Il comportamento dei leoni

Il comportamento dei leoni è stato studiato per molti anni per favorire la conservazione della specie. Si tratta di animali affascinanti, ma che purtroppo non possono essere adottati come animali domestici per il loro istinto aggressivo.
Il comportamento dei leoni

Ultimo aggiornamento: 06 luglio, 2021

Conosciuto da tutti fin dall’infanzia, il leone è un simbolo di potere e dominio in molte culture. Tuttavia, il comportamento dei leoni è in qualche modo diverso da quello che viene disegnato nella conoscenza popolare. Molte volte, la lotta per la loro conservazione implica vederli come sono, e non come il frutto di storie e leggende. In questo articolo, ti sveliamo di più sulla natura di questi grandi felini.

Le caratteristiche dei leoni

I leoni africani (Panthera leo) sono felini del genere Panthera. Vivono nella maggior parte dell’Africa subsahariana, fatta eccezione per gli habitat del deserto e della giungla. In Sud Africa furono sterminati, ma è noto che c’è stato un tempo in cui si sono diffusi in tutto il sud-ovest asiatico e nel nord Africa. 

Questi animali vivono in pianura o nelle savane, luoghi dove si rifugiano e inseguono un gran numero di prede. Sono rigorosi carnivori e predatori che cacciano in gruppo, capaci di abbattere anche prede di dimensioni più grandi di loro.

Il loro aspetto è ben noto: pelo corto marrone, con la parte inferiore più chiara e lunghe code che terminano in un ciuffo nero. Sono sessualmente dimorfici: gli esemplari maschi sono molto più grandi delle femmine e sono dotati di criniera.

I maschi adulti possono pesare fino a 190 chili; mentre le femmine pesano in media 126 chili.

Questi felini si riproducono durante tutto l’anno, e in genere è un solo maschio che si accoppia con quasi tutte le femmine del branco. Tuttavia, il primo maschio che si avvicina a una femmina in calore ha la priorità di accoppiamento con lei, quindi questa sorta di “legge” fa sì che non ci siano combattimenti, come avviene invece per altre specie animali.

Il comportamento dei leoni

Il carattere dei leoni

I leoni sono animali gregari, perché di fatto sono gli unici grandi felini che vivono in gruppo. Sebbene il leone maschio sia associato a concetti come la forza e il potere, la verità è che le sue dimensioni e la criniera si rivelano un handicap quando si tratta di cacciare, per questo motivo il compito viene svolto interamente dalle femmine

Un branco è composto da un numero di individui che varia da 4 a 37 individui.

Le leonesse sono anche pienamente responsabili delle cure parentali. I maschi, insomma, svolgono compiti di protezione di gruppo quando vanno a caccia e contro gli attacchi di altri maschi.

Il comportamento dei leoni: la comunicazione

La comunicazione visiva dei leoni si basa soprattutto sulle dimensioni dell’esemplare. Tra i maschi, lo spessore della criniera e il suo colore indicano la taglia del leone ed il possibile pericolo che rappresenta. Questo fatto è direttamente correlato ai livelli di testosterone, come indica questo articolo pubblicato sulla rivista Science.

I segnali olfattivi sono costituiti da marcature urinarie per delimitare il territorio, in modo che ogni leone possa identificare un altro esemplare con l’odore dei suoi feromoni. Lo stesso scopo hanno i graffi sugli alberi.

Ruggire è il comportamento dei leoni probabilmente più conosciuto. Gli esemplari maschi iniziano a ruggire a un anno di età e le femmine poco dopo. L’obiettivo di questa vocalizzazione è marcare il territorio in lontananza. A volte si possono sentire diversi leoni ruggire in coro: in questo caso si tratta di un modo per rafforzare i legami sociali.

Il saluto tra congeneri, infine, consiste solitamente nello strofinare la testa sul mento dell’altro, mentre fanno le fusa o gemono. D’altra parte, il contatto fisico tra madri e figli è essenziale per lo sviluppo psicosociale della prole.

Il comportamento dei leoni

I branchi di leoni sono società di fusione-fissione fortemente gerarchiche, in cui i membri entrano ed escono dai gruppi o formano nuove associazioni. Un branco può comprendere da da 2 a 40 felini.

