Scopriamo le specie più velenose del mondo

· 15 ottobre 2018
Trovarsi "faccia a faccia" con una di queste specie significa poter rischiare addirittura la vita. Prestate dunque attenzione alle specie più velenose.

Non sono solo le specie più velenose del mondo, ma anche le più spaventose e pericolose. Ad ogni modo, si tratta solamente di esseri viventi che hanno escogitato sistemi di autodifesa per aumentare le possibilità di sopravvivenza.

Quando attaccano, lo fanno solo perché non hanno alternative. Conoscere meglio queste specie più velenose del mondo, vi aiuterà a rispettarle e ad averne meno paura.

Quali sono le specie più velenose del mondo?

E’ molto probabile che la maggior parte di voi, nel corso della propria esistenza, vedrà queste specie solamente in documentari e film.

Da un lato ciò si deve al fatto che vivono in luoghi molto reconditi e lontani. Dall’altro perché trovarsi “faccia a faccia” con una di queste significa poter rischiare addirittura la vita. Prestate dunque attenzione alle specie più velenose… E cercate di non infastidirle!

1. Rana dorata

Questo anfibio dai sorprendenti colori gialli e dai grandi occhi neri è di piccole dimensioni, ma è dotato di un veleno potentissimo! È considerato l’animale più tossico al mondo per via della sostanza presente sul suo corpo, prodotta in base all’alimentazione.

La rana dorata mangia determinate formiche che, attraverso il metabolismo, contribuiscono alla produzione del veleno. Se cambiasse la sua “dieta” questo anfibio potrebbe smettere di essere un pericolo.

Ha comunque un aspetto innocuo, ma non fatevi ingannare: può uccidere una persona in pochi minuti se semplicemente tocca la sua pelle. Ovviamente è immune al suo stesso veleno.

2. Mamba nero

È il serpente più tossico presente in Africa – vive nel centro e ad est del continente – e una delle specie più velenose al mondo.

Misura da due e quattro metri, è verdastro o grigio metallizzato, ma è chiamato “nero” per via del tono scuro della sua bocca. Inoltre, è uno dei rettili più veloci: può strisciare a 20 km/h.

Mamba nero aggrovigliato su un ramo aspetta la preda

Il mamba nero è molto territoriale e aggressivo quando si sente minacciato. Se ciò accade, alza la testa e guarda attentamente l’aggressore.

Il suo morso può iniettare fino a 100 mg di un veleno ma basterebbero appena 10 mg per uccidere un uomo adulto. Le conseguenze del suo morso sono paralisi, contrazione dei muscoli respiratorie e, infine, soffocamento.

3. Polpo dagli anelli blu

Questo ottopode vive prevalentemente nell’Oceano Pacifico, specialmente vicino alle coste del Giappone e dell’Australia.

E’ di piccole dimensioni e, sebbene i suoi colori siano molto appariscenti (corpo giallo con tondini blu o neri), sa mimetizzarsi molto bene tra rocce e scogliere.

Polpo dagli anelli blu

Il polpo dagli anelli blu si nutre di granchi e gamberi, che cattura cogliendoli di sorpresa. Se si sente minacciato, produce un veleno – a partire dalla sua saliva – che può strappare la vita non a uno, ma a diverse persone.

Ancora non esiste un antidoto per questa sostanza altamente nociva.

4. Vedova nera

Il genere Latrodectus include diversi ragni che possono mordere e inoculare il loro veleno, che è dannoso per le persone, ma non sempre mortale se viene trattato debitamente.

Sebbene entrambi i sessi siano velenosi, quello delle femmine è tre volte più potente di quello dei maschi.

Vedova nera sul terreno

Questi ragni sono conosciuti come “vedova nera” perché la femmina mangia il maschio dopo l’accoppiamento, per evitare che si nutra della prole.

Possiamo trovarne diverse sottospecie in America, Europa, Asia, Africa e Oceania. Possiedono corpi robusti – di colore nero con alcuni punti – e zampe molto lunghe.

5. Scorpione

Anche l’ultima delle specie più velenose nella lista appartiene alla famiglia degli Aracnidi. La sua famosa coda termina con un affilatissimo pungiglione, con la quale inetta il veleno nel corpo delle sue vittime.

Delle 1.400 specie di scorpioni presenti al mondo, solo alcune sono tossiche o persino mortali per le persone: sono quelle che vivono in Africa, in Medio Oriente e in America.

Scorpione giallo fermo sul ceppo bruciato di un tronco

Abita in terreni rocciosi o sabbiosi, si nutre di invertebrati come ragni e insetti ed ha abitudini notturne e solitarie.

Lo scorpione può nascondersi in luoghi bui e umidi, dietro vecchi mobili, ripostigli, sottoscala, stanzini con poca luce o altre zone poco frequentate o in cui si pulisce raramente.

Abbiamo lasciato fuori dalla lista delle specie più velenose del mondo diversi animali: il ragno violino, il serpente taipan, la vespa marina, il pesce pietra, il serpente marino, il verme della morte (Aka Allghoi Khorhoi), il pesce palla e il cobra reale.