Il veleno dell'ornitorinco: cosa bisogna sapere

Il veleno dell'ornitorinco è una delle sue tante peculiarità, che non sono poche. Se volete saperne di più su questa particolarità, ecco una recensione.
Il veleno dell'ornitorinco: cosa bisogna sapere

Ultimo aggiornamento: 01 settembre, 2021

Se c’è un animale strano e bizzarro, senza dubbio è questo mammifero dal becco d’anatra. Suda il latte, ha l’elettroricezione, depone le uova, ha 10 cromosomi sessuali e, se ciò non bastasse, se lo infastidite potreste dover affrontare il veleno dell’ornitorinco. Quando il primo esemplare fu portato in Inghilterra dall’Australia, gli scienziati credettero che fosse uno scherzo.

In questo articolo potrete leggere del veleno di questo mammifero. Come il resto delle sue caratteristiche, anche questa è quella che, se analizzata, ha fatto pensare anche ai professionisti che non dovrebbe essere qui. Se questo aspetto sta stuzzicando la vostra curiosità, non esitate a proseguire nella lettura.

Effetti del veleno dell’ornitorinco sugli esseri umani

L’ornitorinco (Ornithorhynchus anatinus) è un mammifero semi-acquatico endemico dell’Australia e dell’isola della Tasmania. È l’unico rappresentante vivente della sua famiglia (Ornithorhynchidae) e del genere, sebbene alcune specie simili siano state trovate nei reperti fossili. È una delle 5 specie che persistono ancora nell’ordine dei monotremi, insieme alle echidne.

Questo animale è relativamente timido, e inoltre solo i maschi sono velenosi, contrariamente a quanto si crede solitamente. Sono stati registrati pochi “morsi ” o lesioni causate da questo mammifero, ma le persone che li hanno subiti hanno riportato un dolore intenso. Intorno alla ferita si manifesta un edema che si diffonde sulla zona interessata.

È interessante notare che alcune persone sostengono che questo veleno può produrre una marcata iperalgesia. Ciò significa che il paziente reagisce in modo eccessivo al dolore per giorni, settimane e persino mesi dopo il contatto con la tossina, poiché i nocicettori (cellule responsabili della percezione del dolore) nell’area sono interessati a lungo termine.

L’ornitorinco inietta da 2 a 4 millilitri di veleno in un morso.

Sebbene non sia mortale per la nostra specie, il dolore causato dal veleno dell’ornitorinco non è da prendere con superficialità: è così intenso che nemmeno la morfina riesce a calmarlo. Inoltre, è in grado di produrre la suddetta iperalgesia, edema, iperventilazione e persino convulsioni, a seconda della dose inoculata.

Il veleno dell’ornitorinco è composto da 19 diversi peptidi e componenti aggiuntivi non proteici, come indicano gli studi. Sono stati determinati 3 tipi di composti che lo compongono:

  1. Defensine: prodotte dal sistema immunitario dell’ornitorinco, sono simili a quelle che si trovano nel veleno di rettili, ragni, pesci e stelle marine, sebbene in questi mammiferi si sia evoluto in modo divergente.
  2. Natriuretici: neurotossine associate all’atrofia muscolare.
  3. Fattori di crescita nervosa: questi peptidi sono legati all’iperalgesia, in quanto favoriscono la ramificazione e la creazione di terminazioni nervose.

Il veleno dell’ornitorinco è mortale per l’uomo?

Il veleno dell’ornitorinco è mortale per i piccoli animali, ma non per gli umani. Inoltre non è un animale da caccia, i suoi predatori sono chiaramente più letali di lui e le femmine non possiedono veleno. Allora qual è la sua funzione?

La teoria più solida al riguardo suggerisce che sia un’arma offensiva per la stagione degli amori. I maschi combattono tra loro per stabilire un territorio e ottenere il diritto alla copula, che avviene tra giugno e ottobre. Pertanto, il fatto che un essere umano riceva un morso avrà molto a che fare con il fatto che sta minacciando in qualche modo l’animale, specialmente nella fase riproduttiva della specie.

È interessante notare che le femmine di questa specie hanno 2 ovuli, ma solo quello sinistro è funzionale.

In che modo l’ornitorinco produce il suo veleno?

Il veleno dell’ornitorinco viene prodotto nelle ghiandole femorali, situate sulle zampe posteriori. Queste ghiandole si collegano a 2 speroni calcaneari che, a loro volta, sono attaccati a un piccolo osso che fornisce un migliore angolo di attacco con l’articolazione.

Nel caso delle femmine lo sperone è rudimentale. Non si sviluppa mai come nel maschio e, inoltre, cade prima dei 12 mesi di età. L’informazione genetica necessaria per produrre il veleno è sul cromosoma maschile, quindi non avrebbe senso preservare questa struttura per tutta la vita nel caso del genere femminile.

L’attacco dell’ornitorinco consiste nel dare un “calcio” all’indietro, con notevole forza, e trafiggere gli speroni. Il colpo è abbastanza intenso da far rimanere bloccato l’animale, letteralmente. Le persone che si sono trovate in questa situazione hanno avuto bisogno di assistenza medica per sganciarlo.

Lo sperone rilascia il veleno dell'ornitorinco.

Un animale quasi preistorico!

Le curiosità su questo mammifero non finiscono mai. L’antenato comune tra l’ornitorinco e l’uomo visse circa 170 milioni di anni fa e da allora la specie si è separata praticamente da tutte le altre, condividendo solo l’80% del genoma con il resto dei mammiferi.

I loro numerosi cromosomi sessuali sono più vicini a quelli dei polli, poiché sembra che non siano cambiati molto dai tempi degli uccelli preistorici. Il recente sequenziamento del suo genoma ha rivelato importanti scoperte che collegano mammiferi, uova e veleno. Ti consigliamo di dare un’occhiata alle fonti citate se vuoi navigare.

Potrebbe interessarti ...
Le curiose abitudini dell’ornitorinco
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Le curiose abitudini dell’ornitorinco

Se dovessimo assegnare il premio all'animale più strano del mondo, sicuramente a vincere sarebbe l'ornitorinco. Perché? Valutate voi stessi.



  • Whittington, C. M., Koh, J. M., Warren, W. C., Papenfuss, A. T., Torres, A. M., Kuchel, P. W., & Belov, K. (2009). Understanding and utilising mammalian venom via a platypus venom transcriptome. Journal of proteomics, 72(2), 155-164.
  • Whittington, C., & Belov, K. (2007). Platypus venom: A review. Australian Mammalogy, 29(1), 57-62.
  • Bansal, P. S., Torres, A. M., Crossett, B., Wong, K. K., Koh, J. M., Geraghty, D. P., … & Kuchel, P. W. (2008). Substrate specificity of platypus venom L-to-D-peptide isomerase. Journal of Biological Chemistry, 283(14), 8969-8975.
  • Whittington, C. M., Papenfuss, A. T., Locke, D. P., Mardis, E. R., Wilson, R. K., Abubucker, S., … & Warren, W. C. (2010). Novel venom gene discovery in the platypus. Genome biology, 11(9), 1-13.