L'avena fa bene ai gatti?

La farina d'avena fa bene ai gatti purché venga somministrata nella giusta quantità e preparata con alcune precauzioni. Scoprite qui come offrirla al vostro felino in sicurezza.
L'avena fa bene ai gatti?

Ultimo aggiornamento: 07 novembre, 2021

Sempre più compagni umani scelgono diete casalinghe per i loro animali, in quanto è un modo per evitare sottoprodotti indesiderati e per personalizzare l’alimentazione dell’animale in base alle sue esigenze individuali. Tuttavia, ciò richiede l’acquisizione di informazioni affidabili. In questo articolo raccoglieremo delle informazioni sulla farina d’avena come ingrediente nella dieta dei gatti.

Come ogni alimento, l’avena ha benefici per la salute, ma bisogna tenere presente che l’apparato digerente dei gatti è specializzato nella digestione di proteine di origine animale. Per questo motivo (e per l’eventuale esistenza di un’intolleranza o allergia all’avena), di seguito vi spiegheremo come inserire questo cereale nella dieta del vostro felino in modo sicuro.

Cos’è l’avena?

Nel linguaggio comune, il cereale prodotto dalla famiglia delle piante erbacee delle Poaceae si chiama “avena”, nello specifico 2 specie: Avena sativa e Avena bizantina. Entrambe vengono ampiamente coltivate per l’alimentazione sia dell’uomo che degli animali.

L’avena è considerata una pianta della stagione fredda, sebbene non tolleri le temperature estreme (sia calde che ghiacciate). Si semina all’inizio della primavera per essere raccolta a fine estate. È il settimo cereale più coltivato al mondo, con 21.062.972 tonnellate raccolte all’anno in tutto il mondo.

avena

Questo cereale fa bene ai gatti?

La farina d’avena contiene una grande quantità di proteine, grassi vegetali, vitamine e fibre. Per darvi un’idea delle sue proprietà, ecco i valori nutrizionali per ogni 100 grammi di avena:

  • Calorie: 389 chilocalorie.
  • Grassi totali : 6,9 grammi.
  • Colesterolo: non ne contiene.
  • Carboidrati: 66,3 grammi.
  • Vitamina B5: 1349 milligrammi.
  • Calcio: 54 milligrammi.
  • Magnesio: 177 milligrammi.
  • Fosforo: 523 milligrammi.
  • Potassio: 429 milligrammi.

Per tutto questo, l’avena è un buon ingrediente da aggiungere alla dieta di un felino. Tuttavia, e come accennato in precedenza, il corpo di un gatto non elabora bene i cibi vegetali, quindi la quantità offerta deve essere moderata per non causare problemi nutrizionali.

D’altra parte, dovreste sapere che l’avena contiene glutine. Non quanto il grano, ma comunque una quantità sufficiente a causare reazioni avverse alla salute se il gatto è intollerante o allergico a questo cereale.

I gatti sono animali rigorosamente carnivori, ma metabolizzano bene i cereali.

Benefici dell’avena per i gatti

Perché includere questo cereale nella dieta di un animale carnivoro? Sebbene non possa diventare la base della sua dieta, questo alimento ha nutrienti molto benefici per la salute del felino se introdotto nella giusta quantità. Ecco i suoi vantaggi più importanti:

  1. Le proteine contenute nell’avena sono di alto valore biologico: cioè l’organismo del gatto può trarne vantaggio e ricavare energia da questo cereale con relativa facilità.
  2. Migliora l’aspetto della pelle e del pelo: contiene vitamine del gruppo B (come l’acido folico) e minerali come ferro e manganese. Aggiunge lucentezza al pelo del gatto e previene i problemi della pelle.
  3. Il suo alto contenuto di fibre regola il colesterolo e la glicemia: l’avena viene spesso inserita nelle diete dei gatti diabetici proprio per questo motivo.
  4. È ricca di acido folico e biotina: questi 2 nutrienti partecipano alla produzione dei globuli rossi, all’assimilazione del ferro e all’ossigenazione dei tessuti.
  5. Previene stitichezza, diarrea e gas: ancora una volta, la fibra è responsabile di questo processo. Può essere utilizzata anche quando compaiono problemi digestivi come rimedio casalingo.
  6. L’avena ha un lieve effetto calmante: è un buon complemento per il trattamento e la prevenzione dello stress o dei disturbi d’ansia nei gatti.
  7. È saziante: la fibra di questo cereale crea una sensazione di sazietà, in quanto si gonfia molto con i liquidi. Per questo è consigliato nelle diete per gatti in sovrappeso.

Come offrire l’avena a un gatto?

Se avete assaggiato l’avena, saprete che non ha un sapore esattamente forte. La stessa cosa viene provata dai gatti: non è facile per loro accettarla nella dieta, poiché offerta cruda risulta poco attraente e difficile da digerire.

Pertanto, il modo migliore per includere l’avena nella dieta di un gatto è cuocerla per 5-6 minuti in acqua. Poi, potete lavorarla sotto forma di porridge per mescolarlo con il resto degli ingredienti o con il mangime. Se il gatto accetta bene l’avena e non ha problemi di masticazione (come i cuccioli o gli anziani), potete metterla semplicemente cotta e senza schiacciarla.

Alcune persone mettono a bagno l’avena nel latte invece che nell’acqua. Non fatelo: i gatti non sono in grado di elaborare il lattosio contenuto nel latte vaccino perché non hanno determinati enzimi digestivi, quindi finiranno per avere problemi digestivi.

Non aggiungete dolcificanti o zucchero alla miscela. Alcune spezie eccezionali (come la curcuma e la cannella) possono essere aggiunte al porridge d’avena e sono benefiche per la salute del gatto. Questo è anche il caso di erbe come il rosmarino o la menta.

Tutti commettono errori quando addestrano il loro gatto.

La quantità di avena che il vostro gatto può mangiare è una cifra che solo il veterinario può indicarvi, così come la proporzione di altri ingredienti nella dieta casalinga. Sebbene questo cereale faccia bene ai gatti, ricordate che uno squilibrio nutrizionale può avere gravi conseguenze per la loro salute.

Potrebbe interessarti ...
Il miele fa bene ai gatti?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Il miele fa bene ai gatti?

Sebbene il miele abbia grandi proprietà medicinali, è sicuro che i gatti lo consumino? Fornisce i benefici necessari al suo corpo?



  • de la Nutrición, F. E. (2017). Datos actuales sobre las propiedades nutricionales de la avena. España: Fundación Española de Nutrición. Recuperado de https://www. fen. org. es/storage/app/media/PUBLICACIONES202017.
  • ZENTEK, J., & Freiche, V. (2006). Patologías digestivas en el gato: papel de la nutrición. Biourge V.; Elliott, D. Enciclopedia de la nutrición clínica felina. Royal Canin, 77-137.
  • Roa Vanegas, E. R. Fisiopatología de la obesidad en el gato doméstico. Departamento de Ciencias Fisiológicas.