I 5 felini più grandi del mondo

· 21 settembre 2018
Nonostante le loro grandi dimensioni, anche i felini più grandi condividono comportamenti con i piccoli gatti domestici.

I gatti domestici sono i protagonisti indiscussi di Internet, ma non bisogna mai dimenticare i loro parenti più voluminosi. Le specie di felini più grandi hanno molto in comune con quelli domestici che vivono nelle case di molte persone. Per questo motivo, oggi vi presentiamo cinque esemplari davvero possenti. Ecco i felini più grandi del mondo. 

Quali sono i felini più grandi?

Quasi tutte le più grandi specie feline appartengono alla stessa famiglia, sebbene siano diffuse in tutto il pianeta. Oltre alle loro grandi dimensioni, hanno altri elementi in comune. Come, ad esempio, il fatto di essere carnivori, di ruggire o anche di cacciare in modo attivo.

Tuttavia, il loro comportamento varia. Alcuni di questi grandi felini vivono e cacciano in branco, mentre altri sono animali più solitari. Ci sono specie che si sono adattate a vivere in zone aride mentre altri vivono nelle foreste o nella giungla. Ognuno si è evoluto in base alle esigenze imposte dal proprio ambiente.

Nonostante le loro grandi dimensioni, anche i felini più grandi condividono comportamenti con i piccoli gatti domestici. Ad esempio, è stato provato che fanno le fusa quando sono felici o si sentono a loro agio. Inoltre, amano giocare e mordere il cartone.

Dopo questa breve ma necessaria introduzione, vediamo subito quali sono i 5 felini più grandi del mondo:

5. Leopardo e Pantera

Tra le più grandi specie feline, il leopardo – nella foto che apre questo articolo – è il meno ingombrante. Di solito il leopardo e la pantera nera sono visti come due specie diverse, ma in realtà si tratta dello stesso animale con una varietà di colore della pelliccia. Stiamo parlando, quindi, di entrambi gli animali, in quando a grandezza.

Il leopardo ha una grande capacità di adattamento e può sopravvivere in molti habitat diversi. Attualmente si trova principalmente nell’Africa meridionale, ma è stato visto in quasi tutto il continente – tranne nel deserto – e nell’Asia meridionale.

Per quanto riguarda la sua altezza, misura tra 60 e 110 centimetri al garrese. Rispetto alla lunghezza, raggiunge quasi due metri senza contare la coda. Gli esemplari adulti pesano tra 30 e 90 chilogrammi. Questa grande differenza di peso è una delle conseguenze del grande dimorfismo sessuale che esiste nella specie.

4. Giaguaro

Il giaguaro viveva in quasi tutto il Sud e Centro America, ma la sua popolazione si sta riducendo e praticamente si può trovare solo nella metà settentrionale del Sud America. Il suo habitat è molto frammentato a causa dell’azione dell’essere umano, sebbene molti esemplari vivano al sicuro all’interno delle riserve naturali.

Giaguaro sdraiato nell'erba alta

Anche questa sottospecie di felino presenta grandi variazioni tra i due generi, per quanto riguarda le dimensioni e il peso. Normalmente, un maschio oscilla tra i 60 e i 90 chilogrammi, sebbene siano stati trovati anche esemplari di appena 35 chilogrammi. La sua altezza al garrese è di circa 70 centimetri, e senza contare la coda, la lunghezza va dal metro e mezzo ai due metri di lunghezza.

3. Leone

In epoca preistorica, il leone era il mammifero terrestre più diffuso di tutti. Tuttavia, oggi il suo habitat è stato ridotto all’Africa subsahariana e alle piccole regioni dell’Asia meridionale. È scomparso dall’Europa, dall’Eurasia e persino dal Nord America.

Leone africano riposa alla base delle montagne

I leoni sono tra i felini più grandi al mondo, dal momento che arrivano a pesare dai 160 ai 260 chilogrammi. Per quanto riguarda la lunghezza, un leone maschio adulto può andare da 180 a 270 centimetri senza contare la coda, motivo per cui sono molto più corpulenti dei giaguari. La coda, inoltre, può misurare da sola più di 1 metro di lunghezza.

2. Tigre dai denti a sciabola

Questo grande felino si è estinto, come sicuramente già sapete, ma una volta era uno dei più grandi felini sulla Terra. Infatti, è quasi il più grande felino della storia. Noto anche come smilodonte, assomigliava molto, per corporatura, a un leone. Ma la coda era molto corta e possedeva due incisivi lunghissimi, fino a 20 cm.

Scheletro di una tigre dai denti a sciabola

A seconda della specie a cui apparteneva, uno smilodonte adulto poteva pesare fino a 300 chilogrammi. La sottospecie più grande misurava un metro e mezzo al garrese.

Questo formidabile animale ebbe la sfortuna di condividere con l’essere umano una delle tappe iniziali della sua evoluzione. A quanto sembra, i primi ominidi iniziarono a cacciare le stesse prede della tigre dai denti a sciabola che, in mancanza di alimenti, finì lentamente per scomparire.

1. Tigre

Nobile, elegante e implacabile, è proprio lei la regina dei felini più grandi. La tigre, caratterizzata dalla sua pelliccia a strisce, possiede però dimensioni diverse, a seconda della sua provenienza geografica.

Tigre nel bosco

Nonostante questo, gli esemplari più grandi raggiungono i 250 chilogrammi di peso e superano i tre metri di lunghezza se contiamo la coda. Al garrese, un esemplare adulto di Tigre del Bengala può tranquillamente sfiorare i 130 centimetri.

Come forse sapete, questo bellissimo animale è in pericolo di estinzione, anche se i recenti rapporti lasciano ben sperare, per il futuro. Le tigri si potevano trovare in tutto il Sud-est asiatico fino a 200 anni fa, mentre oggi sopravvivono solo in piccoli territori frammentati nell’Asia meridionale.

Quasi tutte le specie felini più grandi sono strettamente correlate. L’unica eccezione è rappresentata dalla Tigre dai denti a sciabola, estinta migliaia di anni fa. Questi animali hanno molte cose in comune e, fisicamente, a parte i loro colori, è facile capire che sono fortemente imparentati. Hanno saputo diffondersi in tutto il pianete e sono, sicuramente, tra gli esseri viventi che più affascinano l’uomo, sin dalla notte dei tempi.