Il comportamento dello squalo

Il comportamento degli squali è più complesso di quanto si possa pensare. Se volete conoscerli meglio e dire addio alla paura, potete iniziare leggendo questo articolo.
Il comportamento dello squalo

Ultimo aggiornamento: 12 agosto, 2021

Per la maggior parte delle persone, gli squali sono sinonimo di morte improvvisa o scene sanguinose e hanno persino ispirato film horror. Tuttavia, il comportamento dello squalo è tutt’altro che minaccioso se non viene disturbato e il suo ambiente è rispettato.

Il modo migliore per perdere la paura di questi animali è conoscerli più a fondo, il che a sua volta implica il riconoscimento del valore che hanno per gli ecosistemi marini. Pertanto, di seguito hai una raccolta delle conoscenze di base per rivelare la sua vera natura. Sicuramente dopo aver letto queste righe vedrai gli squali con occhi diversi.

Le caratteristiche dello squalo

Gli squali appartengono alla classe dei Condritti e all’ordine degli elasmobranchi, gruppi in cui si trovano pesci cartilaginei. Sono animali evolutivamente più vecchi, il cui scheletro è costituito da cartilagine anziché da ossa. Questo conferisce loro maggiore elasticità e forza, senza aggiungere peso corporeo.

Il loro corpo è normalmente cilindrico e idrodinamico grazie alle piccole squame quasi invisibili che lo ricoprono. D’altra parte, questi pesci non hanno la vescica natatoria, ma la compensano con un grande fegato pieno di oli a bassa densità che fornisce loro la galleggiabilità necessaria.

Attualmente sono note 368 specie di squali, il cui peso e le dimensioni variano notevolmente da una specie all’altra. La loro aspettativa di vita media è di circa 25 anni, anche se alcuni taxa sono caratterizzati dal vivere più a lungo di altri. Senza andare oltre, lo squalo della Groenlandia (Somniosus microcephalus) vive in media 272 anni.

Il comportamento degli squali è molto vario.

Gli squali abitano tutti gli oceani del mondo. In genere preferiscono le acque fredde in mare aperto, poiché quando si avvicinano alle coste è perché si disorientano. Di solito non vivono in acque molto profonde, quindi le loro prede tendono a vivere più vicino alla superficie. Tuttavia, la grande variabilità delle specie esistenti crea eccezioni a tutte queste affermazioni.

D’altra parte, va notato che in generale sono animali ovovivipari. La fecondazione avviene all’interno della femmina che porterà le uova fino alla schiusa e alla nascita dei piccoli. Ci sono anche specie vivipare e ovipare.

Gli squali sono rigorosi carnivori e cacciano prede più piccole di loro, principalmente altri pesci e cefalopodi, ma occasionalmente possono mordere animali più grandi e strappare pezzi di carne. Il loro senso della vista è straordinario, così come il gusto, specializzato nel rilevare il grasso corporeo delle prede.

Gli squali hanno un sesto senso chiamato elettrocezione che consente loro di rilevare i campi elettrici generati dagli esseri viventi.

Il comportamento dello squalo: il carattere

Man mano che il comportamento dello squalo diventa più noto, l’idea che la personalità sia esclusiva di esseri con un’intelligenza superiore viene gradualmente smantellata. Gli squali non fanno eccezione, poiché in cattività hanno mostrato preferenze personali per il cibo e persino per chi si prende cura di loro.

Il loro temperamento varia anche da un esemplare all’altro, quindi alcuni squali sono più territoriali, aggressivi o socievoli di altri. Uno studio di Port Jackson ha rivelato che c’erano differenze individuali nelle situazioni stressanti e nelle misure di impavidità di fronte all’ignoto.

La comunicazione dello squalo

Uno squalo morde durante 3 attività: mangiare, esplorare o difendersi. Se ha fame e scopre un nuovo oggetto, per esempio, lo morderà per provarlo, ma se non gli piace se ne andrà. È facile scambiare un morso identificativo per un’aggressività.

Gli squali usano anche colpi di corpo o coda per questo stesso scopo. A volte colpiscono la preda per stordirla prima di afferrarla con i denti, poiché in questo modo prevengono possibili aggressioni. Cacciare un polpo, ad esempio, non è un compito facile per nessuno.

In tempi di accoppiamento si possono osservare comportamenti di aggressività e sottomissione, in cui la dimensione corporea gioca un ruolo fondamentale. Normalmente, il portamento del maschio influenza il suo successo riproduttivo, poiché tiene la femmina con i denti durante l’accoppiamento e deve essere in grado di controllarla.

