, potete anche optare per quelli realizzati con materiali naturali, come il legno.

10. Oggetti a portata di mano

Un altro fatto curioso da tenere a mente è che, indipendentemente dal fatto che vengano lasciati liberi o scappino, cosa di cui tendono ad avere la minima possibilità, questi uccelli amano impossessarsi di piccoli oggetti che utilizzeranno per formare i loro nidi. Fate molta attenzione a non lasciare monete, braccialetti e altri beni preziosi a portata di mano.

È legale adottare un parrocchetto monaco come animale domestico?

Prima di avventurarsi nell’adottare un animale esotico come animale domestico, è molto importante sapere cosa dice la legge su quella specifica specie nel paese in cui vivete. Ad esempio, nel caso del parrocchetto monaco, in Spagna ne è totalmente vietato il commercio, il trasporto, l’allevamento, il possesso e il rilascio in libertà, così come il noto parrocchetto dal collare.

Questo perché manca di predatori naturali, quindi la sua espansione è molto semplice ed entra in conflitto con la fauna autoctona. Inoltre, essendo animali che si nutrono di grano, i pappagalli spesso si scatenano attraverso i raccolti di cereali, seminando il caos sui raccolti. Per tutti questi motivi, la specie che qui ci interessa è inclusa nel Catalogo spagnolo delle specie esotiche invasive.

Il loro possesso è proibito anche in più di una dozzina di stati degli Stati Uniti. Questa decisione è stata presa dopo che molti di questi pappagalli sono stati introdotti come animali domestici nelle case tra gli anni ’60 e ’80, che in seguito sono fuggiti o sono stati rilasciati intenzionalmente. Ciò ha permesso la sua proliferazione al punto da essere considerato un parassita invasivo.

Un altro caso simile è quello del Cile, dove il parrocchetto monaco veniva commercializzato anche come animale domestico e il suo abbandono in natura ne consentiva la riproduzione indiscriminata. Oggi è considerato un parassita ed è molto pericoloso per gli ecosistemi e le specie autoctone, poiché mette in pericolo altri pappagalli del paese.

Un pappagallo in gabbia.

Raccomandazioni finali

Oltre a confermare la possibilità legale di averlo in casa e spiegare la cura del parrocchetto monaco, va ricordato che, sebbene i parrocchetti monaci siano molto amichevoli con le persone e molto intelligenti, chi ne adotta uno deve rimanere paziente e costante.

Questo è un animale che può essere molto rumoroso, alquanto malizioso e distruttivo e queste caratteristiche sono, in molti casi, quelle che hanno causato e continuano a provocare l’abbandono di questa specie, con tutte le sue conseguenze negative. Se volete adottare un parrocchetto monaco, educatevi bene e chiedete a tutor esperti prima di prendere una decisione.

Potrebbe interessarti ...
Gli animali esotici non sono animali domestici
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Gli animali esotici non sono animali domestici

Non tutti gli animali sono adatti alla vita in casa. Scoprite di seguito quali sono gli animali domestici e quali quelli non adatti alla vita con l...