Influenza equina: cause, sintomi e trattamento

L'influenza equina è una patologia estremamente comune nei cavalli, analoga all'influenza nell'uomo. Scopri qui come rilevarlo e prevenirlo.
Influenza equina: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 02 luglio, 2021

Il termine influenza equina fa riferimento ad una malattia virale altamente contagiosa del tratto respiratorio superiore degli equini. I suoi sintomi si manifestano sotto forma di tosse, congiuntivite, febbre e secrezione nasale, ma di solito non portano alla morte. Si stima che il 100% dei cavalli che non sono stati vaccinati o esposti al virus prima o poi verrà infettato.

In ogni caso, sebbene il tasso di infezione sia allarmante, il tasso di mortalità per questa infezione non supera il 4%. In altre parole, solo i puledri e i cavalli in cattive condizioni di salute già prima dell’infezione sono a rischio reale.

L’influenza equina è causata da un virus?

L’influenza equina riceve diversi nomi a livello veterinario. Questi termini potrebbero suonarvi familiari, poiché sono applicabili anche nella medicina umana. Non c’è da stupirsi: l’agente patogeno appartiene al gruppo dei virus dell’influenza A, che causano malattie anche nelle persone, negli uccelli e in altri mammiferi.

Come indicato dal portale Sinobiological, si stima che potrebbero esserci 144 sottotipi del virus dell’Influenza A, anche se solo 2 di loro sembrano specifici delle infezioni nei cavalli. Finora sono stati rilevati ceppi H7N7 (equino-1) e H3N8 (equino-2). In ogni caso, si ritiene che H7N7 potrebbe essere scomparso dall’ambiente naturale, poiché non è stato rilevato per oltre 20 anni.

Pertanto, il principale sospetto in tutti i casi di influenza nei cavalli è il sottotipo H3N8. Tuttavia, è noto che questo agente patogeno può infettare anche uccelli, cani, gatti e persino foche, secondo la BBC.

Il virus H3N8 è la principale causa di malattie respiratorie in tutte le popolazioni equine del mondo.

influenza equina

Caratteristiche del virus

Questi microrganismi sono molto semplici, come tutti i virus. La sua informazione genetica è costituita da segmenti di RNA, a loro volta protetti dall’ambiente da un doppio strato lipidico, che dà la forma al patogeno; mentre i virus dell’influenza sono classificati in diversi tipi in base alle varianti che esprimono proteine nella loro membrana.

Poiché i virus mancano di quasi tutte le caratteristiche necessarie per essere considerati cellule, sono raramente inclusi nel gruppo degli esseri viventi. Per replicarsi, devono infiltrarsi nella cellula del loro ospite, “dirottare” il suo meccanismo replicativo e generare copie. Quando i nuovi virus entrano nell’ambiente extracellulare, la cellula infetta muore (lisi).

Le proteine incorporate nel doppio strato lipidico che protegge l’RNA rappresentano quasi il 50% della massa del virus.

Influenza equina: sintomi

Secondo il portale MSD Veterinary Manual, il periodo di incubazione dura da 1 a 3 giorni dopo l’infezione. A seguito di questo breve intervallo, di solito si verificano i seguenti sintomi:

  1. Febbre alta, fino a 41°C.
  2. Scolo nasale sieroso.
  3. Tosse forte e secca.
  4. Debolezza generale e prestazioni lavorative peggiori.
  5. Difficoltà a respirare (dispnea).
  6. Dolore muscolare e rigidità del sistema muscolo-scheletrico.

I segni clinici più evidenti durano pochissimo – circa 2 o 3 giorni – nei cavalli immunocompetenti, in quanto sono in grado di far fronte rapidamente all’infezione e di liberarsene. Tuttavia, poiché il virus invade la parete dell’epitelio respiratorio, può verificarsi la distruzione locale di alcune strutture bronchiali. Per questo motivo, la tosse a volte dura qualche settimana in più.

I cavalli sani si riprendono completamente entro un periodo massimo di 3 settimane.

Possibili complicazioni

A causa del danno causato dall’espansione e dalla replicazione virale, di solito occorrono circa 21 giorni affinché l’epitelio respiratorio guarisca completamente. Durante questa fase, i cavalli saranno inclini ad essere infettati da altri patogeni opportunisti, quindi possono manifestare condizioni come polmonite, pleuropolmonite e bronchite cronica. Pertanto, è meglio lasciare riposare l’equino fino a quando non si sia completamente ripreso.

Come si produce il contagio?