Il comportamento dello squalo e il linguaggio del corpo

Sebbene non vivano in gruppo, è stata trovata la prova che il comportamento dello squalo includa atteggiamenti per comunicare con i loro coetanei quando si trovano nello stesso posto. I più importanti sono i seguenti:

  • Nuotare in circolo: questo è un comportamento di ricognizione del terreno. In questo modo, gli squali marcano il territorio e identificano altri squali che si trovano nell’area.
  • Colpi di coda: oltre a stordire la preda, si pensa anche che sia un modo per reclamare un pezzo di cibo quando altri predatori si trovano nelle vicinanze.
  • Esibizione: quando 2 squali di dimensioni simili si incontrano, nuotano insieme per calcolare quale di loro è più grande. In questo modo si stabilisce una gerarchia tra di loro.
  • Cedere il passo: se la differenza di taglia è molto evidente, il più piccolo di solito cambierà direzione per evitare gli squali più grandi.
  • Inchinare il corpo: questo comportamento si osserva quando gli squali si sentono minacciati o in pericolo. Di solito è il segnale che precede un attacco o una fuga.
  • Elevazione: sicuramente riconoscerete la famosa immagine di uno squalo che emerge dall’acqua con la bocca aperta. Si pensa che sia un atto di frustrazione dopo un tentativo fallito di catturare la preda.

Il comportamento dello squalo

Sono animali solitari che devono essere indipendenti dalla nascita, poiché non svolgono le cure parentali. Il comportamento degli squali non è troppo socievole, tranne nei periodi di accoppiamento e nei luoghi dove il cibo è abbondante. Possono essere territoriali quando si tratta di prede.

Gli squali sono generalmente animali gentili che nuotano in cerca di cibo. Raramente attaccano se non per fame o per legittima difesa. Tuttavia, la loro bocca è l’unica cosa che gli permette di esplorare, quindi i morsi di curiosità a volte vengono interpretati erroneamente come aggressività gratuita.

Si può addestrare uno squalo?

C’è una credenza popolare secondo cui gli animali considerati poco intelligenti non possono essere addestrati. Tuttavia, nei luoghi in cui tengono gli squali in cattività, è necessario un minimo di manipolazione per mantenere la loro salute, quindi viene avviato l’addestramento per loro.

Finora, il processo che viene svolto di più con loro è la desensibilizzazione, che consente agli operatori sanitari e ai veterinari di avvicinarsi senza causare loro stress ed evitando pericoli. Attraverso il rinforzo positivo e molta pazienza, gli squali si sentono tranquilli con gli umani che li circondano.

Squali come disinfestatori

Il pesce leone orientale (Pterois volitans) è una specie invasiva che sta colpendo gravemente le barriere coralline dell’Indo-Pacifico, in quanto è un predatore molto grande che si riproduce ad un ritmo molto elevato. È anche un pericolo per bagnanti e pescatori, poiché il suo veleno è in grado di uccidere un adulto.

Per controllarlo, un gruppo di ambientalisti ha addestrato squali grigi (Carcharhinus amblyrhynchos) nel parco marino di Roatan chr mostrano una preferenza per il pesce leone orientale. Successivamente, li hanno rilasciati sulle barriere coralline che erano in pericolo, riducendo così la popolazione di questi invasori.

Un gruppo di condritti.

Il potere degli squali come controllori della popolazione è oggi innegabile. Sono l’immagine viva che i predatori, sebbene pericolosi per l’uomo, svolgono un ruolo insostituibile nell’equilibrio degli ecosistemi. Potrebbero non essere amichevoli come gli altri animali, ma il loro diritto alla vita è fuori discussione.

Potrebbe interessarti ...
È vero che gli squali non si ammalano?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
È vero che gli squali non si ammalano?

È falso affermare che gli squali non si ammalano. Questa convinzione, però, comporta importanti conseguenze negative. Scopriamo quali sono.



  • Byrnes, E.E. and Brown, C. (2016), Individual personality differences in Port Jackson sharks Heterodontus portusjacksoni. J Fish Biol, 89: 1142-1157. https://doi.org/10.1111/jfb.12993
  • Albins, M. A., & Hixon, M. A. (2008). Invasive Indo-Pacific lionfish Pterois volitans reduce recruitment of Atlantic coral-reef fishes. Marine Ecology Progress Series367, 233-238.
  • Klimley, P. A. (1983). Social organization of schools of the Scalloped Hammerhead shark, Sphyrna lewini (Griffith and Smith), in the Gulf of California. UC San Diego Library. https://escholarship.org/uc/item/2qg6s9t5#author
  • Shark Species. (2021). Shark Research Institute. https://www.sharks.org/species