Le patologie canine più contagiose

Conoscere le patologie canine più contagiose permette di prevenirle. Dopo tutto, i nostri animali domestici non possono riferirci i sintomi che accusano. 
 

Chiunque abbia un cane deve assolutamente conoscere le patologie canine più contagiose. Solo a partire dalle opportune informazioni è possibile agire nel giusto modo per garantire il miglior stato di salute dei propri animali domestici.

La medicina avanza di continuo, e questo vale sia per gli umani sia per gli animali. Questo significa che molte patologie non sono più frequenti come lo erano in passato.

Nonostante questo, dobbiamo essere consapevoli di tutte le malattie a cui possono essere esposti i nostri animali, per esempio nel parco in cui li portiamo a spasso, nella pensione in cui li lasciamo quando andiamo in vacanza o in altri posti.

Le patologie canine più contagiose

1. Cimurro

Si tratta di una malattia virale delle vie respiratorie, è considerata la prima causa di morte per malattia infettiva nei cani. Il virus che la causa appartiene alla stessa famiglia del virus del morbillo, i Paramyxovirus. Sebbene esista un vaccino contro questo virus, il cimurro a oggi non è stato ancora eradicato e continua a rappresentare un rischio latente.

Questa malattia viene trasmessa attraverso le secrezioni corporee. Provoca malessere gastrointestinale, problemi alle vie respiratorie superiori e in seguito colpisce il sistema nervoso, motivo per cui il cane potrebbe soffrire di convulsioni e morire.

 

2. Parvovirosi canina

Nella lista delle patologie canine più contagiose non può mancare la parvovirosi. Questa malattia virale è molto grave e a rapido decorso, presentando un tasso di mortalità del 90% nei cani che non vengono trattati. Per fortuna, esiste un vaccino altamente efficace.

Questa infezione causa intensa diarrea, vomito e rigurgito, condizione che può provocare disidratazione e condurre l’animale alla morte. Il virus si trasmette per via orale, attraverso la trasmissione fecale oppure orale.

3. Influenza canina

Questa malattia è causata dal virus dell’influenza canina H3N8. Si propaga in modo molto simile all’influenza umana, tramite la tosse e gli starnuti.

Cane malato sdraiato

Al giorno d’oggi, per fortuna, si tratta di una malattia controllata. Si presenta nei rifugi di animali e non nella popolazione in generale. Esiste il vaccino, che in genere viene somministrato alla popolazione a rischio.

4. leptospirosi tra le patologie canine più contagiose

Questa patologia, nota anche come febbre da campo, è di natura batterica; si trasmette tramite il contatto con le urine di esemplari infetti. Bisogna sottolineare che si tratta di una malattia che può essere contagiata agli umani.

 

Il microrganismo infetta prima di tutto le mucose o le ferite cutanee, per poi passare al sangue, una fase che può durare da 4 a 12 giorni. In seguito, invade il tessuto epiteliale dei reni e il parenchima epatico.

La leptospirosi è una malattia che può manifestarsi in forma acuta o cronica. Si tratta con farmaci antibiotici e i suoi sintomi variano da un esemplare all’altro, ma possono includere febbre, vomito, sete, ittero e minzione frequente o, viceversa, assenza di minzione.

5. Herpes virus canino (CHV)

È una malattia virale. L’infezione può essere mortale nei cuccioli, ma può colpire cani di qualsiasi età. Questo virus può stabilire la latenza, dunque il cane può presentarlo durante tutta la sua vita.

È comune negli allevamenti, dove numerosi esemplari risultano positivi agli esami pur non avendo accusato sintomi maggiori; il virus può essere contagiato ad altri cani tramite le vie aeree e la bocca, così come per via transplacentare e venerea.

I cani anziani possono avere febbre lieve o problemi respiratori, in caso contrario l’herpes potrebbe passare inosservato.

Nel Regno Unito è disponibile il vaccino contro l’herpes virus canino. Si raccomanda di prevenire l’infezione nei cuccioli appena nati mantenendoli al caldo.

Vaccinazioni per i cani

6. Rabbia tra le patologie canine più contagiose

La rabbia è una malattia virale ben nota e le vaccinazioni sono così efficaci che è comune dimenticare che si tratta di una patologia mortale. È importante ricordare che la rabbia è altamente contagiosa per gli esseri umani, ragion per cui bisogna fare attenzione e assicurarsi di sottoporre gli animali alle dovute vaccinazioni.

La malattia viene trasmessa all’essere umano attraverso il morso di un animale infetto; per quanto riguarda i cani che si trovano a contatto con animali selvatici, corrono un rischio maggiore.

Ricordiamo che se un cane morde una persona, e non vi sono prove che l’animale sia stato vaccinato contro la rabbia, potrebbe risultare necessario sottoporlo a un periodo di quarantena o persino all’eutanasia.

  • Islam, M. R., Islam, M. A., Rahman, M. S., Uddin, M. J., Sarker, M. A. S., Akter, L., & Alam, E. (2014). Prevalence of canine parvovirus infection in street dogs in Mymensingh Municipality area, Bangladesh. Microbes and Health, 3(1), 5-6.
  • Lloyd, D. H., Campus, H., & Mymms, N. (2007). Pets: contagious companions. In Proceedings (pp. 23-25). Austria: International Society for Infectious Diseases. http://beta.isid.org/events/archives/IMED2007/Downloads/presentations/IMED2007_Lloyd.pdf
  • Mochizuki, M., Yachi, A., Ohshima, T., Ohuchi, A., & Ishida, T. (2008). Etiologic study of upper respiratory infections of household dogs. Journal of Veterinary Medical Science, 70(6), 563-569.