Il ciclo di vita della mosca domestica

18 agosto, 2020
La mosca domestica è un insetto che si riproduce molto rapidamente. Ecco come si sviluppa il suo ciclo di vita.

La mosca domestica (Musca domestica) è uno degli insetti più comuni e diffusi in tutto il mondo. Si trovano maggiormente nelle aree urbane, dove depongono le larve tra i rifiuti, le feci umane, il letame e le carcasse dei mammiferi.

La mosca domestica predilige le regioni temperate. Sono più abbondanti durante l’estate, per cui alcuni esemplari adulti sopravvivono alla stagione invernale spostandosi verso le regioni più calde. Scopriamo insieme il ciclo di vita della mosca domestica.

Una metamorfosi completa

Il ciclo di vita della mosca domestica si divide in quattro fasi: uovo, larva o verme, pupa e adulta. Le mosche domestiche hanno un’incredibile capacità di riprodursi, tuttavia il loro ciclo di vita è generalmente breve.

Le mosche domestiche si riproducono a un ritmo estremamente elevato rispetto ad altre specie di mosche. Infatti, possono completare il loro ciclo di vita in soli 10 giorni, quindi possono riprodursi fino a 12 volte in una sola estate.

Voi, i parenti, immancabili golosi, volgari mosche, mi evocate ogni cosa…

Antonio Machado, “Le mosche”

Tutto inizia con l’uovo

Le femmine depongono delle piccole uova bianche sulle feci degli animali, sugli escrementi umani e sull’immondizia, preferibilmente esposte alla luce. Approssimativamente, una femmina depone 500 uova nella sua vita.

La femmina deporrà queste uova in 5-6 lotti da 75 a 150 uova nel corso di tre o quattro giorni. Le uova impiegano dalle otto alle 20 ore per schiudersi.

Mosca domestica posata su un tavolo.


Lo stadio larvale

Una volta che le uova si schiudono, le larve scavano nelle feci e succhiano i nutrienti di cui hanno bisogno attraverso delle proboscidi. Successivamente, passano al primo dei tre stadi larvali. Durante questa parte del ciclo di vita della mosca, le larve sono anche conosciute come vermi.

I vermi crescono rapidamente e devono mutare prima di ogni stadio larvale. Ognuna di queste fasi dura dai tre giorni (a temperature temperate) alle otto settimane (nei climi più freddi). Le larve completamente sviluppate sono lunghe da 1,2 a 1,3 centimetri e di colore bianco-giallastro. I loro corpi sono lisci e lucenti.

La pupa della mosca domestica

Lo stadio larvale è seguito dalla pupa. Dopo la terza muta, le larve si seppelliscono in profondità nella sostanza di cui si nutrono. Le larve preferiscono le feci umane oppure quelle di maiale, cavallo e di vacca.

Nella fase della pupa, la loro pelle diventa più scura e si indurisce. All’interno di questo guscio protettivo, si svilupperanno i segmenti del corpo e le appendici della mosca domestica adulta.

L’unica appendice visibile sul corpo della mosca domestica emergente è una protuberanza gonfia sulla sua testa, che viene utilizzata per rompere il guscio. Poiché la mosca domestica non ha denti o mascelle per masticare, utilizza questa sacca piena di liquido per sfondare il guscio. Una volta che emerge completamente, la protuberanza scompare.

Lo stadio adulto della mosca domestica

Dopo questo processo, la mosca domestica adulta emerge e ha un massimo di tre mesi per riprodursi prima di morire. Con così tanti predatori in giro, la vita media di una mosca domestica di solito è anche più breve, di circa 21 giorni.

Mosca vola negli occhi di una mucca.


La mosca domestica e le indagini scientifiche

È interessante sapere che la mosca domestica riveste una certa importanza a livello legale, medico e veterinario. Infatti, sono le prime a colonizzare un cadavere, spesso entro pochi minuti dalla morte. Gli adulti si nutrono delle secrezioni corporee, compreso il sangue, e le femmine gravide depongono rapidamente le uova sulla carcassa.

Le uova si schiudono a seconda della temperatura. Pertanto, la polizia o gli entomologi forensi possono raccogliere questi campioni e utilizzarli per calcolare l’intervallo post-mortem (PMI) di un corpo.

Un insetto molto utile

Sebbene la mosca domestica appaia spesso inutile e disgustosa, è importante ricordare il suo ruolo cruciale nell’ecosistema: è indispensabile nella decomposizione e nel riciclaggio di materiale organico. È per questo motivo che le mosche domestiche sono indissolubilmente legate all’uomo, alle aree urbane e all’elevata densità di rifiuti che produciamo.

  • Bharti, M. (2009). Studies on life cycles of forensically important flies, Calliphora vicina and Musca domestica nebulo at different temperatures. Journal of Entomological Research, 33(3), 273-275.
  • Malik, A., Singh, N., & Satya, S. (2007). House fly (Musca domestica): a review of control strategies for a challenging pest. Journal of environmental science and health part B, 42(4), 453-469.
  • Doctor, J. 2013. “Musca domestica” (On-line), Animal Diversity Web. Accessed May 11, 2020 at https://animaldiversity.org/accounts/Musca_domestica/