Drago d'acqua cinese: come prendersene cura

Il drago d'acqua cinese è un animale esotico adatto solo agli esperti di rettili. Non fatevi ingannare dal suo aspetto simile a quello di un'iguana: le cure di cui ha bisogno sono molto diverse.
Drago d'acqua cinese: come prendersene cura

Ultimo aggiornamento: 16 marzo, 2021

Il drago d’acqua cinese (Physignathus cocincinus) è un animale domestico esotico molto simile all’iguana verde (Iguana iguana) per le sue abitudini acquatiche. Sebbene sia facile allevarli in cattività, molti draghi d’acqua vengono ancora prelevati con la forza dal loro habitat naturale.

Questo rettile richiede cure molto specifiche e, se tutto va bene, può vivere per circa 16 anni. Prima di acquisire un esemplare della specie, è necessario comprendere a fondo tutte le sue esigenze, che possono essere più complesse di quanto sembri a prima vista. Impariamo a prenderci cura di questo affascinante animale leggendo questo articolo.

Considerazioni sugli animali esotici

Il drago d’acqua cinese non è protetto dalla convenzione CITES, a causa della mancanza di dati di cui questo organismo ha bisogno per classificare una specie. Tuttavia, secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) il drago d’acqua è una specie vulnerabile.

Sin dai tempi antichi, questo animale è servito come fonte di cibo in molte regioni della Cina. Negli ultimi anni molti esemplari sono stati prelevati dal loro habitat naturale per essere venduti in Vietnam e persino in Europa.

Nonostante il fatto che questi rettili siano facili da allevare in cattività, molte persone continuano a promuovere la loro cattura illegale o legale e la successiva vendita. Allo stesso modo, vengono cacciati anche per la loro pelle.

Gli animali allevati in cattività e importati possono essere trovati nel mercato degli animali domestici dei paesi occidentali. Per questo motivo, è necessario assicurarsi che l’animale acquisito sia nato in strutture controllate.

Un animale selvatico non si adatta facilmente a vivere in cattività e può anche morire. Inoltre, questi esemplari di solito sono portatori di un elevato carico di agenti patogeni che possono essere trasmessi all’uomo e ad altri animali. Per non parlare del fatto che l’acquisto di un animale selvatico incoraggia il commercio illegale – o legale ma non etico – di animali esotici.

D’altra parte, per prendersi cura correttamente di questo animale domestico, è necessario disporre di molto spazio, poiché richiede un grande recinto che includa una piscina. Se non è possibile offrirgli questa e tante altre cose, è meglio optare per altri rettili meno esigenti.

Un drago d'acqua cinese su uno sfondo bianco.


Il drago d’acqua cinese in cattività

Il drago d’acqua cinese è un rettile molto socievole che vive meglio quando è in compagnia dei suoi simili. Quindi, è meglio ospitare i rettili in coppia o in piccoli gruppi. Ciò non renderà le cure più difficili, né aumenterà i costi di manutenzione.

Il terrario

Un esemplare adulto può raggiungere più di 80 centimetri di lunghezza, per cui si tratta di animali di dimensioni davvero grandi. Per ospitare un esemplare o una coppia, la dimensione indicata del terrario è 1,8 x 0,9 x 1,5 metri. Si tratta di un recinto molto grande ed è improbabile che si trovi nei negozi. Quindi andrà fatta su misura, il che presuppone un costo elevato.

Per aggiungere più di un esemplare al terrario ci sono diverse opzioni. Per prima cosa, potreste adottare una coppia, purché sappiate per certo che si tratta di un maschio e di una femmina. Al contrario, ospitare 2 maschi o 2 femmine insieme può causare problemi di territorialità, a meno che il terrario non sia molto grande.

Per quanto riguarda il substrato, se ne deve posizionare uno che non gli faccia male se viene ingerito. Potreste usare un terriccio sterilizzato mescolato con muschio di torba, fibra di cocco e sabbia. Su di esso dovrete depositare uno strato di muschio, che mantiene l’umidità, che è molto importante per questi animali.

Inoltre, nel terrario dovrebbero esserci un gran numero di rami, tronchi e rocce. Non dimenticate che sono animali molto attivi e che trascorreranno la giornata muovendosi nel terrario, sia a terra che sui rami. È una buona idea anche posizionare un po’ di vegetazione naturale che arricchisca il recinto.

