I gatti entrano in letargo in inverno?

10 Febbraio 2020
Vi chiedete se i gatti entrano in letargo o no perché notate dei cambiamenti evidenti tutte le volte che arriva l'inverno? Conoscere bene il proprio gatto è il modo migliore per giudicare la sua condotta. 

Sebbene non sempre sia così evidente, gli animali modificano le loro abitudini per adattarsi alle nuove temperature. Abbiamo sentito parlare tutti di animali che entrano in letargo e notiamo che anche gli animali domestici cambiano la loro attività quando fa freddo. Dunque, i gatti entrano in letargo durante la stagione invernale?

In inverno gli animali hanno bisogno di bruciare più energie in tutte le loro attività. In aggiunta a ciò, trovare cibo in questa stagione è molto difficile. In risposta a queste circostanze, alcune specie conservano le energie entrando in letargo.

Sappiamo se i gatti entrano in letargo?

Il letargo non è solo dormire, poiché in questo stato l’animale va incontro a drastici cambiamenti fisiologici. La temperatura corporea si abbassa quasi fino a eguagliare la temperatura ambientale.

Anche la frequenza cardiaca e respiratoria diminuiscono drasticamente. Un animale in letargo presenta una ridotta coscienza, dunque sarà estraneo all’ambiente che lo circonda.

I gatti domestici non hanno bisogno di entrare in letargo. Nelle nostre case, infatti, ricevono cibo a sufficienza e godono di un ambiente in cui la temperatura è controllata.

 

Gatto che dorme con la testa sul divano

Allora perché i gatti sono meno attivi durante l’inverno?

Molte persone che hanno in casa un gatto sospettano che i loro animali vadano in letargo in inverno perché trascorrono la maggior parte della giornata dormendo.

Sebbene dormano molto, per i gatti si tratta di un’abitudine comune durante tutte le stagioni; alcuni umani affermano però che i loro compagni felini dormono di più durante la stagione fredda.

Ma questo non deve essere motivo di preoccupazione: persino alcune persone tendono a essere meno attive o si sentono più deboli in inverno. È normale, ma ai padroni di gatti si consiglia di coinvolgere i loro animali in attività divertenti da svolgere dentro casa per scongiurare l’obesità e la noia durante l’inverno.

E i gatti selvatici entrano in letargo?

I gatti di strada e selvatici possono sopravvivere ai mesi invernali grazie al loro manto più spesso. Sebbene si possa affermare senza cadere in errore che i gatti non entrano in letargo, questi animali possono presentare una sorta di letargo temporaneo, che dura qualche ora.

Lo stato di letargo è caratterizzato da un ridotto tasso di metabolismo e una riduzione della temperatura corporea.

Questo stato di letargo frena il metabolismo del corpo per brevi periodi durante il corso della giornata. Con questa strategia, il gatto mantiene una temperatura corporea normale durante il giorno mentre realizza le sue attività abituali.

Perché è importante conoscere il proprio gatto

Alla pari degli umani, i gatti sono tutti diversi tra loro. Alcuni felini sono più sensibili al freddo e non amano l’inverno. Sebbene vi siano degli schemi del sonno generali, per ogni specie alcuni aspetti differiscono per via dei bisogni del singolo animale e dei fattori esterni che possono mutarne il comportamento.

Gatto davanti alla finestra

Disturbo dell’umore

Si sa che con l’arrivo dell’inverno alcune persone possono presentare il disturbo affettivo stagionale (SAD per il suo nome in inglese), caratterizzato da sintomi depressivi.

Sebbene per i gatti non si possa parlare formalmente di questo disturbo, i veterinari e i padroni di questi felini sostengono di notare cambiamenti simili in alcuni esemplari; questi, infatti, sono più tristi e meno giocherelloni durante l’inverno.

I gatti possono mostrare un calo in termini di livelli di energia e appetito, ma anche cambiamenti per quanto riguarda i ritmi di sonno e il temperamento quando diminuisce l’esposizione alla luce del sole.

Come aiutare un gatto a migliorare il proprio stato d’animo nella stagione invernale

Per fortuna, possiamo fare molto per ravvivare i nostri gatti. Alcuni semplici cambiamenti possono influire positivamente sul comportamento di questi felini. Per esempio:

  • Proporre alcune attività: questo li aiuterà a dormire bene. Ricordate di interagire con i vostri gatti. Siate più innovativi cambiando giocattoli, agganciando una mangiatoia per uccelli vicino alla finestra o, semplicemente, offrendo diverse scatole di cartone che i vostri gatti potranno esplorare. È vitale ridurre al minimo lo stress del gatto per quanto possibile.
  • Esposizione alla luce: assicuratevi di aprire le tende per far entrare la luce del sole. La luce naturale può essere determinante per lo stato d’animo dei gatti. Potete mettere anche un abat-jour vicino al posto in cui dorme l’animale
  • Intervenire sugli sbalzi di temperatura: assicuratevi di offrire un ambiente caldo ai vostri gatti, come un lettino riscaldabile o in alternativa potete metterlo vicino a una finestra su cui batte il sole o a una stufa sicura.
  • Vigilare sulle abitudini alimentari: alla pari delle persone, i gatti possono mangiare per noia. Controllate e verificate dunque la corretta ingestione del cibo e la sua qualità da parte del gatto.
  • Jensen, R. A., Davis, J. L., & Shnerson, A. (1980). Early experience facilitates the development of temperature regulation in the cat. Developmental Psychobiology: The Journal of the International Society for Developmental Psychobiology, 13(1), 1-6.
  • Refinetti, R., & Menaker, M. (1992). The circadian rhythm of body temperature. Physiology & behavior, 51(3), 613-637.
  • Tellería,J.L. (1987). Zoología evolutiva de los vertebrados., pp. 145-155 (Síntesis, Madrid).
  • Hudson, J.W. (1973). Torpidity in mammals. In Comparative Physiology of Thermoregulation, Academic Press, Pages 97-165. https://doi.org/10.1016/B978-0-12-747603-2.50009-6.