Il pesce pappagallo blu: abitudini e caratteristiche

12 Aprile 2019
Il pesce pappagallo blu abita dentro i coralli, in una relazione simbiotica con il loro ecosistema: infatti, i coralli gli garantiscono protezione e nutrimento con le alghe in eccesso.

Il pesce pappagallo blu (Scarus coeruleus) è una specie marina dell’ordine perciforme inclusa nella famiglia Scaridae. È conosciuto per il sorprendente colore blu, che caratterizza il suo corpo.

I pesci pappagallo si trovano in abbondanza nelle barriere coralline tropicali degli oceani di tutto il mondo.

Ci sono circa 90 specie raggruppate in 10 generi e uno di questi è il pesce pappagallo blu.

Caratteristiche del pesce pappagallo blu

Questo pesce è di un blu brillante, tipico delle specie di pesci pappagallo del genere Scarus. Sono anche noti come pappagalli blu o kwab blu. Quando sono giovani, hanno una macchia gialla sulla testa che, man mano che crescono, sfuma in un viola intenso.

Questa specie ha un’aspettativa di vita di circa 20 anni.

Gli esemplari adulti misurano tra i 30 e i 100 centimetri di lunghezza, con un peso approssimativo di 30 chili. I maschi sono più grandi delle femmine nella maggior parte dei casi, e differiscono da loro anche perché tendono a sviluppare delle gobbe sulla testa.

Il nome pappagallo si riferisce alla mandibola a forma di becco, poiché ha i denti fusi insieme alla bocca. Questi denti sono usati per raschiare le alghe dalle rocce e dai coralli. Hanno i denti faringei, ovvero all’interno della gola. I pesci pappagallo usano questi denti per schiacciare le rocce e i coralli che ingeriscono, che defecano sotto forma di sabbia bianca.

Questa sabbia la troviamo sulle spiagge tropicali. Per questo motivo, il pesce pappagallo contribuisce alla formazione di sedimenti che formano piccole isole e spiagge di sabbia nei Caraibi. Ogni pesce pappagallo può produrre fino a 450 grammi di sabbia all’anno.

Il pesce pappagallo blu

Habitat del pesce pappagallo blu

Vivono in gran parte nell’Atlantico occidentale, dal Maryland (Stati Uniti), alle Bermuda e Bahamas a Rio de Janeiro (Brasile), tra cui le Indie occidentali, anche se sono assenti a nord del Golfo del Messico.

Il pesce pappagallo blu vive nelle barriere coralline a profondità tra i 3 e i 40 metri. Gli esemplari giovani si trovano in letti di alghe marine e mangrovie.

Alimentazione e riproduzione del pesce pappagallo blu

La loro dieta è composta principalmente da alghe, che estraggono dai pezzi di corallo che si staccano dalle barriere coralline. Sbriciolano il corallo con i denti nella gola per estrarre i polipi dalle alghe. I pesci pappagallo trascorrono il 90% delle loro giornate nutrendosi della crescita eccessiva delle alghe nei coralli. Consumano anche piccoli invertebrati bentonici presenti nella sabbia.

Il pesce pappagallo nasce con il sesso definito, anche se in alcuni casi può cambiarlo. Quelli che nascono maschi saranno sempre maschi non dominanti. Al contrario, le femmine in età adulta possono diventare maschi perché nascono con gli organi sessuali di entrambi i sessi.

Questo cambiamento di sesso all’interno di questa specie assicura che ci sarà sempre almeno un maschio ad accoppiarsi con tutte le femmine.

I maschi nella stagione riproduttiva cambiano un po’ il colore: diventano più luminosi e più attraenti per attirare le femmine. Inoltre, i maschi si uniscono ai grandi gruppi di femmine per fecondare le uova.

Pesce pappagallo blu

I pesci pappagallo sono una specie pelagica, il che significa che sono raggruppati in una zona dell’oceano dove le correnti trasportano le uova fecondate in modo da farle galleggiare nell’oceano aperto.

Quando le uova si aprono, le larve galleggiano nella zona epipelagica o nell’area dell’oceano aperto vicino alla superficie. Quando le larve diventano pesci giovani (dai 12 ai 15 centimetri), scendono nell’ecosistema della barriera corallina.

Conservazione

Il pesce pappagallo blu è attualmente una specie a rischio. Ciò è dovuto a diversi fattori: la pesca eccessiva, il cambiamento climatico o l’acidificazione degli oceani a causa dell’inquinamento.

Sono attualmente classificati nella categoria di minore interesse della lista rossa delle specie minacciate dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

I pesci pappagallo e le barriere coralline hanno avuto una relazione simbiotica per secoli. Nessuno dei due può vivere senza l’altro: gli scogli forniscono riparo e cibo per i pesci, e questi a loro volta controllano l’eccessiva proliferazione delle alghe nelle barriere coralline.

Con i loro denti, i pesci pappagallo rompono le pietre generando sabbia sottile e contribuendo alla formazione delle spiagge delle isole coralline oceaniche.

Oggi, le aree di distribuzione dei pesci pappagallo hanno urgente bisogno di strategie di conservazione, al fine di preservare questi meravigliosi pesci e gli ecosistemi marini che aiutano a mantenere dal pericolo causato dalle attività umane.

  1. Moyle, P. y Cech, J. (2000). Fishes: An Introduction to Ichthyology. Nueva Jersey: Upper Saddle River.
  2. Smith, C.L. (1997). National Audubon Society field guide to tropical marine fishes of the Caribbean, the Gulf of Mexico, Florida, the Bahamas, and Bermuda. New York: Alfred A. Knopf, Inc.