Il ruolo degli squali bianchi nell'estinzione del megalodonte

Gli squali bianchi hanno vissuto quasi nello stesso periodo del megalodonte, quindi si dà per scontato che tra le due specie ci siano state interazioni. Tuttavia, ora si ritiene che gli squali potrebbero essere in parte responsabili dell'estinzione dei megalodonti.
Il ruolo degli squali bianchi nell'estinzione del megalodonte

Ultimo aggiornamento: 16 giugno, 2022

Il megalodonte è uno dei predatori più potenti che siano esistiti nella storia della Terra. Ha vissuto dal Miocene al Pliocene, il che significa che è apparso 18 milioni di anni fa ed è scomparso 3 milioni di anni fa. Il motivo della sua scomparsa non è ancora noto con certezza. Tuttavia, si ritiene che la competizione tra squali bianchi e megalodonti possa essere uno dei motivi della loro estinzione.

Ovviamente, le enormi dimensioni e la ferocia di questo pesce condrittiano lo ponevano in cima alla catena alimentare. Tuttavia, alla fine del Pliocene ci furono anche forti cambiamenti sulla Terra che avrebbero potuto intaccare la sua sopravvivenza. Continuate a leggere questo articolo e scoprite come gli squali bianchi potrebbero aver causato l’estinzione del megalodonte.

Che specie era il megalodonte?

Il megalodonte (Otodus megalodon) aveva un aspetto simile a quello degli squali attuali, con la grande differenza che arrivava a raggiungere dimensioni gigantesche, fino a 20 metri di lunghezza. Si ritiene che avessero uno dei morsi più forti e letali del regno animale, più forte quasi 10 volte rispetto a quello del grande squalo bianco e 5 volte rispetto a quello del Tyrannosaurus rex.

Questa specie è stata descritta grazie ai resti di denti e alcune vertebre fossilizzate ritrovate in natura. Tuttavia, non esiste uno “scheletro” completo in quanto tale che serva a poter immaginare qual era il suo aspetto. Le sue dimensioni sono in realtà una previsione basata sugli enormi denti che sono stati ritrovati.

L’habitat del megalodonte comprendeva quasi tutti i mari del suo tempo, anche se avevano una preferenza per le acque temperate. In generale, è considerato un animale dalla buona mobilità, che abitava una vasta gamma di ecosistemi, poiché si spostava costantemente.

Nonostante le sue enormi dimensioni, il megalodonte era un abilissimo nuotatore ed era dotato dell’istinto di un predatore all’apice della catena alimentare. Per questo motivo era in grado di nutrirsi di diversi tipi di prede, dai cetacei come le piccole balene, alle tartarughe marine. Grazie al suo potente morso, non c’era animale che potesse difendersi o proteggersi dal suo agguato.

Uno degli animali più grandi è il megalodonte.

L’estinzione del megalodonte

Il motivo dell’estinzione del megalodonte non è stato ancora del tutto compreso, poiché vi sono diverse situazioni che potrebbero averla provocata. In genere, la maggior parte degli esperti sottolinea che la scomparsa della specie è stata dovuta a un insieme di fattori e non solo a uno in particolare. Alcuni di essi sono i seguenti.

1. Chiusura dell’Istmo di Panama

L’istmo di Panama è una zona geografica in America che forma una sorta di barriera tra l’Oceano Pacifico e l’Oceano Atlantico. Questa massa continentale è emersa dalle profondità oceaniche progressivamente a partire dal Miocene. Tuttavia, non ha chiuso del tutto il contatto tra i due oceani fino a 3 milioni di anni fa.

La chiusura dell’Istmo di Panama ha modificato la distribuzione delle specie, oltre a impedire il passaggio di altri animali come il megalodonte. Pertanto, è probabile che questo evento abbia avuto un impatto sulla vita di questa specie di squalo, riducendone l’adattamento.

2. Raffreddamento dell’oceano

La chiusura dell’istmo non solo impediva il passaggio delle specie, ma modificava anche la circolazione e la dinamica dell’acqua. Di conseguenza, nell’emisfero settentrionale del pianeta, iniziò a verificarsi un raffreddamento degli oceani, che portò all’espansione della glaciazione.

Sebbene il megalodonte sia stato in grado di resistere a questi cambiamenti nel suo habitat, il suo metabolismo deve esserne rimasto colpito in qualche modo. Pertanto, è probabile che le sue abilità di caccia si siano gradualmente ridotte.

3. Diminuzione del numero di prede

Un altro degli eventi più importanti del Miocene è stata la grande diversificazione dei cetacei. Questo gruppo di animali era uno dei più forti concorrenti del megalodonte, poiché anche loro avevano grandi dimensioni e capacità di caccia. Anche se non erano i migliori predatori del loro habitat, riducevano il numero di prede all’interno del loro ambiente.

