Escrementi di ippopotamo: l'importanza nei fiumi e nei laghi africani

Tendiamo a pensare che le feci siano solo rifiuti, ma nel caso degli ippopotami non è così. Questi mammiferi sono pilastri fondamentali nel loro habitat grazie ai loro escrementi. Volete sapere perché?
Escrementi di ippopotamo: l'importanza nei fiumi e nei laghi africani

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2021

Tutti gli esseri viventi svolgono un ruolo importante sul globo, perché interagendo tra loro (e con il loro ambiente) raggiungono l’equilibrio dell’ecosistema. In questo spazio metteremo in evidenza gli animali semi-acquatici, che consentono lo scambio di nutrienti in due ambienti diversi. Stranamente, anche gli escrementi di ippopotamo sono indispensabili negli ambienti africani.

Grazie al suo stile di vita, l’ippopotamo funge da ponte passando elementi dalla terra ai fiumi e ai laghi. Alcuni scienziati hanno esaminato da vicino questo mammifero e l’importanza che svolge nei suoi ambienti naturali. Scopriamo insieme tutto ciò che contengono gli escrementi di ippopotamo, perché sebbene possa sembrare una semplice sostanza “di scarto”, è la chiave per la sopravvivenza di altre specie.

L’ippopotamo protagonista degli ecosistemi africani grazie ai suoi escrementi

Gli ippopotami sono mammiferi che alternano la loro vita tra acqua e terra. Sono animali erbivori, notturni e semiacquatici. Consumano grandi tonnellate di cibo durante la notte e si stima che un singolo esemplare possa ingerire circa 40 chilogrammi di erba in 24 ore. Inoltre, trascorrono la giornata in acqua per idratare la pelle e rinfrescarsi.

Negli ambienti acquatici, gli ippopotami esplorano, si tuffano, giocano, si corteggiano, combattono tra loro e persino danno alla luce i loro piccoli. Tuttavia, il loro ruolo in questi spazi va oltre il quotidiano.

Come tutti gli animali erbivori, gli ippopotami svolgono un ruolo importante nel flusso di energia nelle reti trofiche degli ecosistemi. Acquisiscono direttamente i nutrienti dalle verdure che mangiano e li portano ai collegamenti successivi attraverso il percorso alimentare.

Tuttavia, questi mammiferi non trasferiscono la loro energia per predazione (poiché hanno pochi nemici), ma piuttosto grazie ai rifiuti nutritivi scaricati nei laghi e nei fiumi dell’Africa.

Allo stesso modo in cui gli ippopotami consumano abbondanti erbe, espellono numerose feci nei laghi e nei fiumi in cui trascorrono la giornata. Vediamo la realtà del ruolo di questo tipo di rifiuti negli ecosistemi in cui vivono questi grandi mammiferi.

Uno degli animali più pericolosi al mondo.

Perché gli escrementi di ippopotamo sono così importanti?

Le feci di questi mammiferi contengono sostanze nutritive di cui altri esseri viventi hanno bisogno per sopravvivere e svilupparsi negli ambienti acquatici. Un elemento di spicco in essi è il silicio, ma sono costituiti anche da altre molecole essenziali per la vita (come carbonio, azoto e fosforo).

Il silicio si trova nei tessuti animali e vegetali. Le piante assorbono questo elemento dal terreno e lo incorporano nel loro corpo e, a loro volta, gli ippopotami lo prendono dalle erbe che consumano.

Gli escrementi di ippopotamo sono un rifiuto che arricchisce l’acqua. Rendono disponibili diversi tipi di composti essenziali agli esseri viventi negli ambienti in cui si trova l’esemplare.

La produttività dei laghi africani dipende fortemente dal silicio che arriva attraverso i loro affluenti. Gli ippopotamidi possono incorporare fino a 800 chilogrammi di questo elemento dalle piante a livello di popolazione e trasportare metà della suddetta concentrazione nelle acque attraverso le loro feci.

Gli ippopotami sono attori chiave nel ciclo di riciclaggio del silicio. Questo elemento è prezioso per gli esseri conosciuti come diatomee, microrganismi che si distinguono per il loro ruolo essenziale nella fissazione dell’anidride carbonica. Sono così efficienti in questo compito che sono responsabili di svolgere il 20% di tutta la produttività primaria del pianeta, un ruolo sorprendente per entità così piccole.

Gli escrementi di ippopotamo sono anche incorporati nei loro corpi da altri organismi, inclusi spazzini, granchi, alghe e alcuni microbi.

Un motivo di preoccupazione

Negli ultimi anni la popolazione di questi mammiferi ha subito un calo rilevante. Tanto che sono in pericolo di estinzione secondo la Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN, per il suo acronimo in inglese). Le sue principali minacce includono la perdita dell’habitat e il bracconaggio.

Questa situazione pregiudica l’equilibrio degli ecosistemi africani che dipendono da questi vertebrati e dalle loro feci per arricchire l’ambiente acquatico (fiumi e laghi). Una delle catene che si spezzerebbero in assenza di ippopotami sono le diatomee, che richiedono il silicio per formare la loro parete cellulare organica (sotto forma di silicato).

La diminuzione delle diatomee può causare lo sviluppo e la crescita di alghe che consumano ossigeno e, a sua volta, avere un impatto sulla sopravvivenza di altre specie di animali.

Un ippopotamo sdraiato.

L’esistenza degli ippopotami negli ecosistemi è vitale

La reazione a catena a una possibile perdita di ippopotamidi colpirà anche gli esseri umani. Diverse specie di pesci possono soffrire se si verifica questo scenario catastrofico, anche alcuni che vengono utilizzati per il consumo in detti spazi geografici, che incide sulla dieta e sul benessere dell’uomo in quelle regioni africane che dipendono dalla pesca.

In questo modo un composto che sembra un semplice e spregevole rifiuto (come gli escrementi di ippopotamo) costituisce la base nutritiva di altri esseri viventi, condizionando anche l’uomo. Inoltre, è essenziale per il corretto funzionamento dei fiumi e dei laghi africani in cui sono distribuiti questi mammiferi.

Potrebbe interessarti ...
6 curiosità sulla savana africana
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
6 curiosità sulla savana africana

Ecco alcune fra le più interessanti curiosità sulla savana africana: la sua flora e la sua fauna vi sorprenderanno. Scopriamo insieme questo ecosis...



  • Lewison, R. & Pluháček, J. (2017). Hippopotamus amphibius. The IUCN Red List of Threatened Species 2017: e.T10103A18567364.
  • Pennisi, E. (2014). The river masters. Science, 346(6211), 802-805.
  • Raya, J., & Aguirre, C. (2012). El papel del silicio en los organismos y ecosistemas. Conciencia Tecnológica, 43, 42-46.
  • Schoelynck, J., Subalusky, A., Struyf, E., Dutton, C., Unzué-Belmonte, D., Van de Vijver, B., Post, D., Rosi, E., Meire, P., & Frings, P. (2019). Hippos (Hippopotamus amphibius): The animal silicon pump. Science Advances, 5(5), 1-10.
  • Subalusky, A., Dutton, C., Rosi-Marshall, E., & Post, D. (2015). The hippopotamus conveyor belt: vectors of carbon and nutrients from terrestrial grasslands to aquatic systems in sub-Saharan Africa. Freshwater Biology, 60, 512-525.