Lo stato di conservazione dello sciacallo dorato

15 Agosto 2019
Lo sciacallo dorato è un animale altamente socievole, le cui abitudini da cacciatore in passato gli hanno fatto guadagnare una cattiva reputazione. Scopriamo insieme questo animale europeo, che ha iniziato a riprodursi rapidamente solo da alcuni decenni

Lo sciacallo dorato, noto anche come Canis aureus, è una delle specie di canidi più diffuse a livello globale. Lo stato di conservazione dello sciacallo dorato è stato oggetto di analisi da parte di molti studiosi ed attualmente è presente in molte aree dell’Europa e dell’Asia meridionale.

L’espansione della specie – attualmente in corso – nel territorio europeo ha destato preoccupazione da parte di ricercatori, ambientalisti e residenti. Questa preoccupazione è centrata sui possibili effetti negativi che la sua presenza potrebbe avere sulla sopravvivenza di altre specie selvatiche, principalmente a causa della sua natura di predatore.

Oggi c’è molta incertezza riguardo alle politiche di conservazione da adottare nei confronti dello sciacallo dorato.

Per questo motivo, è stato necessario chiarire le origini di questo animale. Lo sciacallo dorato era assente in gran parte dell’Europa fino al XIX secolo, quando iniziò ad espandersi lentamente.

Le dinamiche della sua distribuzione cambiarono repentinamente alla fine del 20° secolo, quando la specie iniziò ad espandersi a ritmi molto veloci in Europa. Vediamo insieme lo stato di conservazione dello sciacallo dorato.

Habitat, riproduzione e ciclo vitale dello sciacallo dorato

Lo sciacallo dorato è la specie più diffusa di sciacalli. Lo sciacallo col dorso nero delle savane dell’Africa orientale predilige i campi aperti, le praterie aride e i paesaggi della steppa. Essendo animali da caccia, hanno molta energia.

Per quanto riguarda la sua riproduzione, questa specie vive in coppia ed è rigorosamente monogama. Nella maggior parte delle famiglie di sciacalli, ci sono uno o due membri adulti chiamati “aiutanti”.

Gli aiutanti sono sciacalli che rimangono con i genitori per un anno dopo aver raggiunto la maturità sessuale, senza riprodursi, per aiutare a prendersi cura della prossima cucciolata. Le cucciolate possono essere costituite da uno a nove cuccioli.

Cuccioli di sciacallo dorato guardano fuori dalla tana.

Il periodo di gestazione è di 63 giorni, il peso alla nascita è compreso tra 200 e 250 grammi e i cuccioli vengono allattati al seno per circa otto settimane. Entrambi i genitori forniscono cibo e protezione. Secondo alcuni studi, la maturità sessuale viene raggiunta ad 11 mesi e possono vivere in cattività per 16 anni.

Gli sciacalli sono onnivori, quindi non mangiano esclusivamente carne. In effetti, gli sciacalli dorati consumano il 54% di alimenti di origine animale e il 46% di alimenti di origine vegetale.

Mangiano grandi prede come giovani gazzelle, ma anche piccole prede, come roditori, lepri, uccelli e le loro uova, rettili, rane, pesci, insetti e frutti. A volte mangiano carogne.

L’importanza economica dello sciacallo per l’uomo

Gli sciacalli dorati svolgono un ruolo piuttosto importante nella piramide alimentare, poiché mangiano immondizia, resti e carogne. Inoltre, favoriscono l’agricoltura evitando il proliferare di roditori.

Quando lo sciacallo dorato viene allevato in cattività, può essere domato. Si comporterà in modo molto simile a un cane, tranne per il fatto che rimarrà diffidente davanti agli estranei e non si lascerà accarezzare.

Tuttavia, lo sciacallo dorato può influire negativamente sulla vita degli umani, attaccando le colture ed i greggi di pecore. Inoltre, essendo un animale selvatico che tende a cacciare, potrebbe provocare la diffusione della rabbia.

Uno sciacallo prende una preda.

Lo stato di conservazione dello sciacallo dorato

Lo sciacallo dorato prevale in Europa e lì non si trova in pericolo. Secondo le categorie e i criteri della lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), è considerata una sorta di “preoccupazione minore”.

Tuttavia, lo sciacallo dorato è stato dichiarato una specie insolita e potenzialmente invasiva in tutti gli stati baltici. Lo stato di conservazione dello sciacallo dorato richiede un’attenta revisione. Una specie, per essere considerata aliena invasiva (IAS), deve soddisfare almeno tre criteri:

  • Non essere nativa, bensì alloctona, cioè introdotta dall’uomo.
  • Essere una minaccia per la biodiversità a livello locale.
  • Presentare una rapida crescita della sua popolazione.

Sebbene in alcune zone sia stato osservato un aumento esponenziale della popolazione di sciacalli dorati, come ad esempio in Ungheria, gli altri due criteri non sono vengono soddisfatti.

Lo sciacallo dorato è una specie pericolosa?

L’espansione dello sciacallo dorato nel nord Europa è risultato di una migrazione naturale. Inoltre, non vi sono prove di eventuali effetti dannosi sulla fauna locale.

Canis aureus è il nome latino dello sciacallo dorato

Si ritiene che i rapporti occasionali sulla caccia del bestiame da parte degli sciacalli siano spesso esagerati. Inoltre, potrebbero essere correlati a un errore di identificazione.

Per quanto riguarda i rischi per la salute, recenti studi indicano che il carico di parassiti nello sciacallo dorato europeo è simile o inferiore a quello di altri carnivori, come la volpe rossa e il lupo grigio, presenti nella regione. Né sono noti attacchi da parte dello sciacallo dorato contro le persone.

Per questi vari motivi, le preoccupazioni relative ai gravi impatti negativi dell’espansione dello sciacallo dorato in Europa sembrano piuttosto infondate.

Quali misure dovrebbero essere prese?

L’espansione dello sciacallo dorato in vasti territori sembra giustificare l’avvio di un’azione internazionale incentrata sulla gestione delle specie in Europa. Varie agenzie hanno suggerito che è tempo di sviluppare strategie e documenti di gestione transnazionali.

Queste strategie sarebbero simili alla gestione sviluppata nel caso dei grandi carnivori d’Europa. Lo sciacallo dorato è elencato come specie dell’allegato V nella direttiva Habitat dell’UE. Pertanto, deve essere legalmente protetto in tutti gli Stati membri dell’UE. Dunque, infrangere questa regola avrà delle implicazioni legali.

  • Trouwborst, A., Krofel, M., & Linnell, J. D. (2015). Legal implications of range expansions in a terrestrial carnivore: the case of the golden jackal (Canis aureus) in Europe. Biodiversity and Conservation, 24(10), 2593-2610.
  • Macdonald, D. W. (1979). The flexible social system of the golden jackal, Canis aureus. Behavioral Ecology and Sociobiology, 5(1), 17-38.
  • Giannatos, G., Marinos, Y., Maragou, P., & Catsadorakis, G. (2005). The status of the golden jackal (Canis aureus L.) in Greece. Belgian Journal of Zoology, 135(2), 145.
  • Yom-Tov, Y., Ashkenazi, S., & Viner, O. (1995). Cattle predation by the golden jackal Canis aureus in the Golan Heights, Israel. Biological Conservation, 73(1), 19-22.