Ogni leone maschio che vive stabilmente in un gruppo si è guadagnato quel posto abbandonando i membri dominanti. A volte, vengono osservate coalizioni di giovani maschi, di solito fratelli, per proteggere il gruppo.

Quando un giovane maschio cresce e diventa una potenziale minaccia per il leader del gruppo, è probabile che venga cacciato prima di poter essere sostituito. In seguito, il giovane passerà attraverso una fase nomade solitaria fino a quando non troverà un nuovo gruppo.

Le femmine, invece, hanno una loro gerarchia, ma non competono né combattono tra loro. Sono un grande esempio di egualitarismo, poiché l’incapacità di controllare la riproduzione di altre leonesse attraverso la competizione ha favorito la cooperazione orizzontale.

Il comportamento in cattività

I leoni sono spesso visti negli zoo, nei circhi o nei centri di riproduzione. Molto spesso, privati della loro stimolazione per la caccia e altre attività della loro vita in libertà, vengono osservati letargici oltre il loro tempo di riposo naturale.

Anche la riproduzione è compromessa: sebbene sia possibile che si riproducano in cattività, l’istinto riproduttivo è inibito sia nei maschi che nelle femmine. Altre volte, i giovani non riescono o la madre li rifiuta.

In generale, i felini alla fine sviluppano disturbi comportamentali. I più frequenti sono gli stereotipi del camminare, in cui l’animale può essere osservato percorrere lo stesso percorso più e più volte senza motivo. A volte mettono persino ogni zampa esattamente nello stesso posto.

E’ possibile addestrare un leone?

Questi felini sono intelligenti e la loro socievolezza conferisce loro una certa comprensione quando interagiscono con gli umani. Tuttavia, il comportamento dei leoni è caratterizzato da un forte istinto di caccia e territorialità, e una persona non può mai essere loro amico o proprietario. 

Ciò significa che sono in grado di apprendere attraverso il condizionamento, ma il processo richiede di rompere il loro slancio attraverso l’estrema violenza o pratiche che mettono in pericolo l’essere umano. La sua natura selvaggia va rispettata.

In alcuni centri di recupero e centri zoologici, sono stati fatti tentativi per addestrare i leoni per la manipolazione veterinaria. È stata ottenuta una risposta certa, ma non proprio quella desiderata, che era quella di evitare stress e pericoli per gli operatori sanitari durante l’esecuzione di determinate procedure, come il taglio delle unghie o l’estrazione del sangue.

Il jagleón è un altro degli animali ibridi.

Non è possibile avere un leone come animale domestico. Questa pratica, insieme al bracconaggio e all’invasione del loro habitat per l’agricoltura, ha posto i leoni in uno stato di conservazione vulnerabile. La loro popolazione diminuisce nel tempo e, senza interventi tempestivi, potrebbe rischiare l’estinzione.

Potrebbe interessarti ...
La leonessa: intelligenza, strategia e istinto materno
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
La leonessa: intelligenza, strategia e istinto materno

La leonessa fa di tutto per far sopravvivere i propri cuccioli agli attacchi degli invasori, cambiando spesso tana e allevando in gruppo.



  • Packer, C., Pusey, AE y Eberly, LE (2001). Egalitarianism in female African lions. Science , 293 (5530), 690-693.
  • West, P. M., & Packer, C. (2002). Sexual selection, temperature, and the lion’s mane. Science297(5585), 1339-1343.
  • Bauer, H., Packer, C., Funston, PF, Henschel, P. y Nowell, K. 2016. Panthera leo (versión de erratas publicada en 2017). La Lista Roja de Especies Amenazadas de la UICN 2016: e.T15951A115130419. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2016-3.RLTS.T15951A107265605.en . Descargado el 29 de junio de 2021 .
  • DAMIAN MARTÍNEZ, M. O. N. S. E. R. R. A. T. (2016). IMPLEMENTACIÓN DE UN PROGRAMA DE CONDICIONAMIENTO OPERANTE PARA MANEJOS CLÍNICOS APLICADO A FELINOS EN CAUTIVERIO EN EL PARQUE ECOLÓGICO EHÉCATL.
  • Panthera leo (lion). (2021). Animal Diversity Web. https://animaldiversity.org/accounts/Panthera_leo/#a7bc6ca333b02e1cb772ed7293dab1e5