La terza palpebra dei gatti

· 8 Febbraio 2019
Grazie a questa membrana, i felini proteggono i loro occhi da urti, sporco, particelle, batteri e altri microrganismi.

Al di là della loro indiscutibile bellezza, gli occhi dei gatti presentano alcune caratteristiche sorprendenti. Una di queste è la cosiddetta terza palpebra dei gatti, o membrana nittitante che, nella maggior parte dei casi, non è visibile.

In questo articolo, vi forniamo alcuni dettagli sulla terza palpebra di gatti.

Informazioni utili sulla membrana nittitante dei gatti

Grazie a questo tipo di “tessuto invisibile”, chiamata anche palpebra tertia, i gatti mantengono gli occhi ben protetti da traumi, sporco e particelle indesiderate.

Inoltre, la membrana nittitante produce le lacrime e le altre sostanze che aiutano a combattere i batteri e i microrganismi.

Se osservate con attenzione, potreste riuscire a intravedere la terza palpebra del gatto nel momento in cui sta per addormentarsi. Se spiate lo spazio tra le due palpebre, vi accorgerete che c’e un tessuto bianco che si apre e che, quando il gatto è sveglio, appare a malapena nell’angolo interno dell’occhio.

Tuttavia, che questa membrana rimanga per lo più invisibile è un buon segno. Se inizia ad apparire più del normale, è sicuramente un segno che qualcosa non va nella vista del vostro amico a 4 zampe.

I gatti hanno una terza palpebra che mantiene i loro occhi ben protetti e che, in generale, non è visibile. Ma la cosiddetta membrana nittitante si “manifesta” quando i gatti soffrono di qualche trauma oculare o sono gravemente ammalati.

la membrana nittante

Quando preoccuparsi della terza palpebra

La terza palpebra dei gatti può comparire in uno o in entrambi gli occhi. Nel primo caso, è molto probabile che l’animale abbia subito un infortunio o abbia un oggetto estraneo nel bulbo oculare.

Se la membrana nittitante sporge da entrambi gli occhi, invece, è molto probabile che il gatto sia malato. La visibilità della terza palpebra può essere un simbolo di molteplici disturbi, da una semplice congiuntivite fino a malattie più gravi.

In entrambi i casi, una visita urgente al veterinario aiuterebbe a determinare la causa del problema e indicare il trattamento appropriato.

Ricordate che prima si agisce, maggiori saranno le possibilità di un rapido recupero.

Le malattie legate alla terza palpebra nei gatti

Come abbiamo sottolineato, ci sono varie malattie che possono far sì che la palpebra tertia faccia la sua comparsa. Tuttavia, non tutte sono relazionate con gli occhi del gatto. Tra queste:

  • Congiuntivite. In queste circostanze, noterete anche gonfiore, lacrimazione e arrossamento degli occhi.
  • Sindrome di Haw. La membrana nittitante appare quando l’animale soffre, o ha appena sofferto, un problema intestinale (come diarrea o parassiti).
  • Cancro. Sfortunatamente, questo tessuto può essere influenzato dalle cellule tumorali.
gattino viene accarezzato

D’altra parte, la terza palpebra appare anche se il gatto soffre di significativa disidratazione. In questo caso, è più che probabile che l’animale sia affetto da una grave patologia, come l’insufficienza renale.

Inoltre, alcune razze hanno una predisposizione genetica che fa sì che questa membrana fuoriesca dai loro occhi, causando disagio. Succede, per esempio, nel caso del gatto birmano.

I trattamenti da seguire

Come potete vedere, le cause per cui questa membrana occupa più spazio di quanto dovrebbe nell’occhio del vostro gatto sono varie. Per questo motivo, le soluzioni sono anch’esse diverse.

Nei casi più semplici, l’applicazione di un collirio sarà sicuramente una soluzione più che sufficiente. Talvolta, dovranno essere somministrati alcuni farmaci, mentre nei casi più seri, potrebbe essere necessaria la chirurgia.

L’importante è stare sempre attenti al vostro gatto per rilevare qualsiasi anomalia e intervenire in tempo con l’aiuto del veterinario.