Malattie che i rettili possono trasmettere all'uomo

03 dicembre, 2020
I rettili sono diventati popolari come animali domestici: sono colorati, calmi e generalmente facili da accudire. Ma sapevate che possono trasmettere delle malattie alle persone?

Oggi molta gente sceglie di avere un rettile come animale domestico. Ce ne sono moltissimi: camaleonti, iguane, gechi, draghi barbuti, tartarughe marine e d’acqua dolce. C’è anche chi sceglie rettili più grandi, come i serpenti, i coccodrilli e gli alligatori. Tuttavia, bisogna stare attenti, perché i rettili possono trasmettere germi e malattie anche gravi agli esseri umani.

Questo vale soprattutto per bambini piccoli, donne incinte, anziani e persone che soffrono di malattie gravi come il cancro. In questo articolo, vi diremo quali sono le malattie che i rettili possono trasmettere all’uomo.

Malattie che i rettili possono trasmettere all’uomo

Tutti i rettili trasportano una varietà di germi, inclusi batteri, virus, parassiti e vermi. Molti di questi possono essere trasmessi al padrone e alla sua famiglia. Le malattie più frequenti sono:

Salmonellosi

La Salmonella si trova comunemente in tutti i tipi di rettili e può essere trasmessa agli esseri umani quando viene inserito in bocca qualcosa di contaminato con le feci dei rettili. Ad esempio, i bambini possono contrarre la Salmonella bevendo da un biberon di latte artificiale contaminato.

L’infezione da Salmonella provoca diarrea, mal di testa, febbre e crampi allo stomaco. Può anche causare setticemia (avvelenamento del sangue). La disidratazione può essere grave. Ogni anno si registrano in media 450 casi di salmonellosi: il 15% di questi è legato al contatto con dei rettili.

Uomo che tocca un'iguana.


Botulismo

Il botulismo è una malattia grave e potenzialmente mortale causata da una tossina rilasciata dal batterio Clostridium, che causa paralisi e morte. Il Clostridium si trova nell’ambiente, compreso il suolo e il fango.

Gli animali che vivono vicino al suolo spesso sono contaminati da questo batterio. Il Clostridium contamina comunemente i rettili, soprattutto quelli acquatici. Gli adulti e gli adolescenti riescono a contrastare le spore, ma i bambini di età inferiore a un anno non hanno ancora sviluppato questa protezione.

Di recente è stato scoperto che l’esposizione a tartarughe o il dar da mangiare a delle tartarughe probabilmente è stata la causa scatenante di due casi di botulismo infantile in Irlanda.

Di conseguenza, si è giunti alla conclusione che i rettili, in particolare le tartarughe, non sono animali domestici appropriati per i bambini piccoli. Pertanto, non dovrebbero essere tenuti nelle case dove abitano dei bambini di età inferiore ai cinque anni.

Inoltre, se possedete una tartaruga e andate a far visita ad una famiglia con bambini di età inferiore ai cinque anni, è consigliabile lavarsi le mani accuratamente.

Altre malattie che i rettili possono trasmettere

Malattie come la campilobatteriosi (un’infezione intestinale), la leptospirosi (una malattia del fegato), la trichinellosi (una malattia che colpisce i muscoli, il sistema nervoso, il cuore e i polmoni) sono state associate ai rettili.

Sebbene la maggior parte di queste siano curabili, alcuni casi possono essere gravi. Detto questo, ciò non rappresenta un rischio grave per la salute delle persone che allevano rettili, purché venga mantenuta un’igiene accurata.

Geco su una mano.

Consigli per chi possiede un rettile

La maggior parte delle persone ha poche probabilità di ammalarsi di infezione da Salmonella a causa del contatto con i rettili. Tuttavia, per ridurre ulteriormente il rischio di contrarre la salmonellosi, è bene seguire questi suggerimenti:

  • I rettili non devono essere tenuti come animali domestici in una casa in cui sono presenti bambini di età inferiore ai cinque anni.
  • Tutti i rettili dovrebbero essere considerati contaminati da uno o più batteri sopra menzionati.
  • Le donne incinte, gli anziani o gli adulti malati (ad esempio, le persone con cancro, HIV/AIDS o un numero di CD4 inferiore a 200) dovrebbero evitare ogni contatto con i rettili.
  • Dopo aver toccato un rettile, lavatevi sempre le mani con acqua calda e sapone.
  • Lavarsi sempre le mani anche dopo aver toccato la vasca e gli accessori utilizzati dai rettili, il loro cibo e le feci.
  • I rettili dovrebbero essere tenuti fuori dalla cucina, dalla sala da pranzo e da qualsiasi altra area in cui viene preparato il cibo.
  • Se possibile, tenete il vostro rettile confinato nella sua vasca o gabbia.
  • Disinfettare tutte le superfici con cui il rettile è entrato in contatto.
  • Lavare il rettile nel suo secchio, non usare mai il lavandino o il bagno. Indossare sempre guanti monouso durante la pulizia di vasche, gabbie o attrezzature. L’acqua sporca e le feci devono essere scaricate nel water o all’esterno della casa.
  • Non mangiare, bere o fumare mentre toccate un rettile, o in prossimità della sua vasca o dell’attrezzatura. Non baciare i rettili e non condividere cibo o bevande con loro.
  • Lavare tutti gli indumenti che sono stati in contatto con il rettile usando un lavaggio a caldo.
  • I rettili non dovrebbero essere mai tenuti in strutture per l’infanzia o asili nido.
  • http://www.reptilesmagazine.com/Reptile-Health/Ask-A-Vet/Diseases-Passed-From-Reptiles-To-Humans/
  • https://www.cdc.gov/healthypets/pets/reptiles.html
  • https://ras.research.cornell.edu/care/documents/OHS/zoonosis_information_sheet_reptiles.pdf