Il problema principale è che il loro metabolismo si è adattato meglio al freddo, il che ha fatto sì che beneficiassero del recente cambiamento della temperatura dell’oceano. Di conseguenza, il numero di prede disponibili si è ridotto, mentre i cetacei sono diventati più forti. Al contrario, le capacità del megalodonte in queste condizioni risultavano limitate.

4. Competizione con altre specie

Il cambiamento delle condizioni oceaniche ha portato con sé la diversificazione e la comparsa di nuove specie. Ciò significa che nell’habitat del megalodonte sono emersi nuovi concorrenti nella caccia. Pertanto, le risorse hanno iniziato a scarseggiare e gli animali a combattersi tra loro per sopravvivere.

La competitività è un’interazione negativa che fa consumare energia inutilmente, quindi la maggior parte delle specie la evita. Tuttavia, la situazione ambientale dell’epoca lasciava al megalodonte solo questa alternativa. Di conseguenza, le sue capacità di adattamento e di caccia ne avranno risentito notevolmente.

In che modo gli squali bianchi hanno influito sull’estinzione del megalodonte?

Come il megalodonte, durante il Miocene sono comparsi i grandi squali bianchi (Carcharodon carcharias). Ciò implica che ad un certo punto della storia hanno convissuto con quello che era uno dei predatori più grandi e forti del mondo. Tuttavia, sono riusciti a convivere a lungo senza conflitti perché le prede nel loro habitat erano sufficienti per entrambi.

Nel 2022 è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications uno studio curioso, che propone una teoria: gli squali bianchi avrebbero consumato lo stesso tipo di cibo del megalodonte. Ciò significa che a un certo punto hanno finito per competere tra loro e che il vincitore è stato il grande squalo bianco.

Un dente di megalodonte confrontato con uno di squalo normale.
Un dente di megalodonte confrontato con uno di squalo normale.

Questo studio basa le sue affermazioni sull’analisi dell’abbondanza di alcuni isotopi di zinco sui loro denti. Questi elementi possono essere ottenuti solo attraverso la dieta e la loro quantità varia a seconda delle preferenze della specie. In altre parole, se ad un certo punto due animali ne presentano la stessa quantità, significa che entrambi hanno consumato lo stesso tipo di cibo.

Eseguendo l’analisi sui denti del megalodonte e del grande squalo bianco, gli studiosi si sono resi conto che a un certo punto del Pliocene la quantità di zinco era la stessa. Per questo motivo si ritiene che entrambi abbiano avuto una forte lotta competitiva per le risorse, la quale potrebbe essere stata una delle cause che hanno portato all’estinzione del megalodonte.

Nonostante quanto sopra, l’estinzione del megalodonte è comunque considerata un evento multifattoriale, quindi la presenza degli squali bianchi è solo una delle tante cause della sua scomparsa. Tuttavia, è chiaro che l’evoluzione del grande squalo bianco è stata decisiva per la caduta di un grande titano come il megalodonte.

Potrebbe interessarti ...
Trovato lo squalo luminoso più grande del mondo
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Trovato lo squalo luminoso più grande del mondo

Lo squalo pietra Dalatias licha è il più grande vertebrato luminoso, anche se non si sa ancora come sia in grado di produrre luce.



  • Boessenecker, R. W., Ehret, D. J., Long, D. J., Churchill, M., Martin, E., & Boessenecker, S. J. (2019). The Early Pliocene extinction of the mega-toothed shark Otodus megalodon: a view from the eastern North Pacific. PeerJ, 7, e6088.
  • McCormack, J., Griffiths, M. L., Kim, S. L., Shimada, K., Karnes, M., Maisch, H., … & Tütken, T. (2022). Trophic position of Otodus megalodon and great white sharks through time revealed by zinc isotopes. Nature Communications, 13(1), 1-10.
  • Pimiento, C., Ehret, D. J., MacFadden, B. J., & Hubbell, G. (2010). Ancient nursery area for the extinct giant shark Megalodon from the Miocene of Panama. PLoS one, 5(5), e10552.
  • Wroe, S., Huber, D. R., Lowry, M., McHenry, C., Moreno, K., Clausen, P., … & Summers, A. P. (2008). Three‐dimensional computer analysis of white shark jaw mechanics: how hard can a great white bite?. Journal of Zoology, 276(4), 336-342.
  • Caro, H. D. (1990). Estratigrafía, paleoceanografía y paleobiogeografía de la cuenca del Atrato y la evolución del Istmo de Panamá. Boletín Geológico, 31(1), 4-45.