L’importanza dell’igiene orale del gatto

· 28 marzo 2018

Sapevate che i gatti possono avere seri problemi ai denti, se non vengono puliti in modo adeguato? Ovviamente dovrete essere voi a incaricarvi dell’igiene orale del gatto. Questi piccoli felini domestici non possono lavarsi i denti da soli. In questo articolo vi aiuteremo a prendervi cura della salute dentale del vostro amico a quattro zampe. Eviterete gravi patologie, migliorando la vita e il benessere del micio di casa.

L’igiene orale del gatto: uso dello spazzolino

È il miglior metodo di pulizia, anche se il più complicato. Usando lo spazzolino potrete evitare che il vostro animale domestico soffra di gengivite, alito cattivo, accumulo di placca o caduta dei denti. Non dimenticate che è sempre meglio prevenire che curare e che dovrete armarvi di pazienza per far accettare lo spazzolino al micio.

Lavare i denti ad un gatto può essere una missione impossibile se non viene abituato quando è cucciolo. Ma ciò non significa che se il vostro animale domestico è adulto, dobbiate rinunciare a priori a questa abitudine salutare.

È essenziale che l’animale veda il momento della pulizia dei denti come un gioco, qualcosa di piacevole e divertente. Altrimenti non “coopererà” e renderà il vostro compito estremamente difficile. Il regolare spazzolamento garantisce una buona salute orale. Nei negozi di animali troverete tutto ciò che vi serve, compresi dentifrici per animali o ditali di tela.

È molto importante non usare mai dentifrici per le persone, poiché tra i suoi componenti è presente il fluoro, che è tossico per i gatti. I prodotti per gatti – e altri animali domestici in generale – possono essere ingeriti senza problemi e il loro sapore è gradevole, per loro.

un piccolo gatto morde la testa di uno spazzolino

Come abituare il vostro gatto al dentifricio?

Prima di metterlo sullo spazzolino, fate assaggiare il dentifricio al micio. In questo modo si abituerà al suo sapore. Potrete anche lasciargli lo spazzolino per giocarci per un po’. Sono semplici trucchi che renderanno questi “nuovi” oggetti assai più familiari.

Nei giorni precedenti provate a sfiorare delicatamente i denti del gatto con le vostre dita o direttamente con lo spazzolino appena comprato. Tutto dovrà sembrare un gioco. A poco a poco, il vostro gatto acquisterà fiducia e inizierà ad aprire di più la bocca, permettendovi di raggiungere anche gli angoli meno accessibili.

Parlategli in modo calmo e a bassa voce… Non urlate mai, né tantomeno inseguitelo o tenetelo stretto in modo che scappi. Il consiglio di base è non forzare mai l’animale, altrimenti otterrete il risultato opposto. Il vostro felino domestico avrà paura e risponderà allo spazzolino in modo aggressivo. Create un ambiente amichevole in ogni momento, sfruttando carezze e premi.

Per una pulizia ottimale, lavate i denti dall’alto in basso, dalla gengiva verso l’esterno e ripetete questa operazione almeno 3 volte alla settimana. Eliminare un po’ di tartaro accumulato sui denti in un unico passaggio, sarà un risultato più che soddisfacente.

Naturalmente, potete sempre scegliere di andare dal veterinario in modo che sia lui a incaricarsi di questa operazione. Eseguirà senza dubbio una pulizia più approfondita. In molti casi, però, non è raccomandato a causa dello stress che questa esperienza può provocare ai vostri animali.

Prendersi cura dei denti del gatto: alimentazione

Fornire al vostro micio cibo di qualità e adeguato alle sue esigenze è un altro modo per prendersi cura dei suoi denti e prevenire le malattie più comuni.

un gatto grigio si lecca i baffi mentre mangia

Il tipo di cibo che consuma un animale è strettamente correlato alla sua salute orale, poiché fornisce i nutrienti essenziali che rafforzano denti e gengive.

Inoltre, il mangime secco può agire come uno spazzolino naturale, per via della sua consistenza. Quando il gatto mastica i croccantini, questo sfregamento contribuisce a rimuovere la placca. Discorso diverso per i gatti che consumano solo cibo umido, i cui residui possono accumularsi in vari angoli della bocca.

Non possiamo dimenticare che, in natura, i felini rosicchiano le ossa delle prede cacciate. Un processo naturale che aiuta a pulire e lucidare molari, canini e incisivi.

Ovviamente non è possibile prendersi cura dell’igiene orale del gatto solamente pensando alla sua alimentazione. Al contrario, servono entrambe le cose: uso dello spazzolino e cibo secco. L’effetto abrasivo dei croccantini non è completo e non basterà da solo a risolvere tutti i problemi di tartaro e placca.

D’altra parte, potete offrire biscotti o snack speciali per gatti quando si comportano bene, che hanno la capacità di pulire i loro denti più del mangime secco.

L’igiene orale del gatto: giocattoli e veterinario

Nei negozi per animali, troverete vari tipi di giocattoli per la pulizia dentale dei gatti, ma non tutti hanno la capacità di risolvere, da soli, le patologie che hanno a che fare con i denti. Sceglietene uno fatto a partire da materiali ipoallergenici, come la gomma naturale. Mentre il gatto lo morde, automaticamente contribuirà a eliminare e rimuovere il tartaro.

Ultimo ma non meno importante: ricordatevi di portare regolarmente il vostro animale dal veterinario per farlo esaminare in modo completo, bocca e denti inclusi. La migliore cura parte sempre da un’adeguata prevenzione.