I benefici dei semi di girasole per gli animali domestici

17 marzo, 2020
I semi di girasole contengono grassi sani insaturi, proteine, fibre e altri importanti nutrienti come la vitamina E i minerali.
 

Il girasole (Helianthus annuus) è una delle coltivazioni più importanti al mondo. La sua rilevanza economica è considerevole, poiché i semi di girasole sono semi oleosi, il che significa che può essere estratto l’olio da loro. In questo articolo, parleremo dei benefici dei semi di girasole per gli animali domestici.

Tradizionalmente, e indipendentemente dal suo valore nutrizionale, l’olio dei semi di girasole veniva destinato ad uso terapeutico dell’olio, per alleviare condizioni come raffreddore, disagio intestinale o dolore reumatico. Continuate a leggere per scoprire i benefici dei semi di girasole per gli animali domestici.

Le componenti dei semi di girasole

I semi di girasole sono tra le migliori fonti di proteine ​​vegetali. Pertanto, le loro proprietà nutrizionali e funzionali sono state ampiamente studiate.

Gli studi condotti su questa pianta hanno dimostrato che ogni 100 grammi di semi contengono 20,78 grammi di proteine, 51,46 grammi di lipidi totali, 3,02 grammi di cenere, 20 grammi di carboidrati e 8,6 grammi di fibre. Ciò rappresenta un apporto calorico o un’energia totale di 584 chilocalorie / 100 grammi.

I semi di girasole sono un’ottima fonte di minerali. L’USDA (2019) fornisce i seguenti dati: ogni 100 grammi di semi contiene (in milligrammi) fosforo (660), potassio (645), magnesio (325), calcio (78), selenio (53), sodio (9), ferro (5.25), zinco (5) e rame (1.8).

Tra l’elenco delle sostanze nutritive, si distingue come un’importante fonte di vitamina E (alfa-tocoferolo) con 35, 17 milligrammi / 100 grammi.

 
Semi di girasole in un cucchiaio


1. Il contenuto di vitamina E previene le malattie cardiovascolari

Studi scientifici dimostrano che i fitochimici dei semi di girasole, come tocoferoli e composti fenolici, svolgono una significativa attività antiossidante. Per questo motivo, tali composti possono inibire l’ossidazione dei lipidi aiutando a prevenire le malattie cardiovascolari e la morte per cause cardiache.

2. I semi di girasole rendono il pelo lucido e guariscono le lesioni cutanee

L’olio di girasole contiene principalmente grassi polinsaturi, acido linoleico (59% del totale), grassi monoinsaturi e acido oleico (30% del totale). L’acido linoleico appartiene alla famiglia degli acidi grassi classificati come omega 6, mentre l’acido oleico rientra nell’omega 9.

Secondo le ricerche scientifiche, questi acidi grassi guariscono le infiammazioni: ciò dipende dal rapporto tra l’assunzione di omega 6 ed omega 3.

Nel 2001, uno studio ha testato gli effetti delle diete che includono i semi di girasole sulle condizioni della pelle e della pelliccia in 18 cani. Da questo studio è emerso che l’uso di integratori di semi di girasole ha avuto degli effetti decisamente positivi sulla pelliccia dei cani, rendendola lucida e sana.

 

Questi risultati non fanno altro che integrarsi a quelli di altri gruppi di esperti, che hanno riferito in modo indipendente:

  • Cinque sostanze nutritive presenti nei semi di girasole migliorano la capacità di barriera della pelle nei cani sani.
  • L’integrazione dell’olio di semi di girasole nella dieta è efficace come coadiuvante nel trattamento della dermatite atopica nei cani.

3. Miglioramento dell’attività del pancreas

È stato dimostrato che le diete ricche di olio di girasole inducono una risposta pancreatica al cibo. In particolare, aumentano il contenuto di elettroliti ed enzimi pancreatici – come la lipasi – nel succo secreto.

Olio di girasole

Questa informazione può essere utile per decidere la terapia nutrizionale più appropriata nei cani che hanno bisogno di guarire dalle malattie gastrointestinali.

I benefici dei semi di girasole nei nostri animali domestici sono indiscutibili. Questi forniscono energia, oltre agli acidi grassi essenziali, ai minerali e alle vitamine liposolubili. Inoltre, arricchiscono la dieta contribuendo alla sensazione di sazietà, gusto e appetito.

 
  • Billman, G. E., Kang, J. X., & Leaf, A. (1999). Prevention of sudden cardiac death by dietary pure ω-3 polyunsaturated fatty acids in dogs. Circulation, 99(18), 2452-2457.
  • Ballesta, M. C., Mañas, M., Mataix, F. J., Martínez-Victoria, E., & Seiquer, I. (1990). Long-term adaptation of pancreatic response by dogs to dietary fats of different degrees of saturation: olive and sunflower oil. British journal of Nutrition, 64(2), 487-496.
  • Wicker-Planquart, C., & Puigserver, A. (2018). Regulation of gastrointestinal lipase gene expression by dietary lipids. In Nutrition and gene expression (pp. 55-89). CRC Press.
  • Muhammad Anjum, F., Nadeem, M., Issa Khan, M., & Hussain, S. (2012). Nutritional and therapeutic potential of sunflower seeds: a review. British Food Journal, 114(4), 544-552.
  • Rees, C. A., Bauer, J. E., Burkholder, W. J., Kennis, R. A., Dunbar, B. L., & Bigley, C. E. (2001). Effects of dietary flaxseed and sunflower seed supplementation on normal canine serum polyunsaturated fatty acids and skin and hair coat condition scores. Veterinary dermatology, 12(2), 111-117.
  • Bensignor, E., Morgan, D. M., & Nuttall, T. (2008). Efficacy of an essential fatty acid‐enriched diet in managing canine atopic dermatitis: a randomized, single‐blinded, cross‐over study. Veterinary dermatology, 19(3), 156-162.