La malattia da graffio di gatto

24 Marzo 2019
Che ci crediate o no, il graffio del gatto può causare una malattia provocata dal contatto con dei batteri. In questo articolo, vi diamo dei consigli per impedire a voi o ai vostri figli di contrarla.

Per difendersi o mentre giocano, i felini “tirano fuori” i loro artigli retrattili e possono ferirci. Quando un gatto graffia, alcune persone potrebbero soffrire della nota “malattia da graffio di gatto”.

Nell’articolo di oggi parleremo proprio di questo: la malattia da graffio di gatto.

Cos’è la malattia da graffio di gatto?

Il suo nome scientifico è la bartonellosi ed è una malattia infettiva piuttosto rara causata da un batterio appartenente al genere Bartonella (in particolare Bartonella Henselae).

Dobbiamo tenere presente che, se un gatto è infetto da questo microrganismo, non presenterà alcun tipo di sintomo e che potrebbero esserci infezioni tra i gatti che vivono anche nella stessa casa.

La malattia causata dal graffio del gatto è di solito più frequente in autunno e in inverno, è riconosciuta come benigna e guarisce spontaneamente dopo alcuni giorni (di solito non richiede trattamenti specifici).

Questo problema è più comune nei bambini, poiché tendono ad essere un po ‘”bruschi” quando giocano con i loro animali domestici e, inoltre, perché la loro pelle è più sottile e il loro sistema immunitario è ancora in via di sviluppo.

La cosiddetta malattia da graffio di gatto fu scoperta nel 1889, ma fu studiata a fondo solo negli anni ’50.

Secondo la ricerca, i gatti trasportano l’agente infettivo nel sangue dopo essere stati morsi da parassiti o pulci o dopo essere stati a contatto con le feci di un gatto infetto.

I graffi del gatto

Il mezzo più probabile di trasmissione dei batteri della Bartonella henselae dai felini alle persone è attraverso la produzione di una ferita dovuta a un graffio.

Potrebbe essere contagiata anche con un morso. Pertanto, il microrganismo può essere presente sia negli artigli che nella bocca dell’animale.

Un’altra causa di infezione è entrare a contatto con le pulci del gatto, specialmente se ci mordono.

Ci sono anche casi di persone che sono state infettate ricevendo leccate su ferite, tagli o membrane mucose, come naso e occhi.

Quali sono i sintomi?

I principali sintomi di questa infezione si verificano localmente, nell’area in cui si è verificato il graffio. Sul luogo della lesione appare un leggero gonfiore o una vescica.

Il dolore e il gonfiore dei noduli linfatici, accompagnati da gonfiore (linfoadenopatia regionale), sono i sintomi secondari da tenere in considerazione.

In alcuni casi la persona potrebbe presentare febbre, dolori addominali, brividi, mal di testa o mal di schiena.

Nella maggior parte dei casi, la persona infettata da questa malattia guarisce in pochi giorni. Tuttavia, si deve tenere presente che la linfoadenopatia può persistere per più di un mese. Nei pazienti con problemi immunitari potrebbe portare a gravi complicazioni.

Ci sono alcuni test che possono aiutarci a rilevare la malattia da graffio di gatto, come un esame fisico per rivelare se c’è la milza ingrossata o una biopsia dei linfonodi.

Malattia provocata dal graffio del gatto

Una volta diagnosticata la malattia da graffio di gatto, non sempre viene prescritto un trattamento.

Questo perché non esiste ancora un trattamento specifico e anche perché gli anticorpi del corpo umano hanno dimostrato di essere in grado di affrontarla da soli.

Tuttavia, se un bambino presenta una zona molto infiammata o infetta, probabilmente gli verranno prescritte azitromicina o doxiciclina.

Naturalmente, la prevenzione è molto importante per evitare l’infezione di qualsiasi malattia che gli animali domestici o randagi possono contagiare.

Alcuni consigli per ridurre al massimo la possibilità di soffrire di questa patologia causata dal graffio di gatto sono:

  • Lavarsi le mani con acqua tiepida e sapone dopo aver giocato con un animale.
  • Disinfettare l’area con il sapone o con un prodotto specifico se il gatto vi ha morso o graffiato.
  • Giocare delicatamente per evitare morsi o graffi.
  • Non permettere all’animale di leccare ferite, cicatrici, bocca, occhi o naso.
  • Utilizzare un prodotto anti-pulci – può essere una pillola, una pipetta o un collare – per ridurre la diffusione dei parassiti che trasmettono la malattia.
  • Non toccare gatti di strada per evitare graffi o morsi.
  • Pulire bene gli oggetti personali del nostro animale domestico (giocattoli, lettiera, materasso o mangiatoia).

Sebbene la malattia da graffio di gatto non sia grave, dobbiamo stare attenti a non essere feriti dai nostri animali domestici e quindi evitare conseguenze indesiderate.

Rodríguez-Rodríguez, M., Rodríguez-Rosell, M. V., Blanco-Costa, M. I., & Rodríguez-Asensio, J. (2017). Enfermedad por arañazo de gato. Presentación de varios casos clínicos. Atencion Primaria. https://doi.org/10.1016/j.aprim.2016.02.010