L'alimentazione di un cane che soffre di dermatite atopica canina

Il cibo gioca un ruolo fondamentale quando si tratta della cura di qualsiasi tipo di malattia o allergia nei cani.
L'alimentazione di un cane che soffre di dermatite atopica canina

Ultimo aggiornamento: 13 aprile, 2022

Le dermatiti sono patologie frequenti negli animali di piccole dimensioni. Influiscono sia sul loro benessere che sulle dinamiche familiari. All’interno di questo gruppo, una delle più comuni è la dermatite atopica canina, considerata difficile da diagnosticare e trattare.

Il cibo gioca un ruolo fondamentale nella cura di un cane affetto da questa malattia, che è la principale causa di consulto dermatologico tra il primo e il terzo anno di vita, anche se nei cuccioli fino a 6 mesi sta diventando sempre più comune.

Cos’è la dermatite atopica canina e da cosa è provocata?

Secondo la ricerca, i cani e gli esseri umani sono gli unici animali a sviluppare la dermatite atopica. Si tratta di una malattia infiammatoria della pelle caratterizzata da intenso prurito, secchezza, gonfiore e sudorazione.

La dermatite atopica canina (DAC) è la malattia della pelle che si manifesta più spesso nei cani, come affermato dal laboratorio Virbac. È una predisposizione genetica a presentare ipersensibilità e risposte allergiche al contatto con allergeni alimentari o sostanze comuni nell’ambiente come pollini, acari della polvere e muffe, tra gli altri.

Questa reazione dipende da molteplici fattori come la genetica del cane, gli stimoli ambientali, che possono essere influenzati dai cambiamenti climatici, e il sistema immunitario.

Un dalmata che guarda la telecamera.

Sintomi

Questa malattia allergica si manifesta attraverso prurito su viso, orecchie, pancia e può interessare diverse regioni della pelle a causa del continuo grattarsi, che provoca lesioni e infezioni. Ecco perché è importante identificarla, al fine di diagnosticare e curare il disagio del cane. Altri segni sono:

  • Prurito cronico in diverse parti della pelle.
  • Pelle arrossata.
  • Papule o piccole zone gonfie e arrossate.
  • Pochi peli nell’area in cui il cane si è grattato e cambiamenti nel colore della pelle.
  • Otite o infiammazione delle orecchie.

Un cane con dermatite atopica presenterà generalmente alcuni di questi sintomi in zone come l’inguine, l’addome, il perineo e l’interno delle orecchie. Inoltre, questa condizione tende a comparire in razze come il bulldog francese, il West Highland White Terrier, lo Shar Pei, il Boxer, il Bulldog inglese, il dalmata, il Golden retriever, il Bull terrier, il pastore tedesco e lo springer spaniel inglese.

In che modo il cibo può influire?

La dermatite atopica canina è una malattia cronica e incurabile secondo gli esperti, ma si possono adottare delle misure per migliorarne i sintomi. Questo è il motivo per cui il cibo è fondamentale, in quanto fare attenzione a questo aspetto risparmierà molte sofferenze al vostro cane.

Nel caso dei cani con dermatite atopica, l’alimentazione aiuta a mantenere la salute della pelle, in quanto diversi tipi di nutrienti possono rivelarsi essenziali per un notevole miglioramento.

Dare al vostro amico una dieta specifica per curare la DAC aiuterà a ridurre i sintomi e porterà molti benefici, come ad esempio:

  • Riduzione dell’irritazione nelle aree interessate.
  • Migliore qualità e aspetto del pelo.
  • Maggiore protezione contro le infezioni e la penetrazione di allergeni.
  • Riduzione dell’infiammazione intestinale.
  • Riduzione del cattivo odore causato dalla dermatite.

Come scegliere un buon mangime per cani affetti da dermatite atopica?

Un fattore molto importante da tenere in considerazione quando si sceglie il cibo per il vostro cane è che contenga una grande quantità di acidi grassi omega 3. Questi componenti naturali degli oli e grassi sono molto utili per la protezione della pelle del vostro cane.

Altro punto fondamentale è la percentuale di proteine di qualità presente nei croccantini, poiché rappresentano circa il 95% della struttura del pelo. Si consiglia un minimo di 25-30% di proteine, che potrete verificare nella tabella nutrizionale della confezione.

Queste proteine devono inoltre essere facilmente digeribili, avere un apporto di aminoacidi ed essere povere di carboidrati, dal momento che dalla qualità dipenderanno il colore e la durezza del pelo. È inoltre essenziale che i croccantini e il cibo per il vostro cane affetto da dermatite atopica non contengano allergeni come mais, grano, glutine, soia, uova, pesce e latticini.

È molto importante tenere conto di questi suggerimenti quando date da mangiare al vostro cane, ma è ancora più importante chiedere il consiglio di un veterinario. Esistono anche croccantini speciali per il trattamento di questa condizione.

Come gestire il cambio del cibo?

Cane che mangia crocchette

Vi è qualche controversia sul rapporto tra cibo e dermatite atopica canina, poiché alcuni cani con questa condizione subiscono delle riacutizzazioni se esposti a determinati alimenti. Pertanto, secondo studi professionali, tutti i cani con dermatite atopica non stagionale dovrebbero essere sottoposti a uno o più test alimentari per determinare se degli allergeni alimentari stanno contribuendo ai sintomi della dermatite.

Il metodo migliore per identificare l’allergia a determinati alimenti è osservare il miglioramento dei segni clinici della DAC quando l’animale viene nutrito tramite una nuova dieta proteica. Quindi osservate se i sintomi ricompaiono i quando riesposto a un alimento che assumeva precedentemente.

Per evitare disagi gastrointestinali nei primi giorni di introduzione della nuova dieta, è consigliabile mescolare il vecchio e il nuovo cibo in egual misura e aumentare gradualmente la quantità del nuovo per completare il passaggio.

L’alimentazione del vostro cane è essenziale, sia per prevenire condizioni come questa sia per curarle e aiutare a rendere più sopportabili molti disagi che impedirebbero al cane di godersi la vita.

Potrebbe interessarti ...
Cosa fare se diagnosticano un cancro al vostro cane
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Cosa fare se diagnosticano un cancro al vostro cane

I dati suscitano scalpore: una volta raggiunti i dieci anni, circa la metà dei cani corre il rischio di morire a causa del cancro.