Il barbo: habitat, caratteristiche e curiosità

Il barbo nuota contro le correnti più forti dei fiumi e nel farlo riesce a spingere da parte le pietre. In questo articolo potrete conoscerlo meglio.
Il barbo: habitat, caratteristiche e curiosità
Sara González Juárez

Scritto e verificato da lo psicologo Sara González Juárez.

Ultimo aggiornamento: 10 gennaio, 2023

Il barbo, pesce forte e robusto, abita i fiumi dell’Europa centrale ed è facilmente riconoscibile per i 4 barbigli che ha in prossimità della bocca. Purtroppo, le sue capacità natatorie e il suo carattere feroce sono ciò che ha motivato molti pescatori a dargli la caccia.

Per conoscere meglio questa specie andremo a descriverla nel suo ambiente naturale, invece di soffermarci su come tenerla in un acquario domestico e, in generale, su tutto ciò che ha a che fare con l’intrattenimento umano. Pertanto, non perdetevi le prossime righe, perché troverete il vero volto del barbo, in tutto il suo splendore.

Tassonomia e caratteristiche

Il barbo, il cui nome scientifico è Barbus barbus, è un pesce d’acqua dolce facilmente riconoscibile per la caratteristica da cui ne deriva il nome, i 4 barbigli che spuntano intorno alla bocca. Appartenente all’ordine dei Cipriniformi e alla famiglia dei Ciprinidi, fa parte del gruppo tassonomico delle carpe.

È un pesce di forma allungata, quasi cilindrica, con il ventre piatto. Può raggiungere più di mezzo metro di lunghezza e quasi 2,7 chilogrammi di peso, a seconda dell’habitat e del cibo disponibile nel suo ambiente. Sebbene non vi siano caratteristiche rilevanti che indichino dimorfismo sessuale, le femmine sono spesso molto più grandi dei maschi.

Habitat del barbo

Il barbo si trova nei fiumi dell’Europa occidentale e centrale, dal nord dei Pirenei fino ad arrivare alla Russia e alla Lituania. È stato introdotto artificialmente nell’Italia settentrionale e nella parte occidentale dell’Inghilterra.

La maggior parte dei banchi di barbi vive in acque in rapido movimento, dove si muovono con facilità grazie alla loro grande capacità di nuoto e alla morfologia idrodinamica. Sono in genere ambienti di acqua pulita, con abbondante ossigeno e fondo ghiaioso o roccioso, tra i quali trovano cibo o si rifugiano quando hanno bisogno di riposare.

Alimentazione

Il barbo è onnivoro e opportunista, cioè si nutre di tutto ciò che è alla sua portata. Tuttavia, la sua dieta consiste principalmente di vermi, molluschi e larve che si nascondono sotto il substrato fluviale. Consuma anche materia vegetale che trova intorno a sé, uova e larve di altre specie.

Riesce a individuarli grazie ai suoi barbigli, perché sono molto sensibili. Li usa anche per rimuovere piccoli sassolini dal fondo, mentre i sassi più grandi li rimuove attraverso la bocca.

Essere in grado di resistere alla forte corrente del letto del fiume dà loro un vantaggio rispetto ad altre specie, poiché la competizione per il cibo è molto inferiore.

Comportamento del barbo

È un pesce dalle abitudini diurne (sebbene sia più attivo all’alba e al tramonto) e gregario. Si raggruppa in banchi di grandezza variabile che non si disgregano mai, per cui è comune vederli tutti in cerca di cibo nel letto del fiume, scostando i sassolini con la bocca.

D’altra parte, quando le acque si raffreddano in inverno, smettono di mangiare ed entrano in un letargo che durerà fino alla primavera. Per fare ciò si rifugiano nelle rocce in fondo al fiume, dove altre specie hanno difficoltà a trovare il cibo.

Riproduzione

Dopo essersi svegliati dal letargo, la stagione riproduttiva inizia a maggio-giugno, di solito quando la temperatura dell’acqua supera i 15°C. Spesso migrano verso zone di riproduzione con forti correnti, dove inizia il corteggiamento. Le femmine guidano il gruppo fino al punto prescelto, seguite da una lunga fila di maschi che ricorrono a tattiche come tuffi, nuotare accanto alla femmina o fecondare furtivamente le uova.

Questa fecondazione subdola è una delle tattiche più utilizzate. A una singola deposizione delle uova possono partecipare fino a 130 maschi.

La femmina colpisce la ghiaia con la coda per ripulirla dal limo e crea un buco in cui depositare le uova senza che vengano portate via dalla corrente, per poi ricoprirle. Una settimana dopo nasceranno i piccoli, che rimarranno per diverse settimane tra la ghiaia, nutrendosi del sacco vitellino.

È una specie a crescita lenta che non si avventura nelle forti correnti fino a quando non sviluppa la muscolatura. Fino ad allora, si nutrirà di piccoli invertebrati presenti nella ghiaia.

Stato di conservazione del barbo

Barbus barbus.

A causa della sua ampia distribuzione, il barbo non è attualmente considerato in via di estinzione e gli è stato quindi assegnato lo status di Minor preoccupazione (LC). Tuttavia, ciò non significa che siano esenti da minacce da affrontare, come l’inquinamento dei fiumi o l’introduzione di specie estranee come il pesce siluro (Silurus glanis).

Le modificazioni dell’ambiente naturale influiscono anche su di loro, soprattutto quando il corso dei fiumi viene modificato per l’utilizzo delle acque.

Il loro numero è in rapida diminuzione in alcune aree, ma le azioni per la loro conservazione sono praticamente inesistenti. È possibile che, se non riusciamo a proteggerlo, nel corso degli anni questo imponente pesce finisca per scomparire dai fiumi.

Potrebbe interessarti ...
Il pesce blob, il più brutto del mondo
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Il pesce blob, il più brutto del mondo

Considerato l'animale più brutto del mondo, il pesce blob è una specie affascinante che vive nelle profondità dell'oceano.



  • Freyhof, J. 2011. Barbus barbus (versión de errata publicada en 2016). La Lista Roja de Especies Amenazadas de la UICN 2011: e.T2561A97789324. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2011-1.RLTS.T2561A9454585.en . Consultado el 02 de enero de 2023 .
  • Barbel – Encyclopedia of Life. (s. f.). https://eol.org/pages/211593
  • Panchan, R., Pinter, K., Schmutz, S., & Unfer, G. (2022). Seasonal migration and habitat use of adult barbel (Barbus barbus) and nase (Chondrostoma nasus) along a river stretch of the Austrian Danube River. Environmental Biology of Fishes105(11), 1601-1616.
  • Lucas, M. C., & Batley, E. (1996). Seasonal movements and behaviour of adult barbel Barbus barbus, a riverine cyprinid fish: implications for river management. Journal of Applied Ecology, 1345-1358.

I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.