Come insegnare l’amore per gli animali ai figli

· 30 settembre 2018
Dimostrare coerenza tra quello che si dice e le proprie azioni è la migliore leva per innescare l'apprendimento attraverso l'emulazione. 

I genitori hanno l’obbligo di insegnare ai figli a rispettare la natura e ogni forma di vita. Per quanto piccola e insignificante possa sembrare. A partire dagli animali domestici, occorre ispirare e favorire l’amore per gli animali nei cuori di chi, un domani, prenderà le redini del nostro mondo. Ecco allora qualche consiglio utile per aiutarvi a far sviluppare ai bambini l’amore per gli animali.

L’amore per gli animali: come insegnarlo ai più giovani?

Ci sono cose che alle persone adulte sembrano logiche e persino ovvie. Ma che, ad un certo punto della vita, qualcuno ci ha mostrato ed insegnato ad apprezzare. Nel caso dell’amore per gli animali, è un’abitudine che deve essere coltivata sia dai primissimi anni di età. Se avete già dei bimbi dentro casa o siete in dolce attesa ecco 5 passi da seguire per farli crescere nel pieno rispetto della natura e dell’ambiente:

1. Date il buon esempio

È molto importante, come primo passo, che i vostri figli vi vedano fare ciò che volete che facciano. Non potete dire loro di amare gli animali se maltrattate un cane per strada o spruzzate litri di DDT per liberarvi di una singola falena notturna…

Dimostrare coerenza tra quello che si dice e le proprie azioni è la migliore leva per innescare l’apprendimento attraverso l’emulazione. Quando si tratta di amore per gli animali, i bambini dovrebbero vedervi trattare con attenzione e premura qualsiasi essere vivente. Partendo dagli animali domestici, fino a quelli selvatici, gli insetti, gli uccelli, i pesci… Tutti quelli con cui avrete la fortuna di imbattervi.

Bambina con coniglio

2. Scacciate le paure

Oltre a educare i propri figli a rispettare e convivere positivamente, e pacificamente, con gli animali, è di fondamentale importanza anche scacciare possibili sensazioni ed emozioni negative. Ad esempio, se avete paura di un ragno e, di fronte a vostro figlio, urlate quando ne vedete uno, è probabile che anche lui sviluppi una certa fobia.

È essenziale lavorare su voi stessi, per controllare gli impulsi e poter fare in modo che le vostre paure, i vostri piccoli traumi, non ricadano né coinvolgano la personalità così malleabile e influenzabile dei piccoli di casa.

3. Lasciategli la libertà di sperimentare

Un altro modo per favorire l’amore per gli animali nei vostri figli è permettere loro di prendere contatto con questi straordinari esseri viventi. Senza dare informazioni sbagliate né “suggerire” timori ingiustificati. Prendete delle semplici precauzioni, osservando magari in anticipo il possibile comportamento di un cane o gatto particolarmente scontroso o aggressivo.

Portate all’aria aperta i vostri bambini, suscitate la loro curiosità, facendogli apprezzare anche gli insetti più piccoli e altri animali insoliti. Formiche, lumache, rane, lucertole. Insegnateli come avvicinarsi al cane di un vicino, chiedendogli il permesso, facendosi annusare la mano e gestendo il contatto con tranquillità.

Ma attenzione, non stiamo parlando di portarli allo zoo e vedere gli animali rinchiusi in gabbie che ricreano un habitat falso e artificiale. Alcuni genitori credono che questo abbia una qualche valenza didattica. Al contrario, il messaggio che passa è un altro: l’uomo ha il dominio su tutto e può controllare qualsiasi specie. Persino tigri e delfini.

Bambino nutre due coniglietti

4. Insegnate loro ad essere responsabili

Se a casa avete degli animali domestici, i bambini possono certamente partecipare nella loro cura e manutenzione. Ovviamente con compiti proporzionati alla loro età. Cose semplici come riempire la ciotola dell’acqua, pulire i rifiuti o mettere il guinzaglio per andare al parco, possono essere il primo passo per insegnare a vostro figlio a saper gestire le sue prime responsabilità.

Crescendo, potrete gradualmente aumentare questi compiti. Una passeggiata al parco, la visita dal veterinario, fare il bagno all’animale, pulire la cuccia o la lettiera, aspirare il pavimento per rimuovere i peli, ecc.

5. Sfruttate la leva del divertimento

La cultura di massa offre notevoli spunti positivi nel rapporto tra bambini e Regno Animale. I cartoni animati possono insegnare molto, instaurando semplici concetti di affetto e rispetto, ogni giorno. Una volta che il film o il cartone animato è finito, potete sfruttare l’occasione per parlare con vostro figlio della sua trama, stimolando il suo punto di vista critico.

Forse è superfluo citarli, ma ci sono moltissimi film d’animazione che potrete vedere assieme: Alla ricerca di Nemo, l’Era glaciale, la Terra degli orsi, Madagascar. A questi potrete aggiungere documentari realizzati da famose case di produzione, in tutto il mondo.

Anche i video su Internet possono essere di grande aiuto, sempre che siano scelti e riprodotti sotto la vostra supervisione. E, naturalmente, ci sono sempre libri che includono fotografie o immagini per conoscere diverse specie di ecosistemi remoti come il Polo Nord, la giungla o il deserto.