Desametasone per cani: usi ed effetti collaterali

Il sovradosaggio di desametasone può provocare letargia e sonnolenza, anche se nei casi più gravi provoca anche emorragie gastrointestinali interne. Per questo motivo, il suo utilizzo deve essere sempre supervisionato da un veterinario.
Desametasone per cani: usi ed effetti collaterali
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato da il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre, 2022

Il desametasone è un farmaco usato per le infiammazioni, quindi è di un trattamento comune per diversi tipi di condizione. Nei cani la somministrazione di desametasone consente di curare diverse malattie, il che lo rende un ottimo alleato per la salute del cane. Naturalmente, sempre con la prescrizione e l’osservazione di un veterinario qualificato.

Nonostante sia un farmaco piuttosto utile, ha anche alcuni effetti collaterali. Per questo motivo, non dovreste mai automedicare il vostro animale domestico, poiché potreste ottenere gli effetti opposti. Ricordate che le informazioni fornite in questo articolo sono solo a scopo informativo: se avete domande o vi trovate in una situazione di emergenza, rivolgetevi a un professionista della salute degli animali. Continuate a leggere e scoprite di più sul desametasone.

Cos’è il desametasone per cani?

Il desametasone è un corticosteroide molto simile all’ormone denominato cortisolo. Grazie a ciò, questo farmaco è in grado di entrare nelle cellule del corpo, permettendogli di controllare l’infiammazione in alcune aree. Tuttavia, questo meccanismo d’azione ha anche un effetto immunosoppressivo e provoca una riduzione dell’efficienza del sistema immunitario del cane.

Questi effetti sono ciò che rende difficile la prescrizione di un trattamento con desametasone, perché sebbene possa essere utile, lascia il corpo suscettibile ad altri tipi di minacce. Pertanto, solo un veterinario può prescrivere l’uso di questo farmaco, poiché dovrà valutare la situazione specifica del paziente. Tuttavia, non è un medicinale del tutto negativo, perché con certi accorgimenti i cani trattati con questo medicinale possono migliorare molto.

Il desametasone non è un farmaco a uso esclusivo dei cani, in quanto possono utilizzarlo anche l’uomo e altri animali. Tuttavia, la dose e la forma farmaceutica variano a seconda della specie, quindi non si raccomanda l’uso del farmaco per uso umano nei cani e viceversa. In caso di dubbio, non dimenticate di consultare il vostro veterinario di fiducia.

Sapete a cosa serve il Procox per cani?

Usi del farmaco

L’effetto principale del desametasone è l’immunosoppressione, poiché il sistema immunitario è la causa di numerosi quadri clinici nei cani. Grazie a ciò, esiste un’ampia varietà di malattie in cui può essere utile. Ecco alcuni usi di questo medicinale nei cani:

  • Infiammazione: reazione del corpo provocata dal sistema immunitario, perché in caso di danno la regione interessata inizia a espandere i vasi sanguigni, il che consente alle cellule protettive del corpo di arrivare e iniziare a riparare la lesione. Questo è ciò che provoca l’infiammazione, quindi ridurre l’attività del sistema riduce anche questo problema.
  • Allergie: un’allergia può essere intesa come una reazione improvvisa ed esagerata del sistema immunitario, che provoca vari problemi come infiammazione, lacrimazione e irritazione della pelle. Per questo motivo, quando l’attività del sistema immunitario viene ridotta, è possibile controllare anche l’allergia.
  • Problemi muscoloscheletrici: come l’artrosi, la miosite e l’artrite. Tutte queste patologie provocano l’infiammazione di varie zone del corpo, quindi gli antinfiammatori sono molto utili nel trattamento dei sintomi gravi.
  • Diagnosi di endocrinopatie: si tratta di malattie provocate da una cattiva regolazione degli ormoni. La più comune nei cani è la sindrome di Cushing, per la quale il desametasone viene utilizzato come parte di un test diagnostico.

La maggior parte degli usi di questo farmaco sono palliativi. Ciò significa che si limita solo a ridurre o controllare i sintomi, ma non a sradicare il problema. Allo stesso modo, anche gli effetti collaterali possono essere rischiosi, quindi la prescrizione e il monitoraggio di questo farmaco deve essere effettuato solo da un professionista.

Dosaggio del desametasone per cani

La dose di desametasone per cani varia a seconda del caso, poiché in caso di emergenza è possibile che venga raccomandata una quantità maggiore di farmaco. Tuttavia, la regola generale è che si somministrino tra 0,1 e 2 milligrammi per ogni chilo di peso dell’animale. In genere la forma farmaceutica di questo medicinale è in soluzione iniettabile, ma esistono anche compresse da somministrare per via orale.

Oltre a quanto sopra, è obbligatorio che sia il veterinario a prescrivere la dose corrispondente, poiché vi sono alcune restrizioni per il suo uso a lungo termine. Deve essere somministrato e sospeso gradualmente, perché altrimenti potrebbe causare effetti collaterali nel cane (come la sindrome di Cushing).