Infine, non dovrebbe mai mancare una piscina nel terrario del drago d’acqua cinese. Questi animali sono dei buoni nuotatori e, come suggerisce il nome, trascorrono gran parte della giornata a nuotare. Questa piscina deve essere abbastanza grande in modo che un esemplare possa immergere metà del proprio corpo in altezza. L’acqua deve essere cambiata quotidianamente.

Condizioni ambientali

Uno dei fattori più importanti per mantenere un drago d’acqua cinese in un terrario è l’umidità. Questa deve essere mantenuta costante all’80%, quindi è importante installare un igrometro.

Un’altra tattica, oltre a spruzzare sempre l’acqua all’interno del terrario, è quella di posizionare delle piante naturali. L’Hibiscus e le felci sono piante che si mantengono molto bene negli ambienti molto umidi. Daranno un aspetto più naturale al terrario e aiuteranno a mantenere costante l’umidità nell’ambiente.

D’altra parte, l’intervallo di temperatura ottimale è molto rigido, tra 29 e 31 ºC. Queste alte temperature fanno seccare rapidamente l’ambiente, da qui l’importanza della piscina e anche delle piante.

Dragone su un ramo.

Nel terrario deve esserci un luogo in cui la temperatura è più alta a 32° C. Per ottenere ciò, può essere posizionata una lampada o una pietra riscaldante in un’estremità del terrario, in modo che l’altra parte sia più fresca, ma non troppo. Inoltre, si possono usare i nastri e i cuscinetti termici per creare un gradiente da un’estremità all’altra della vasca.

Per concludere, durante la notte la temperatura dovrebbe scendere gradualmente fino a 24 ºC. Il periodo di luce-buio può essere impostato su 12-12 ore e, durante il giorno, una luce UVA/UVB dovrebbe rimanere accesa.

Cosa mangia il drago d’acqua cinese?

Il drago d’acqua cinese è un animale onnivoro, che mangia sia insetti che frutta e verdura. Gli artropodi che potete dargli da mangiare sono:

  • Grilli.
  • Vermi.
  • Lombrichi.
  • Cavallette.

Gli esemplari adulti possono mangiare anche piccoli pesci e topi. All’interno della loro dieta, il 15% dovrebbe essere composto da frutta e verdura, ma è bene dargli da mangiare sempre più verdura che frutta.

Gli adulti devono essere nutriti ogni 2 o 3 giorni, mentre i giovani dovranno mangiare ogni giorno. Entrambi avranno bisogno ogni 2 giorni di integratori di vitamina D3 e calcio, oltre a integratori vitaminici e minerali una volta alla settimana.

Abitudini di riproduzione

Quando un drago d’acqua cinese raggiunge i 50 centimetri di lunghezza, è pronto per procreare. Una coppia di draghi si riprodurrà facilmente.

La copulazione è aggressiva. Il maschio afferra la femmina dalla cresta dietro la sua testa e la trascina in una zona tranquilla. Questo può accadere più volte in un solo giorno. Dopodiché, se la copulazione ha avuto successo, la femmina deporrà in media 15 uova.

Prima di deporre le uova, la femmina scaverà un nido intorno al recinto per posizionarle. Dopo circa 2 ore coprirà il nido con terra e muschio. Infine, scaverà il più lontano possibile un altro giorno per ingannare i potenziali predatori.

Quando le uova si schiudono, i giovani devono essere tenuti in una pentola di acqua tiepida per una notte. L’animale deve essere in grado di respirare, quindi non bisogna coprirla completamente.

Successivamente, tutta la prole deve essere ricollocata in un altro recinto con una temperatura ambiente uguale a quella degli adulti. D’ora in poi, e fino a quando avranno 4 settimane, verranno nutriti con 3 grilli ogni giorno, cosparsi di vitamine e minerali.

Prendersi cura del drago d’acqua cinese in cattività è davvero molto complicato. Se non siete sicuri di poter soddisfare rigorosamente le sue esigenze, è meglio non acquistarlo.

Potrebbe interessarti ...
5 specie di iguane che dovete conoscere
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
5 specie di iguane che dovete conoscere

In totale, ci sono 40 specie di iguane. La stragrande maggioranza di esse vivono in America. Tra queste, possiamo evidenziare la specie più nota.