Le principali malattie del cavallo

· 17 maggio 2018

Il cavallo è un animale erbivoro che vive sulla Terra da ben 50 milioni di anni. Ci sono più di 400 razze diverse, che abitano quasi tutti i paesi del mondo. Questo equino vive per natura in branco ed è un essere molto socievole. Ad ogni modo, pochi sanno che sono animali abbastanza delicati e hanno bisogno di cure particolari. In questo articolo vi parleremo delle principali malattie del cavallo.

A differenza di altri ruminanti, i cavalli possiedono invece un solo stomaco. E’ di dimensioni molto piccole, e ciò obbliga questi animali a mangiare durante la maggior parte della giornata. Il suo apparato digerente, caratteristico degli erbivori, è la causa principale di alcune malattie del cavallo, come le coliche. Tuttavia, questa non è l’unica patologia che può interessare questo animale bello e nobile.

Per prevenire o curare le malattie del cavallo nel corso del tempo, dovrete fare molta attenzione a determinati sintomi. Come il cambiamento della respirazione, del loro comportamento, la comparsa di anomalie nelle loro feci, stato di gambe e zoccoli e la lucentezza del mantello, ma non solo.

un gruppo di cavalli mangiano del fieno in una stalla

Alcune malattie del cavallo

Tetano

Questa infezione è causata da un batterio che si deposita nelle ferite aperte. Dato che il tetano può causare paralisi respiratoria e successivamente la morte, è essenziale rivolgersi al veterinario immediatamente dopo aver rilevato lesioni o ferite sulla pelle del vostro cavallo.

Alcuni dei sintomi del tetano sono: rigidità nei muscoli della mascella, delle zampe posteriori e del collo. Inoltre, poiché la presenza di ferite è comune nei cavalli, la migliore medicina preventiva è quella di vaccinarli da piccoli contro il tetano. E’ un trattamento che richiede un nuova dose, una volta all’anno.

Scabbia

Nonostante sia più frequente e popolare nei cani (rogna sarcoptica), anche la scabbia è una delle malattie più tipiche del cavallo. L’acaro che la provoca è un parassita che causa una condizione chiara della pelle che comporta, parallelamente, una diminuzione dell’appetito, vesciche, croste e piaghe sull’animale.

In alcuni casi, questo parassita, simile alle uova delle pulci (lendini), è riluttante ai trattamenti convenzionali. Per poterlo eliminare a fondo occorre conoscere bene il suo ciclo biologico.

L’acaro si alloggia in luoghi umidi e caldi. Pertanto, pulire e disinfettare l‘habitat del cavallo è una delle misure più efficaci per la prevenzione della scabbia.

Influenza

Anche l’influenza è una delle principali malattie del cavallo. Questa patologia produce un innalzamento della temperatura corporea, tosse secca, congiuntivite, coliche e debolezza fisica. Questi sintomi a loro volta generano una diminuzione dell’appetito e del consumo di cibo e, se il quadro clinico peggiora, può durare per mesi e diventare persino bronchite.

L’influenza equina è altamente contagiosa e sfortunatamente non esiste un trattamento che elimini il virus definitivamente. Gli antibiotici aiutano a minimizzare i sintomi secondari o l’aggravamento di essi. Anche se il vaccino agisce in modo corretto rispetto a un primo ceppo, ciò non esclude che il cavallo possa contrarre l’influenza in futuro.

Parotite

Nel caso della parotite, si tratta di una malattia con un alto tasso di infezione. È facilmente identificabile perché i linfonodi del cavallo appaiono molto gonfi nell’area della mascella.

Coliche

A differenza di quanto accade negli umani, le coliche sono un’importante causa di morte per i cavalli. Tuttavia, sia le loro origini che la prevenzione, trovano soluzione nella qualità dell’acqua e del cibo che viene fornito all’animale.

due cavalli da tiro su un prato verde

Encefalite

L’encefalite nei cavalli è causata da un’infezione, solitamente da punture di zanzara, che generano un’infiammazione cerebrale e può portare a convulsioni e paralisi.

Al momento, l’encefalite è una patologia grave con una prognosi molto sfavorevole. Per questo motivo, è consigliabile cercare di prevenirla con la vaccinazione, la disinfezione dei luoghi usati come alloggio per il cavallo e la separazione e l’isolamento degli animali malati da quelli sani.

Laminite

La laminite è un’infiammazione nel dito del cavallo, causata dall’interruzione del flusso di sangue verso la lamina dello zoccolo del cavallo. È necessario precisare che è possibile prevenire questa malattia facendo attenzione a non sovralimentare l’animale.

Malattie derivate da zecche

La puntura delle zecche, aracnidi ospitati sulla pelle del cavallo, è la fonte di molte delle loro malattie. Questo è il caso della malattia di Lyme (borreliosi), di natura batterica, o della cosiddetta erlichiosi equina.

Altre patologie trasmesse al cavallo dalle zecche sono l’anemia estrema o la cosiddetta Febbre da zecca del Colorado, una grave infezione virale.