Controindicazioni del farmaco

L’uso del desametasone è controindicato in caso di infezioni fungine, virali o batteriche, poiché il suo effetto immunosoppressivo potrebbe aggravare la situazione. L’effetto di questo farmaco sul corpo del cane è ampio e in alcuni casi non dovrebbe essere somministrato. Alcune delle sue controindicazioni sono le seguenti:

  • Diabete: il desametasone provoca un aumento della concentrazione di zucchero nel sangue, quindi i cani che soffrono di diabete possono presentare dei problemi. Inoltre, questo farmaco riduce l’effetto dei farmaci per il diabete.
  • Insufficienza renale: il farmaco in genere viene eliminato attraverso i reni, quindi può causare una maggiore richiesta e aggravare i problemi renali. In alcuni casi sono raccomandate dosi molto basse del farmaco, ma solo sotto la diagnosi e il controllo di un veterinario.
  • Insufficienza cardiaca: a lungo termine, il desametasone provoca ritenzione di sodio, che porta ad un aumento della pressione sanguigna. Nei cani con insufficienza cardiaca, il cuore spesso non è in grado di sopportare questi cambiamenti di pressione.
  • Iperadrenocorticismo (sindrome di Cushing): questa sindrome si riferisce a un eccesso di cortisolo nel sangue, che provoca diversi sintomi nel cane. L’uso del desametasone può causare questo problema, poiché influisce sulla regolazione naturale del cortisolo.
  • Osteoporosi: l’osteoporosi è una malattia degenerativa cronica che indebolisce le ossa. Allo stesso modo, anche i corticosteroidi possono produrre questo effetto a lungo termine, quindi il loro utilizzo mentre si soffre di questa malattia aumenta la velocità con cui si perde massa ossea.
  • Ulcere gastriche: il bruciore di stomaco è mediato dalle prostaglandine, che vengono inibite dall’uso di desametasone. A lungo termine, questo potrebbe portare alla complicazione delle ulcere nel cane.
  • Ipersensibilità (allergia): si riferisce a un’eccessiva risposta immunitaria al desametasone, che potrebbe portare a shock anafilattico.
  • Gravidanza: i corticosteroidi inducono il travaglio negli animali e malformazioni dei feti, pertanto il loro uso non è raccomandato nelle femmine gravide.

Inoltre, il desametasone può interagire con altri farmaci, quindi è necessario che un veterinario valuti le condizioni caso per caso. Pertanto, quando portate il vostro animale domestico a una visita, informate lo specialista dei farmaci e i vaccini che il cane ha assunto di recente. In questo modo, potrà prescrivere il trattamento appropriato senza grandi complicazioni.

Effetti collaterali

L’assunzione a breve termine di questo farmaco di solito non provoca problemi. Tuttavia, quando il trattamento è a lungo termine, è possibile che si manifestino alcuni effetti collaterali che è necessario prendere in considerazione. Tra i più comuni troviamo i seguenti:

  • Ritenzione idrica.
  • Insufficienza surrenalica: i corticosteroidi sono una forma sintetica dell’ormone cortisolo prodotto dall’organismo, quindi se usati per lungo tempo, possono provocare una disabilità nelle ghiandole responsabili della sua produzione naturale (ghiandole surrenali). Questo è ciò che porta alla sindrome di Cushing.
  • Glicemia: aumento del glucosio nel sangue.
  • Poliuria: aumento della produzione di urina.
  • Polidipsia: aumento dell’assunzione di liquidi.
  • Polifagia: aumento dell’assunzione di cibo.
  • Guarigione ritardata: l’effetto immunosoppressivo impedisce una rapida guarigione.
  • Ulcere: l’inibizione delle prostaglandine provoca la comparsa o il peggioramento delle ulcere.
  • Infezioni secondarie: il sistema immunitario viene limitato, quindi il cane è suscettibile all’infezione da altri batteri, funghi o virus.
  • Riduzione della produzione di latte.

Questi effetti collaterali di solito scompaiono al termine del trattamento con desametasone. Tuttavia, in caso di insufficienza surrenalica, il farmaco in genere viene ridotto gradualmente affinché il corpo si impegni nella produzione naturale dell’ormone.

Milpro per cani ha molte proprietà.

L’importanza di andare dal veterinario

Come ormai saprete, l’uso del desametasone deve essere prescritto e monitorato dal veterinario, poiché potrebbe provocare problemi al vostro animale domestico. Non automedicate il vostro cane, poiché le conseguenze potrebbero essere fatali. Ricordate che la salute del vostro cane non è un gioco.



  • Arribas, M. T. V., Fernández-Velilla, A., Antón, J. J. R., & Gonzalo, I. O. (1990). Evaluación de la función adrenal en perros. Clínica veterinaria de pequeños animales: revista oficial de AVEPA, Asociación Veterinaria Española de Especialistas en Pequeños Animales, 10(4), 49-56.
  • Ploog, J. F. T. Eficacia de una Suspensión Intramamaria sobre la base de Cefalexina Monohidrato, Gentamicina Sulfato asociada con Dexametasona y Vitamina A (Cefa-Milk® Forte)* en el Control de Infecciones Intramamarias durante el Período de Lactación en Vacas Lecheras de Alta Producción.
  • Lorenzutti, A. M., Himelfarb, M. A., & Zarazaga, P. (2007). Interacción farmacológica entre dexametasona y sulfametazina en caninos. Revista Complutense de Ciencias Veterinarias, 1(2), 113.
  • Antón, E. L. Evaluación de la efectividad y tolerancia de una combinación a base de Fenilbutazona con Dexametasona (Cortifen 200.25®)* en la resolución de dolores articulares en caninos.
  • Rivas, A. (2012). Diagnostico del hiperadrenocorticismo canino. Revista del Colegio de Médicos Veterinarios del Estado Lara, 2(3), 2-5.
  • Sánchez, A., & Saéz, L. (2006). Interrupción de gestación en perras utilizando dexametasona oral. Revista de Investigaciones Veterinarias del Perú, 17(1), 64-66.
  • Pavese, C. 8. Uso de glucocorticoides en el manejo del dolor en perros y gatos. Bases para el manejo del dolor en perros y gatos, 205.

I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.