La giardiasi nei cani: di cosa si tratta?

· 17 marzo 2018

La giardiasi è una malattia che colpisce frequentemente i cani. E’ una cellula chiamata giardia quella che provoca questa patologia, che si presenta nelle villosità intestinali impedendo l’assorbimento degli alimenti e causando un’infezione all’intestino tenue. 

La giardia si deposita generalmente nel duodeno, dove si riproduce e si alimenta finché l’intestino tenue non inizia il processo di disidratazione. Prima di essere eliminata forma una ciste che gli animali espellono attraverso le feci, una materia che si converte in una trasmettitrice della malattia.

Quando un altro cane ingerisce una ciste, questa si apre quando arriva nell’intestino, ed inizia nuovamente il ciclo riproducendosi. La giardia si duplica in maniera simile ai batteri.

cane che fa i bisogni

In poco tempo possono apparire milioni di parassiti a partire da una sola ciste, i quali possono essere visti solo analizzando le feci al microscopio.

Individuazione e diagnosi precoce

La giardiasi  nei cani è un’infezione che generalmente non viene individuata a tempo debito per il fatto che nelle prime fasi non presenta sintomi. Tuttavia, una volta che la malattia avanza, i segnali più evidenti sono la diarrea e il dimagrimento, nei casi cronici.

L’ingestione di una o di più cisti può causare questo disturbo. Dato che vengono eliminate ciclicamente, per individuare i sintomi è necessario esaminare molti campioni di feci.

Ciò significa che la materia fecale di un campione può contenere o no la cellula; allo stesso modo, l’analisi può risultare un giorno negativa e quello seguente positiva.

La giardiasi si trasmette sia per contatto diretto cane a cane, sia tramite gli alimenti e l’acqua. In molte occasioni la sua azione patogena viene rafforzata dalla comparsa di batteri, di funghi e di virus, che aggravano i sintomi clinici e la severità della malattia.

cuccioli che mangiano nel prato

Questa patologia può causare danni permanenti all’intestino e agli organi interni. Allo stesso modo, sono stati riscontrati anoressia, vomito e disturbi neurologici nei cani che hanno subito dei trattamenti prolungati.

Cosa fare una volta che la giardiasi è stata diagnosticata?

Una volta che la malattia è stata individuata, si devono prendere delle misure per eliminarla velocemente e per impedire che si propaghi. Una delle prime azioni da compiere è fare il bagno all’animale. Dovete pulirgli bene la coda, poiché è il luogo in cui alloggiano più frequentemente le cisti.

Una volta a settimana e finché la malattia non scompare del tutto, dovete pulire tutte le zone in cui passa il tempo il cane. Igienizzate anche le ciotole dell’acqua e del cibo.

cane che viene visitato dal veterinario

Se avete anche altri animali, fateli controllare. Allo stesso tempo, gli esami dal veterinario devono essere ripetuti una volta a settimana e un mese dopo dall’individuazione della malattia.

Come prevenire la giardiasi nei cani? 

Il cane può essere una fonte di infezione non solo per gli altri animali, ma anche per le persone che abitano con lui. Per questo, è importante tenere in considerazione delle misure preventive che puntino ad evitare che il cane contragga la malattia.

Visto che si tratta di una zoonosi, un’igiene regolare che garantisca la protezione degli abitanti della casa, soprattutto se ci sono dei bambini, è fondamentale.

Inoltre, non permettete al cane di bere dell’acqua sporca. Una soluzione è collocare la ciotola in un’aera in cui non riescano ad arrivare gli uccelli per farci i loro bisogni dentro.

Gli antiparassitari sono un buon metodo per prevenire questo tipo di infezioni; esistono molte opzioni sul mercato, dagli spray ai collari. Evitano la comparsa dei parassiti senza provocare effetti collaterali.