I grandi mammiferi marini dormono?

16 Agosto 2019
Se per caso vi siete mai chiesti se i grandi mammiferi marini dormono, la risposta è sì, ma in un modo che vi sorprenderà!

Gli animali, come gli esseri umani, hanno bisogno di dormire e di riposare. Nel caso dei mammiferi marini, questo processo è leggermente diverso e, senza dubbio, sorprendente. In questo articolo, cercheremo di rispondere alla domanda: i grandi mammiferi marini dormono?

Quali sono i grandi mammiferi marini?

Questo gruppo di animali comprende circa 130 specie diverse. Tutte si sono più o meno adattate alla vita in acqua: alcuni, ad esempio, possiedono dei corpi idrodinamici e degli arti che facilitano il movimento in acqua e a grandi profondità.

In generale, i mammiferi marini possono essere divisi in tre grandi gruppi:

  • Ordine dei Sirenia: di questo gruppo fanno parte, ad esempio, i lamantini.
  • Cetacei: tra cui balene, beluga e delfini, tra gli altri.
  • Caniformi, tra cui possiamo trovare i mammiferi che trascorrono del tempo anche sulla terraferma. Questo ordine include foche, otari, trichechi e persino l’orso polare.

Cosa significa dormire?

Per rispondere alla domanda se i grandi mammiferi marini dormono, è fondamentale cercare di capire cosa significa dormire. Pensate che rispondere completamente a questa domanda è ancora difficile. Dormire è uno stato fisiologico e una necessità. Il sonno aiuta a bilanciare alcuni processi fisici e psichici interni, motivo per cui è di vitale importanza.

Mammiferi marini che dormono

Il sonno può essere diviso in cinque fasi. Nel corso di queste fasi accade qualcosa: il movimento volontario e l’attività muscolare diminuiscono fino a quando non viene interrotto. Ciò implica che i muscoli si rilassano completamente e anche l’attività cerebrale viene alterata. Allora, i grandi mammiferi marini dormono? In che modo lo fanno?

Come dormono i grandi mammiferi marini?

Per risolvere il problema del movimento, molte specie di mammiferi acquatici hanno fatto ricorso al cosiddetto sogno unemisferico. Questa lunga parola così lunga significa che mentre una parte del cervello “dorme”, l’emisfero rimanente rimane vigile e attivo.

Va notato che questo tipo di sonno non è esclusivo solo degli animali marini, poiché si verifica anche negli uccelli e in alcune specie di rettili. È stato anche dimostrato che gli emisferi vengono attivati ​​e disattivati ​​alternativamente, in modo che entrambi i lati del cervello riposino allo stesso modo.

Questo meccanismo presuppone che, ad esempio, i mammiferi marini possano continuare a respirare. Mentre la respirazione nel resto dei mammiferi è un processo involontario, nei cetacei è completamente volontaria. La soluzione quando dormono è ricorrere alla parte attiva del cervello per garantire che la respirazione continui a verificarsi normalmente.

Balena

Il sonno unisferico consente ai mammiferi marini anche di nuotare e continuare a muoversi. In questo modo, oltre a mantenere la propria posizione, riescono nel difficile compito di risalire in superficie per respirare. Questo fenomeno li aiuta perfino a mantenere la temperatura corporea.

Altre curiosità sul sonno dei grandi mammiferi marini

Studi recenti hanno scoperto ciò che sta alla base del fenomeno del sonno in questi tipi di animali. Si tratta di una molecola strettamente legata al cervello che si chiama acetilcolina.

I risultati, pubblicati su una prestigiosa rivista scientifica, suggeriscono che questo composto si trova in alte concentrazioni sul lato “sveglio” del cervello, ed è quasi inesistente sul lato addormentato.

Come ultima curiosità, vorremmo soffermarci sul sonno del delfino. Oltre ad essere uno dei mammiferi marini con sonno unemisferico, è davvero curioso notare come i delfini dormono con un occhio aperto, che si alterna in base all’emisfero del cervello che è attivo. Ciò consente loro di vedere cosa succede intorno a loro e di mantenere un certo stato di allerta contro qualsiasi tipo di pericolo.

  • Lapierre, J. L., Kosenko, P. O., Lyamin, O. I., Kodama, T., Mukhametov, L. M., & Siegel, J. M. (2007). Cortical acetylcholine release is lateralized during asymmetrical slow-wave sleep in northern fur seals. Journal of Neuroscience27(44), 11999-12006.

 

  • Howard, R. S., Finneran, J. J., & Ridgway, S. H. (2006). Bispectral index monitoring of unihemispheric effects in dolphins. Anesthesia & Analgesia103(3), 626-632.