Come indica la rivistaFrontiers of Microbiology, questa condizione viene trasmessa attraverso goccioline, che possono essere espulse dall’animale malato durante un colpo di tosse, uno starnuto o un nitrito. L’efficacia di questo virus risiede nella sua resistenza, poiché può essere trasmesso attraverso l’aria su distanze da 1 a 2 chilometri.

Inoltre, il microrganismo rimane vitale fino a 3 giorni al di fuori dell’ospite. Spazzole, sedie, indumenti degli operatori sanitari, pagliai, abbeveratoi e tutti i materiali della struttura possono contenere agenti patogeni. Se un cavallo sano entra in contatto diretto con uno di questi elementi, verrà infettato.

Influenza equina: diagnosi

Idealmente, è necessario chiamare il veterinario già quando un solo cavallo mostra i segni clinici citati. In ogni caso, a causa della rapidità del contagio, sicuramente gran parte dei membri della scuderia – o tutti – si ammalano contemporaneamente. Questa situazione è più che sufficiente per sospettare un’epidemia di influenza equina.

Il primo passo è sempre quello di ottenere campioni della mucosa orale e nasale dell’animale. Questi campioni vengono portati in laboratorio e, utilizzando tecniche di amplificazione dell’informazione genetica – come la PCR -, è possibile rilevare il genoma del virus. Anche i test sugli anticorpi del sangue circolante sono molto utili per questo compito.

Trattamento e prevenzione

I cavalli che non sviluppano segni clinici gravi non necessitano di cure specifiche, ma solo di cure di supporto. In ogni caso, l’ideale è che ogni equino malato possa rimanere 1 settimana di riposo per ogni giorno di febbre, in genere 3 settimane. Chi ha la febbre alta può essere curato con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), sempre nelle dosi indicate dal veterinario.

D’altra parte, può anche essere necessario prescrivere antibiotici all’animale, soprattutto se la febbre dura più di 4 giorni e il naso che cola è accompagnato da soluzioni purulente. Si evitano così infezioni secondarie che potrebbero mettere in pericolo la vita dell’equino malato.

Ci sono diversi vaccini sul mercato che danno ai cavalli l’immunità contro l’influenza equina. Se possibile, le vaccinazioni sono sempre l’opzione migliore.

Un veterinario che analizza un cavallo.

Una malattia molto comune

Come abbiamo detto all’inizio, fino al 100% dei cavalli non vaccinati viene infettato dall’influenza equina ad un certo punto della loro vita. Sebbene la condizione generi sintomi molto fastidiosi, in 2 o 3 settimane la patologia di solito si risolve da sola e il cavallo tornerà al suo precedente stato di salute. Il tasso di mortalità non supera il 4%, quindi non è una condizione fatale.

In ogni caso, deve essere prestata sempre particolare attenzione agli esemplari immunodepressi e ai puledri presenti nell’allevamento. Questi animali, infatti, sono più deboli e possono sviluppare condizioni infettive molto più gravi; quindi per proteggerli, l’opzione migliore è vaccinare tutti nella stalla.

Potrebbe interessarti ...
Come rinfrescare il cavallo in estate per evitare i colpi di calore
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Come rinfrescare il cavallo in estate per evitare i colpi di calore

Durante i mesi caldi, con l'arrivo delle alte temperature e delle mosche, molti si chiedono come rinfrescare il cavallo in estate.



  • New flu virus found in seals concerns scientists. Recogido a 11 de junio en https://www.bbc.com/news/science-environment-19055961
  • Influenza Hemagglutinin (HA) subtypes and Flu Virus Strains, SinoBiological (SB). Recogido a 11 de junio en https://www.sinobiological.com/research/virus/influenza-hemagglutinin-subtypes
  • Horse flu, MSD. Recogido a 11 de junio en https://www.msdvetmanual.com/respiratory-system/respiratory-diseases-of-horses/equine-influenza
  • Singh, R. K., Dhama, K., Karthik, K., Khandia, R., Munjal, A., Khurana, S. K., … & van der Kolk, J. H. (2018). A comprehensive review on equine influenza virus: etiology, epidemiology, pathobiology, advances in developing diagnostics, vaccines, and control strategies. Frontiers in microbiology, 9, 1941.
  • Timoney, P. J. (1996). Equine influenza. Comparative immunology, microbiology and infectious diseases, 19(3), 205-211.
  • Cullinane, A., & Newton, J. R. (2013). Equine influenza—a global perspective. Veterinary microbiology, 167(1-2), 205-214.
  • Cullinane, A., Elton, D., & Mumford, J. (2010). Equine influenza–surveillance and control. Influenza and other respiratory viruses, 4(6), 339-344.