Gli animali si abbracciano?

Se utilizzate i social network, sicuramente avrete visto dei contenuti in cui gli animali si abbracciano. Tuttavia, per comprendere questo eventi è necessario esplorarlo in una luce più scientifica.
Gli animali si abbracciano?

Ultimo aggiornamento: 16 agosto, 2021

La più classica espressione di affetto tra due amici è fondersi in un abbraccio. Può sembrare un comportamento unicamente umano (dato che non tutte le specie hanno le braccia per cominciare), ma non lo è. Sapevate che anche gli animali si abbracciano?

L’abbraccio, in quanto tale, non è altro che un comportamento per trasmettere una serie di sentimenti e intenzioni: empatia, conforto e anche segno di pace. Sebbene per un ominide questo atto prenda la forma di circondare l’altro con gli arti superiori, in altre specie c’è questo stesso comportamento empatico, solo che si esprime in un altro modo. Se volete saperne di più, continuate a leggere.

Perché gli animali si abbracciano?

La risposta al fatto che gli animali si abbraccino è sì dall’inizio, ma ora resta da chiedersi perché lo fanno. I nostri abbracci sono paragonabili a quelli di animali non umani ? Hanno un ruolo affettivo o sono segni di scontro? Nelle righe seguenti vi mostriamo alcuni dei significati di questo gesto in natura.

Alcuni oranghi che si abbracciano.

Trasmettere conforto e consolazione

L’obiettivo della tristezza è risvegliare l’empatia negli altri. A partire da questo assioma, l’abbraccio è la manifestazione della risposta di aiuto alla tristezza dell’altro. Pertanto, non è raro trovare comportamenti confortanti negli animali non umani.

Nei bonobo (Pan paniscus), ad esempio, gli abbracci sono più che comuni e si sviluppano allo stesso modo degli umani. È una specie le cui interazioni sociali sono fortemente basate sull’affetto, dal momento che non ci sono praticamente aggressioni.

In un santuario in Congo, la primatologa Zanna Clay afferma che i bonobo orfani fanno lunghe passeggiate abbracciati, poiché questo dà loro tranquillità. Sebbene questi abbracci siano più comuni in un santuario (dove i rifugiati sono traumatizzati), di solito si manifestano anche come un segno di conforto in natura.

Gli abbracci non sono solo ricercati per conforto: gli oranghi saltano tra le braccia dei loro coetanei quando vengono sorpresi da una minaccia, come avvistare un serpente.

Gli scimpanzé, nonostante abbiano un temperamento più bellicoso, sono famosi anche per abbracciare gli animali. È comune vedere questo comportamento dopo situazioni di tensione, come una collisione durante un pattugliamento del territorio.

Mantenere la pace

Gli abbracci hanno un grande potere di placare il cattivo umore. In effetti, le scimmie ragno sono il miglior esempio di questa intenzione, come potete leggere di seguito.

Filippo Aureli ha studiato questa specie (Ateles geoffroyi) e le sue interazioni sociali per diversi anni. Nei gruppi di scimmie ragno, caratterizzati dalla loro dinamica di fissione-fusione, l’abbraccio non è usato tanto per confortare l’altro quanto per prevenire conflitti.

In effetti, era più comune trovare abbracci tra primati con relazioni problematiche. Il loro ruolo era prevenire l’escalation del conflitto prima che si trasformasse in aggressione. Aureli afferma che questi animali si abbracciano perché sanno che devono collaborare ed esporre il proprio corpo all’altro in quel modo è un chiaro segnale di buone intenzioni.

Altri animali che si abbracciano

Sebbene tutti gli esempi precedenti siano primati, in questa sezione potete convincervi che l’abbraccio è più un’espressione emotiva che semplicemente abbracciare qualcuno. In altre specie, potete trovare altri modi per confortare e mostrare affetto:

  • Lontre: l’immagine della madre lontra che abbraccia il suo cucciolo mentre entrambi galleggiano nell’acqua è diventata virale alcuni anni fa. Oltre al senso pragmatico di portare il bambino sdraiato sul ventre a dormire, il legame madre-figlio è notevolmente rafforzato da questo comportamento.
  • Leoni: la dimostrazione di affetto più simile a un abbraccio per questi grandi felini è strofinare la testa contro il mento di un altro leone. In questo modo, rafforzano i loro legami sociali.
  • Cavalli: dotati di un’enorme capacità di empatia, i cavalli creano legami e si consolano a vicenda attraverso comportamenti come strofinare la testa contro il collo di un altro o appoggiare la testa sulla schiena di un parente.
  • Koala: in questa specie ricompare il legame madre-figlio, poiché la femmina lo porta raccolto nell’addome fornisce protezione e sicurezza al piccolo marsupiale.
  • Foca: nelle foche, l’abbraccio è rappresentato dal sostenere una pinna pettorale sul dorso di un’altra. È un comportamento di affiliazione tipico degli esemplari che prediligono la compagnia reciproca.
  • Elefanti: l’emotività dei pachidermi è profonda e sensibile. L’equivalente dei loro abbracci è accarezzare e intrecciare le proboscidi.
  • Piccioni e altri pappagalli: la famiglia degli uccelli esotici è abituata a vivere in grandi stormi e molti di loro formano legami duraturi con altri della loro specie. La cosa più vicina a un abbraccio che vedrete in loro è riposare insieme, essere in contatto o pulirsi a vicenda.
Gli animali si abbracciano?

È spesso difficile (oltre che discutibile) trovare un parallelo tra il comportamento umano e quello animale. Sebbene le basi cerebrali per le emozioni siano praticamente le stesse per tutti gli animali, la loro manifestazione e i loro dettagli devono essere analizzati individualmente per non cadere nell’antropocentrismo.

Potrebbe interessarti ...
Le emozioni degli animali
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Le emozioni degli animali

Gli animali provano emozioni, sentimenti? Si tratta di un tema su cui si discute da anni.



  • Kret, M. E., Prochazkova, E., Sterck, E. H., & Clay, Z. (2020). Emotional expressions in human and non-human great apes. Neuroscience & Biobehavioral Reviews115, 378-395.
  • Aureli, F., & Schaffner, C. M. (2007). Aggression and conflict management at fusion in spider monkeys. Biology Letters3(2), 147-149.
  • Clay, Z., & de Waal, F. B. (2013). Development of socio-emotional competence in bonobos. Proceedings of the National Academy of Sciences110(45), 18121-18126.